[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 06 Agosto 2000

IACM: primo incontro alla Biorisorsa Canapa a settembre

Il Comitato Direttivo della IACM intende invitare coloro che sono interessati all'uso medico della cannabis e dei cannabinoidi a partecipare ad un primo meeting informale della IACM a Wolfsburg/ Germania.

Noi vogliamo utilizzare la serata (8 p.m.-10 p.m.) della giornata sui cannabinoidi (Il 16 di settembre) presso la Biorisorsa Canapa 2000 per un primo scambio di idee. La IACM vuole contribuire alla cooperazione a livello mondiale in questo campo. Questo implica uno scambio di informazioni sulle ricerche cliniche, la diffusione di informazioni sui vantaggi e sugli effetti collaterali dei cannabinoidi, il sostegno dei tentativi di migliorare la situazione legale per i pazienti che si avvantaggiano della pianta o dei singoli costituenti.

L'idea Ú quella di formare delle sezioni regionali in alcuni paesi al di fuori della regione di lingua tedesca della seconda versione della IACM News stampata (nella versione tedesca e inglese sarÓ presto disponibile ai membri della IACM e su richiesta. Per favore inviare una mail a: info@acmed.org.

Canada: La corte suprema dell'Ontario definisce incostituzionale la legge sulla marijuana

La Corte di appello dell'Ontario ha definito incostituzionale la legge sulla marijuana del Canada perchÚ non tiene in considerazione i bisogni dei Canadesi che utilizzano la droga come medicina. Nella sentenza del 31 luglio essa affermava che il possesso di marijuana diventerÓ legale in Ontario se il Parlamento non ammenderÓ la legge entro 12 mesi.

La corte stava decidendo sul caso di Terry Parker, un epilettico di Toronto che fuma marijuana per controllare i suoi attacchi violenti. Il Signor Parker era stato accusato di coltivazione di marijuana e ha vinto quel processo nel 1997 in una corte di grado inferiore, ma il governo ha fatto ricorso.

Il giudice Rosenberg, scrivendo per conto della maggioranza dei giudici, affermava che la corte cera soddisfatta rispetto al fatto che Il signor Parker ha bisogno della marijuana per tenere sotto controllo i suoi attacchi, che lui dovrebbe potere accedere legalmente alla droga. I tre giudici della corte hanno riscontrato che il divieto completo lo costringeva a scegliere tra la sua salute e la prigione. Questo Ú in contraddizione con i principi della giustizia.

Non Ú sufficiente, ha deciso la corte, per il Ministro federale della sanitÓ di provvedere una dispensa speciale per le persone che hanno un esigenza medica per utilizzare la droga. La corte ha dato al governo un anno di tempo per potere presentare riscorso alla Corte Suprema del Canada, ammendare la legge o semplicemente farla morire.

Parker verrÓ esentato dalle leggi canadesi sulla marijuana mentre il Parlamento tenterÓ di riscrivere le leggi. "Questa decisione aprirÓ delle porte all'interno del paese e per i canadesi malati che hanno bisogno della cannabis per aiutare ad alleviare i sintomi come la nausee e il vomito," affermava il legale di Parker, Aaron Harnett.

(Fonti: Reuter del 21 luglio 2000, UPI del 21 luglio 20000, Toronto Star del 1 agosto 2000, Vancouver Sun del 2 agosto, NORML del 2 agosto 200)

Germania: Quattro giornate di Biorisorsa Canapa con una giornata dedicata ai cannabinoidi

Il pi¨ grande simposio scientifico tecnico sulla canapa, Biorisorsa Canapa, aprirÓ le sue porte per la terza volta nel 2000, dal 13 al 16 settembre del 2000 come parte del EXPO-2000. Verrano presentate un totale di circa 70 presentazioni tecniche.

