[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 19 Settembre 2013

Scienza/Umana: In uno studio clinico aperto la cannabis allevia i sintomi del cancro e riduce gli effetti collaterali dei farmaci anti-cancro

In uno studio clinico aperto con malati di cancro tutti i sintomi sono significativamente migliorati. Ricerche della Divisione di Oncologia del Rambam Health Care Campus, Haifa, e della Facoltà di Medicina di Haifa, in Israele, hanno seguito i pazienti con un’autorizzazione ad usare la cannabis medicinale per valutare i vantaggi e gli effetti collaterali dell'utilizzo di cannabis da parte dei pazienti oncologici. Lo studio includeva due colloqui sulla base di questionari riguardanti i sintomi e gli effetti collaterali, il primo tenutosi il giorno del rilascio dell’autorizzazione e il secondo 6-8 settimane dopo.

Dei 211 pazienti che hanno avuto un primo colloquio, solo 131 hanno poi sostenuto anche il secondo, 25 dei quali hanno interrotto il trattamento dopo meno di una settimana. Tutti i sintomi correlati al trattamento del cancro o agli antitumorali hanno mostrato un miglioramento significativo. Non sono stati osservati effetti collaterali significativi ad eccezione di una diminuzione della memoria nei pazienti con un uso di cannabis prolungato. Gli autori hanno concluso che "gli effetti positivi della cannabis sui vari sintomi correlati al cancro sono stati ottenuti in fiducia su auto-segnalazione per molte delle variabili. Anche se sono mancanti gli studi con un gruppo di controllo, il miglioramento dei sintomi dovrebbe spingere l'uso di cannabis nel trattamento palliativo dei pazienti oncologici.

Bar-Sela G, Vorobeichik M, Drawsheh S, Omer A, Goldberg V, Muller E. The medical necessity for medicinal cannabis: prospective, observational study evaluating the treatment in cancer patients on supportive or palliative care. Evid Based Complement Alternat Med. 2013;2013:510392, 16 luglio 2013. [in stampa].

Testo completo..

USA: Il governo federale consente agli Stati di legalizzare la cannabis ricreativa

Con un gesto che i sostenitori della cannabis hanno salutato come un cambiamento storico, l'amministrazione Obama, il 29 agosto, ha iniziato a dare agli stati americani un ampio margine di manovra per sperimentare la legalizzazione della cannabis e ha iniziato lasciando redigere al Colorado e allo stato di Washington nuove legislazioni che ne prevedono l'uso ricreativo. Il Dipartimento di Giustizia ha detto che riformulerà le restrizioni sulla cannabis a livello nazionale prevedendo reati penali solo in otto casistiche definite - come la distribuzione ai minori - senza perseguire gli utenti, i produttori e le attività collegate. Le decisioni concludono quasi un anno di riflessione all’interno dell'amministrazione del presidente Barack Obama su come reagire al crescente movimento per alleggerire le leggi sulla cannabis negli Stati Uniti.

I sostenitori della legalizzazione hanno accolto l'annuncio come un passo importante verso la fine del proibizionismo della cannabis. Nelle leggi federali la cannabis rimane illegale e rigorosamente controllata, anche se 20 stati, più il Distretto della Columbia, consentono l'uso della cannabis medica. Nel novembre 2012 gli elettori del Colorado e dello stato di Washington hanno legalizzato l'uso ricreativo con una votazione innovativa. Tuttavia il Dipartimento di Giustizia ha dichiarato che il margine di manovra per gli Stati terminerà qualora il Colorado, Washington o altri stati mostreranno di non essere in grado di controllare la sostanza.

Reuters del 29 agosto 2013..

Scienza/Umana: In uno studio clinico il THC ha migliorato l’addormentamento e ridotto leggermente il sonno durante la notte

In 13 fumatori regolari di cannabis, che hanno partecipato a uno studio di una settimana sul THC, concentrazioni maggiori di THC sono risultate significativamente associate con una minore difficoltà ad addormentarsi e con un maggiore sonno diurno nel giorno seguente. Questi sono i risultati di uno studio condotto presso il National Institute on Drug Abuse di Baltimora, USA. I partecipanti hanno ricevuto dosi crescenti di THC orale (40-120mg al giorno).

Maggiori concentrazioni serali di THC e di 11-OH-THC erano significativamente associate con una più breve latenza del sonno, meno difficoltà ad addormentarsi e un maggiore sonno diurno nel giorno seguente. Per contro, durante lo studio la durata del sonno notturno risultava leggermente diminuita (3,5 minuti per notte). Gli autori hanno concluso che "questi risultati suggeriscono che la tolleranza agli effetti sonnolenti del THC può essersi verificata, ma i risultati devono essere considerati preliminari a causa di limitazioni nella progettazione dello studio. La sonnolenza da THC orale può dissolversi con l'uso cronico di alte dosi.

Gorelick DA, Goodwin RS, Schwilke E, Schroeder JR, Schwope DM, Kelly DL, Ortemann-Renon C, Bonnet D, Huestis MA. Around-the-clock oral THC effects on sleep in male chronic daily cannabis smokers. Am J Addict 2013;22(5):510-4.

