[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 15 Maggio 2021

IACM: due decenni dell'Associazione Internazionale per le Medicine Cannabinoidi

In un articolo per la rivista IACM Cannabis and Cannabinoids Research l'attuale presidente e il direttore esecutivo dell'IACM danno una panoramica storica dello sviluppo dell'Associazione. Da venti anni ad oggi è divenuta la più importante società scientifica per la ricerca clinica nel campo delle medicine a base di cannabis.

Lo scopo principale dell'IACM è quello di far progredire la conoscenza della cannabis, dei cannabinoidi, del sistema endocannabinoide e dei temi correlati, soprattutto per quanto riguarda il loro potenziale terapeutico, che permetterebbe a più pazienti di trarre vantaggio da un trattamento con farmaci a base di cannabis e faciliterebbe i legislatori nell'adozione delle loro politiche.

Grotenhermen F, Müller-Vahl KR. Two Decades of the International Association for Cannabinoid Medicines: 20 Years of Supporting Research and Activities Toward the Medicinal Use of Cannabis and Cannabinoids. Cannabis Cannabinoid Res. 2021;6(2):82-87.

Scienza/Umana: Circa il 20% dei pazienti oncologici pediatrici in Canada usano prodotti a base di cannabis

Secondo un sondaggio condotto tra i pazienti e i caregivers di bambini con cancro che frequentano una clinica di oncologia pediatrica con 64 partecipanti 14 (22%) hanno riferito l'uso di cannabis. Lo studio è stato pubblicato dai ricercatori del Dipartimento di Pediatria e Salute del Bambino dell'Università di Manitoba a Winnipeg, Canada.

La metà dei consumatori di cannabis la usava o per il trattamento del cancro o per la gestione dei sintomi, o per entrambi. La leucemia era la diagnosi più frequente nei bambini i cui caregivers hanno riferito di aver usato cannabis e la maggior parte di loro stava ancora ricevendo un trattamento attivo del cancro. Tutti gli intervistati che hanno usato la cannabis hanno sperimentato un miglioramento dei sintomi. Le soluzioni oleose erano le preparazioni più comunemente usate (86%). Gli autori concludono che la loro indagine "mostra che la cannabis, soprattutto i prodotti oleosi, è stata usata da un quinto dei bambini con cancro durante o dopo il completamento del trattamento del cancro."

Chapman S, Protudjer J, Bourne C, Kelly LE, Oberoi S, Vanan MI. Medical cannabis in pediatric oncology: a survey of patients and caregivers. Support Care Cancer. 2021 Maggio 1. [in stampa].

Scienza/Umana: Il CBD può essere efficace in molte forme di epilessia nei bambini e nei giovani adulti

Secondo un'analisi retrospettiva di 78 pazienti trattati con CBD (cannabidiolo) negli anni dal 2016 al 2019 il cannabinoide può essere efficace in diverse forme di epilessia resistente al trattamento. Questa ricerca è stata condotta dagli investigatori del Dipartimento di Pediatria del Danish Epilepsy Centre Filadelfia a Dianalund, Danimarca.

In 51 pazienti con registrazione della frequenza delle crisi, circa il 31% ha avuto una riduzione delle crisi del 50% o più a tre mesi, il 31% a sei mesi, il 28% a 12 mesi e il 20% a 24 mesi. Un certo grado di riduzione delle crisi è stato visto dopo 3 mesi nel 69% dei pazienti. La riduzione delle convulsioni era maggiore con la co-medicazione di clobazam. Gli autori hanno concluso che "il cannabidiolo è un'opzione di trattamento in bambini e giovani adulti con grave epilessia refrattaria diversa dalle sindromi di Dravet e Lennox-Gastaut".

Zilmer M, Olofsson K. Cannabidiol treatment of severe refractory epilepsy in children and young adults. Dan Med J. 2021;68(5):A07200527.

Scienza/Umana: Una nuova ricerca non conferma la teoria della porta d'ingresso

L'uso di cannabis è stato proposto per servire come un "gateway" che aumenta la probabilità che i consumatori si impegnino nell'uso successivo di sostanze più dure e dannose. In un nuovo studio dei ricercatori della Boise State University, USA, si estende la letteratura su questa teoria utilizzando tre ondate di dati del National Longitudinal Study of Adolescent to Adult Health (1994-2002), sono stati condotti diversi test dell'ipotesi del "gateway" della cannabis.

