[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 05 Ottobre 2012

Scienza/Gran Bretagna: L’efficacia antiepilettica del cannabidivarin sarà testato in studi clinici

Scienziati all'Università di Reading hanno dimostrato per la prima volta che un cannabinoide della pianta di cannabis non studiato precedentemente potrebbe portare a trattamenti efficaci per le persone con epilessia. Il team presso il Dipartimento di Farmacia e Facoltà di Psicologia ha scoperto che cannabidivarin (CBDV) ha il potenziale per prevenire ulteriori crisi, con pochi effetti collaterali. Cannabidivarin è un cannabinoide di questo gruppo CBD.

Nello studio, effettuato dall'Università di Reading, il CBDV ha fortemente soppresso crisi in sei diversi modelli animali comunemente usati nella ricerca di farmaci per l’epilessia. E’ anche stato scoperto che il Cannabidivarin funziona quando somministrato in combinazione a farmaci attualmente utilizzati per controllare l’epilessia e, a differenza di altri cannabinoidi come il THC, non è psicoattivo e quindi non causa effetti psicotropi. Dr Ben Whalley, che sta conducendo lo studio, ha detto: "Questa è un’entusiasmante pietra miliare nelle nostre indagini sugli elementi non psicoattivi della cannabis come trattamenti per l'epilessia (...) Attualmente i farmaci prescritti per prevenire attacchi possono causare significativi effetti collaterali alle abilità individuali motorie e cognitive che possono influenzare negativamente la qualità della vita delle persone che devono assumerli ogni giorno. "

La società britannica GW Pharmaceuticals ha detto a Reuters che le sperimentazioni cliniche con cannabidivarin potrebbero iniziare nel 2013.

Hill AJ, et al. Br J Pharmacol. 2012 Sep 12. [in stampa]
Comunicato stampa della University of Reading
Comunicato stampa della GW Pharmaceuticals
Reuters of 13 September 2012

Notizie in breve

Scienza/Umana: L’esercizio moderato aumenta il livello degli endocannabinoidi
In uno studio con corridori umani un esercizio moderato su tapis roulant aumenta la concentrazione di endocannabinoidi nel sangue, mentre un esercizio di intensità molto bassa e molto alta non ha alterato significativamente i livelli di endocannabinoidi. Gli autori hanno concluso che "i risultati sono in linea con i cambiamenti di stato psicologico dipendenti dall’intensità dell’esercizio e quindi un sostegno all’ipotesi che l’attività di eCB [endocannabinoide] sia legata agli effetti neurobiologici dell’esercizio."
School of Anthropology, University of Arizona, Tucson, USA.
Raichlen DA, et al. EUR J Appl Physiol. 2012 Sep 19. [in stampa]

Scienza/Animale: Il cannabidiolo può essere utile nel disturbo da stress post-traumatico
In uno studio con ratti che erano stati esposti a gatti, il cannabinoide naturale CBD (cannabidiolo) ha ridotto le reazioni di paura un'ora dopo l'esposizione al predatore. Questo effetto è stato mediato almeno in parte dal recettore 5HT1A. Gli autori hanno concluso: "I nostri risultati suggeriscono che il CBD abbia un potenziale beneficio per il trattamento del PTSD [disturbo da stress post-traumatico] e che i recettori 5HT1A potrebbero essere un obiettivo terapeutico in questo disturbo."
School of Medicine of Ribeirão Preto, University of São Paulo, Brazil.
Campos AC, et al. J Psychiatr Res. 2012 Sep 11. [in stampa]

Scienza/Cellule: I cannabinoidi potrebbero essere utili per il cancro del fegato
Due cannabinoidi che entrambi si legano al recettore CB1 (ACEA) o al recettore CB2 (CB65) riducono la proliferazione e la vitalità delle cellule del cancro del fegato. Gli autori hanno scritto: “Questi dati suggeriscono ACEA e CB65 come un opzione per nuovi trattamenti del carcinoma epatocellulare.”
Faculty of Pharmacy, and Pharmaceutical Sciences Research Center, Tehran University of Medical Sciences, Iran.
Farsandaj N, et al. Toxicol Mech Methods. 2012 Sep 17. [in stampa]