Notizie in breve

Scienza/Umana: L'uso precoce di cannabis non è la causa della riduzione del livello scolastico
Ricercatori hanno studiato, su 3337 gemelli adulti, la questione se l'uso di cannabis fosse la causa della riduzione dell livello di istruzione o se entrambi i fatti avessero una stessa altra causa. Dai loro risultati hanno concluso che "il rapporto tra l'uso precoce di cannabis e l’abbandono scolastico è dovuto a fattori di rischio ambientali condivisi che influenzano sia il rischio del consumo precoce di cannabis che l’abbandono scolastico."
VU University, Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e Istituto per la Ricerca sulla Salute e la Cura EMGO, Amsterdam, Paesi Bassi.
Verweij KJ, et al. Drug Alcohol Depend. 11 agosto 2013. [in stampa].

Canada: La maggioranza degli elettori sostiene la riforma delle leggi sulla cannabis
Più di due terzi (69%) supportano o la depenalizzazione per piccole quantità di cannabis (34%) o la sua legalizzazione e tassazione (36%). In un sondaggio realizzato su un Forum, a 1189 canadesi maggiori di 18 anni è stato chiesto il loro parere. Solo il 15% voleva la legge così come è, mentre il 13% voleva pene aumentate.
Comunicato stampa di Forum Research del 24 agosto 2013.

USA: Nel Maine un numero crescente di pazienti sono autorizzati a coltivare cannabis
Secondo il rapporto annuale del Dipartimento di Sanità, lo scorso anno circa 575 persone hanno chiesto allo stato di coltivare cannabis medica in proprio. 521 erano nuove domande. Gli otto dispensari di cannabis medica dello Stato hanno dato lavoro a 84 persone. Il Maine Medical Use of Marijuana Program ha preso 612.370 dollari in tasse e speso molto meno: 466.028 dollari
Bangor Daily News del 24 agosto 2013.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis in persone affette da ADHD peggiora alcuni sintomi
In uno studio con 56 uomini e 20 donne con ADHD (Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività), l'uso di cannabis è stato associato nelle donne con una peggiore qualità del sonno e negli uomini a maggiori sintomi di disattenzione. Gli autori hanno concluso che "gli uomini e le donne con ADHD possono utilizzare marijuana per ragioni diverse".
Dipartimento di Pediatria, Università di California, Irvine, USA.
Ly C & Gehricke JG. Psychiatry Res. 29 agosto 2013. [in stampa].

Scienza/Umana: Il consumo di cannabis tra i giovani con ADHD non ne ha peggiorato la cognizione
In giovani adulti con un'età media di 24 anni affetti da ADHD non vi era alcuna differenza tra le capacità cognitive dipendente dall’uso o meno di cannabis. 42 pazienti facevano uso di cannabis e 45 no. Le analisi esplorative hanno rivelato che le persone che hanno iniziato ad usare regolarmente la cannabis prima dei 16 anni possono avere alcuni effetti negativi sulla cognizione rispetto a quelli che hanno iniziato più tardi. Gli autori hanno concluso che "l'uso regolare di cannabis iniziato dopo i 16 anni non può essere sufficiente per aggravare i deficit cognitivi di lunga data caratteristici dell'ADHD."
Centro Medico Ospedaliero dei bambini di Cincinnati, USA.
Tamm L, et al. Drug Alcohol Depend. 11 agosto 2013. [in stampa].

Scienza/Animale: L’inibizione del trasporto dell'anandamide riduce la nausea nei toporagni
Una sostanza (ARN272), che riduce il ritorno dell'anandamide all'interno delle cellule aumentandone quindi la concentrazione, ha ridotto il vomito nei toporagni e i comportamenti riconducibili alla nausea nei ratti. Gli autori hanno concluso che "questi risultati suggeriscono che l’inibizione del trasporto dell'anandamide da parte del composto ARN272 attiva tonicamente i recettori CB1."
Dipartimento di Psicologia e Programma Collaborativo di Neuroscienze della Università di Guelph, Canada.
O'Brien LD, et al. Br J Pharmacol. 28 agosto 2013. [in stampa].

Scienza/Animale: Il CBD risulta neuroprotettivo dopo i danni del nervo sciatico
In ratti giovani le conseguenze del danno meccanico al nervo sciatico sono state ridotte dal CBD (cannabidiolo). Gli autori hanno concluso che "i risultati attuali mostrano che il CBD possiede caratteristiche neuroprotettive che potrebbero, a sua volta, essere promettenti per il futuro uso clinico.
Istituto di Biologia, Università di Campinas, Brasile.
Perez M, et al. EUR J Neurosci. 25 agosto 2013. [in stampa].

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

IACM Conference 2019

The IACM Conference 2019 will be held on October 31 - November 2, 2019, at Estrel Hotel, Berlin, Germany.

Members only

 Please click here to visit the Members Only Area with a film to honour Prof Raphael Mechoulam, 
Please click here to become a member.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.