Sei dei diciotto test erano statisticamente significativi. Tuttavia, solo tre erano sostanzialmente significativi. Questi tre test hanno trovato deboli effetti dell'uso frequente di cannabis sull'uso di droghe illecite, ma erano anche sensibili a distorsioni nascoste. Gli autori hanno scritto che "i risultati di questo studio indicano che l'uso di marijuana non è una causa affidabile dell'uso di droghe illecite. Come tale, è improbabile che le politiche di proibizione riducano l'uso di droghe illecite".

Jorgensen C, Wells J. Is marijuana really a gateway drug? A nationally representative test of the marijuana gateway hypothesis using a propensity score matching design. Journal of Experimental Criminology. 2021 aprile 05. [in stampa].

Scienza/Umana: La relazione tra uso di cannabis e schizofrenia può essere mediata da fattori di rischio genetici comuni

Secondo un grande studio dagli USA la responsabilità per i disturbi da uso di cannabis era significativamente associata alla schizofrenia. I ricercatori del Dipartimento di Psichiatria della Washington University School of Medicine di St. Louis hanno usato grandi statistiche riassuntive di studi di associazione genoma-wide, che andavano da 161.405 a 357.806 individui di ascendenza EURopea.

Gli autori hanno trovato prove miste di una relazione causale, con un'analisi (l'analisi della variabile causale latente) che non ha trovato alcuna prova di causalità, ma un'altra analisi (l'analisi di randomizzazione mendeliana multivariabile) che suggerisce un significativo effetto di aumento del rischio del disturbo da uso di cannabis sulla responsabilità alla schizofrenia. Gli autori hanno concluso che "la responsabilità per il disturbo da uso di cannabis sembra essere robustamente associata alla schizofrenia, (...) con prove miste a sostegno di una relazione causale tra disturbo da uso di cannabis e schizofrenia."

Johnson EC, Hatoum AS, Deak JD, Polimanti R, Murray RM, Edenberg HJ, Gelernter J, Di Forti M, Agrawal A. The relationship between cannabis and schizophrenia: a genetically informed perspective. Addiction. 2021 Maggio 5. [in stampa].

Scienza/Umana: Molte persone con il morbo di Parkinson traggono vantaggio da un trattamento con la cannabis

Per capire l'esperienza della cannabis per le persone con Parkinson, la Michael J. Fox Foundation (MJFF) ha lanciato un sondaggio attraverso il suo studio online Fox Insight nel gennaio 2020. Il sondaggio chiedeva informazioni sui tipi di cannabis usati e sui metodi d'uso, così come su come la cannabis influenzasse i sintomi del morbo di Parkinson. In quattro mesi, hanno partecipato quasi 1.900 persone con il Parkinson.

La dottoressa Maureen Leehey dell'Università del Colorado Denver, leader dello studio, ha recentemente presentato i risultati dello studio al 2021 American Academy of Neurology Virtual Annual Meeting. Più della metà degli intervistati ha riportato lievi benefici su sonno, umore e dolore. In media, gli intervistati hanno detto di usare una dose orale di cannabis una volta al giorno. Gli effetti collaterali erano comuni ma di solito lievi. Oltre il 30% degli intervistati non ha discusso l'uso della cannabis con il proprio medico.

The Michael J. Fox Foundation del 26 aprile 2021

Notizie in breve

USA: Quattordicesima Conferenza Clinica Nazionale sulla Cannabis Terapeutica
Patients Out of Time è lieta di presentare la quattordicesima Conferenza Clinica Nazionale sulla Cannabis Therapeutica, una conferenza online, da giovedì 20 a sabato 22 maggio. Il tema della conferenza è "Lo stato della scienza".
Conference website

Svizzera: La legalizzazione della cannabis si avvicina
Il Comitato della Salute del Consiglio Nazionale vuole adattare i regolamenti sull'uso della cannabis alla realtà sociale. Un mercato regolato dovrebbe anche fornire una migliore protezione e prevenzione. Il Comitato per la Sicurezza Sociale e la Salute del Consiglio Nazionale (SGK-N) ha approvato una proposta per la legalizzazione della cannabis per gli adulti con 13 voti contro 11, e un'astensione.
Zuerichsee-Zeitung del 30 aprile 2021