Scienza/Animale: L'endocannabinoide oleamide migliora il sonno
L'endocannabinoide oleamide ha ripristinato il sonno nei ratti adulti che sono stati sottoposti a separazione prematura dalle loro madri. Questa separazione ha comportato disturbi del sonno, che è stato normalizzato dall’oleamide attraverso l'attivazione dei recettori CB1.
Departamento de Fisiología, Facultad de Medicina, Universidad Nacional Autónoma de México.
Reyes Prieto NM, et al. Pharmacol Biochem Behav. 2012 Sep 7. [in stampa]

Scienza/Animale: Un derivato del CBG riduce l'infiammazione nella sclerosi multipla
Un derivato del cannabinoide naturale CBG (cannabigerolo) ha ridotto l'infiammazione in un modello animale di sclerosi multipla. Gli scienziati hanno usato cannabigerol chinone.
Vivacell Biotechnology España, Córdoba, Spain.
Granja AG, et al. J Neuroimmune Pharmacol. 2012 Sep 14. [in stampa]

Scienza/Umana: L'uso di cannabis può aumentare il rischio di cancro ai testicoli
In uno studio epidemiologico, persone con una storia di uso di cannabis avevano un piccolo aumento (il doppio) del rischio di sviluppare il cancro ai testicoli. 163 pazienti con questo tipo di tumore sono stati confrontati con 292 soggetti di controllo.
Department of Preventive Medicine, University of California, Los Angeles, USA.
Lacson JC, et al. Cancer. 2012 Sep 10. [in stampa]

Scienza/Cellule: L’acido cannabidiolico potrebbe inibire la diffusione del cancro al seno
L’acido del cannabidiolo (acido cannabidiolico), che è altamente presente nella fibra di canapa, ha inibito la migrazione di cellule mammarie umane di cancro altamente aggressivo. Prima del riscaldamento i cannabinoidi sono prevalentemente presenti nella cannabis nella loro forma acida, tra cui il CBDA (acido cannabidiolico). Gli scienziati hanno scritto che " il CBDA offre una potenziale modalità terapeutica nell’arresto della migrazione delle cellule tumorali, tra cui il cancro al seno aggressivo."
Department of Molecular Biology, Daiichi University of Pharmacy, Fukuoka, Japan.
Takeda S, et al. Toxicol Lett. 2012 Sep 8. [in stampa]

Scienza/Umana: Il rischio di incidenti con l'uso di cannabis dipende dalla concentrazione
In uno studio case-control una concentrazione di 2 ng/ml di THC nel sangue è stato associato ad un rischio quattro volte maggiore di incidente rispetto a concentrazioni più basse di THC. Gli scienziati hanno confrontato 337 soggetti coinvolti in incidenti, di cui 161 sono risultati positivi per alcool e/o altre sostanze, con 2726 guidatori scelti a caso, di cui 301 sono risultati positivi per alcool e/o altre sostanze. Gli scienziati hanno concluso: "Lo studio ha dimostrato un rischio di incidenti dipendente dalla concentrazione per i conducenti positivi al THC. Alcol e combinazioni di alcol e di droga sono di gran lunga le sostanze più diffuse nei guidatori e conseguentemente rappresentano il maggior rischio nel traffico, entrambi in termini di rischio e di portata."
Department of Neuropsychology & Psychopharmacology, Faculty of Psychology and Neuroscience, Maastricht University, The Netherlands.
Kuypers KP, et al. PLoS One. 2012;7(8):e43496.
Articolo completo

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online 2020

Tutte le informazioni sugli eventi online dell'IACM, compresi i video gratuiti dei webinar con sottotitoli in italiano, si possono trovare qui.

Conferenza IACM 2021

La 12a conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà online dal 14 al 16 ottobre 2021. La registrazione è gratuita.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.