Il programma di conferenza nella giornata del 16 settembre include:

SEMI E OLIO
Con Gordon Scheifele (Canada), Roman Przybylski (Canada), Helga Moelleken (Germania), Peter Looser (Svizzera)

CANNABINOIDI E CIBO
Con Gero Leson (USA), Petra Pless (USA), Kathleeen Boyle (USA), Pascal Hilber (Francia), Robert Gorter /(USA/Germania), Tod H. Mikuriya (USA), David W. Pate (Paesi bassi), Vincenzo Di Marzo (Italia), Willem K. Scholten (I Paesi bassi)

CANNABIS E CANNABINOIDI NELLA MEDICINA MODERNA
Con Martin Schnelle (Germania), Kathleen Boyle (USA), Pascal Hilber (Francia), Robert Gorter (USA/Germania), Kirsten Mueller-Vahl (Germania), Richard E. Musty (USA), Franjo Grotenhermen (Germania), Tod H. Mikuriya (USA), David W. Pate (I Paesi bassi), Vincenzo di Marzo (Italia), Willem K. Scholten (Paesi bassi)

Pi¨ informazioni sono disponibili presso il sito: www.bioresource-hemp.de

Scienza: Livelli innalzati di endocannabinoidi nel globus pallidus associati a la riduzione ne movimento in un modello animale del morbo di Parkinson

La alta densitÓ di ricettori cannabinoidi CB1 con i gangli basali suggerisce un ruolo potenziale per gli endocannabinoidi nel controllo del movimento volontario e nel movimento basale gangli relato come il morbo di Parkinson.

Il dott. Vincenzo Di Marzo e colleghi riportavano la presenza di cannabinoidi in due regioni dei gangli basali, il globus pallidus e la substantia nigra. I livelli dell'anandamide endocannabinoide erano approssimativamente tre volte pi¨ alte di quelle riportate precedentemente in ogni altra regione del cervello.

Nel ratto trattato con la reserpina, un modello animale del morbo di Parkison, la soppressione della locomozione Ú accompagnata da un aumento di sette volte nei livelli dell'endocannabinoide 2AG nel globus pallidus. Il completo recupero funzionale della locomozione nel ratto trattato con la reserpina era ottenuto con la somministrazione di quinpirole (un agonista del recettore ella dopamina) e il recettore antagonista del CB1 SR141716A.

Queste scoperte indicato che la modulazione del sistema di segnalare gli endocannabinoidi potrebbe dimostrasi utile nel trattamento del morbo di Parkinson.

(Fonte: Di Marzo V, et al. Enhanced levels of endogenous cannabinoids in the globus pallidus are associated with a reduction in movement in an animal model of Parkinson's disease. FASEB J 2000;14:1432-1438)

Notizie in breve

Spagna:
Un sondaggio di Sigma Dos mostrava che il 64.6% della popolazione spagnola appoggiano l'accesso legale alla cannabis per la gente malata, solamente il 6,1% erano contrari ad ogni possibilitÓ legale.(Fonte: Canamo rivista, agosto 2000)

Spagna:
La societÓ Spagnola per la Cura Palliativa (SECPAL) richiede l'uso medico legale della marijuana per i malati terminali. Al terzo congresso nazionale della associazione il loro presidente Marcos G˛mez sottolineava i benefici della cannabis nella perdita dell'appetito, nausea, e vomito, condizioni dolorose e ansietÓ. La illegalitÓ renderebbe il prodotto "molto utile" inaccessibile per molte persone che ne hanno bisogno. Lui relazionava alla platea degli oltre 100 esperti sugli effetti positivi sperimentati con la marijuana fumata in certi centri per la medicina palliativa. Inoltre, i pazienti che usavano la marijuana avevano bisogno di quantitativi molto inferiori di altri farmaci. (Fonte: Canamo rivista, luglio 2000)

USA:
Il Dipartimento Federale di Giustizia ha chiesto alla Corte Suprema Statunitense di rivedere una sentenza di una corte di grado inferiore che permetterebbe alla Cooperativa di Acquirenti di Cannabis di Oakland di distribuire la marijuana medica ai pazienti. Una sentenza di settembre della Nona Corte di Appello di Circuito degli S.U. ha riscontrato che le leggi federali sulla droga non impediscono i dirittti riguardanti le di "necessitÓ mediche" per pazienti che hanno bisogno della marijuana per alleviare i dolori. Ma il Dipartimento di Giustizia affermava che gli Usa che simili permessi per la distribuzione di marijuana "metterebbero in pericolo la capacitÓ del governo di gestirere le leggi federali sulle droghe." (Fonti: Arizona Daily Star del 30 Luhlio 2000)

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online 2020

Tutte le informazioni sugli eventi online dell'IACM, compresi i video gratuiti dei webinar con sottotitoli in italiano, si possono trovare qui.

Conferenza IACM 2021

La 12a conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà online dal 14 al 16 ottobre 2021. La registrazione è gratuita.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.