Italia: Un malato di cannabis, che coltivava la propria cannabis, è stato assolto
Una sentenza in Italia riaccende il dibattito sull'adozione di una legge ad hoc. Il Tribunale di Arezzo ha assolto Walter De Benedetto - paziente reso disabile dall'artrite reumatoide - dall'accusa di coltivazione di cannabis. Il giudice Lombardo ha considerato la produzione di cannabis trovata dai carabinieri nella casa di Ripa di Olmo, alla periferia di Arezzo, come necessaria per l'uso terapeutico personale del 49enne.
adnkronos del 27 aprile 2021

Scienza/Umana: Dopo la legalizzazione della cannabis molti pazienti con fibromialgia in Canada usano la droga a scopo medico
In un gruppo di 1000 pazienti reumatologici partecipanti a un sondaggio, 117 avevano una diagnosi di fibromialgia. L'uso medico della cannabis è stato riportato da 28 (24%). Il sollievo dei sintomi riferito era sostanziale.
Divisione di Reumatologia, McGill University Health Centre, Montreal, e Alan Edwards Pain Management Unit, McGill University Health Centre, Canada.
Fitzcharles MA, et al. Clin Exp Rheumatol. 2021 aprile 29. [in stampa].

Scienza/Animale: Il sistema endocannabinoide coinvolge i modelli di sonno
Uno studio sui ratti mostra che l'attivazione del recettore CB1 in una certa regione del cervello, il nucleo settale, aumenta il sonno REM (rapid eye movement). Il sonno REM è associato ai sogni.
All India Institute of Medical Sciences, New Delhi, India.
Puskar P, et al. Physiol Behav. 2021:113448.

Scienza/Animale: Il sistema endocannabinoide può essere alterato dopo la somministrazione regolare di oppiacei
Secondo una ricerca sui ratti il sistema endocannabinoide può essere modificato dopo la somministrazione di oppiacei. Gli autori hanno notato "che il sistema cannabinoide endogeno può partecipare alla ricompensa indotta dagli oppioidi".
Dipartimento di Farmacologia, College of Medicine, Università dell'Arizona, Tucson, Stati Uniti.
Zhang H, et al. Front Pharmacol. 2021;12:632757.

Scienza/Umana: Il CBD può essere un inibitore dell'enzima epatico CYP1A2
In uno studio su adulti sani, che hanno ricevuto diverse dosi di CBD da 250 mg una volta al giorno a 750 mg due volte al giorno e caffeina, i risultati mostrano che il CBD può essere un inibitore del CYP1A2, un enzima epatico, che è coinvolto nella degradazione di diversi farmaci.
GW Research Ltd, Cambridge, UK.
Thai C, et al. Clin Pharmacol Drug Dev. 2021 maggio 5. [in stampa].

Scienza/Umana: Il CBD può essere utile nella gestione del bruxismo secondo un case report
I ricercatori hanno presentato un case report di un uomo con grave bruxismo, i cui sintomi sono stati quasi completamente alleviati dal trattamento con CBD (cannabidiolo).
Global Brain Health Institute, Università della California, San Francisco, USA.
Pina-Escudero SD, et al. Neurocase. 2021:1-3.

Scienza/Animale: L'attivazione del sistema endocannabinoide può essere protettivo contro la discinesia tardiva
La discinesia tardiva è un effetto collaterale del trattamento con neurolettici. Una ricerca sui ratti mostra che l'attivazione del recettore CB1 può proteggere dallo sviluppo della discinesia tardiva.
Dipartimento di Farmacologia, Istituto di Scienze Biologiche, Universidade Federal de Minas Gerais (UFMG), Belo Horizonte, Brasile.
Röpke J, et al. Pharmacol Biochem Behav. 2021:173193.

Scienza/Umana: Indagine sulla volontà di utilizzare il nuovo sistema di prescrizione della cannabis medicinale in Nuova Zelanda
Sono stati identificati diversi predittori riguardo alla disponibilità dei cittadini della Nuova Zelanda a partecipare a un nuovo programma di cannabis terapeutica. Uno dei principali predittori positivi era il reddito più alto e uno dei principali predittori negativi era la coltivazione della cannabis.
Ricercatore senior, SHORE & Whāriki Research Centre, Massey University, Nuova Zelanda.
Rychert M, et al. N Z Med J. 2021 aprile 30;134(1534):66-75.

Scienza/Animale: Il recettore CB2 era protettivo nel melanoma
In uno studio sui topi i ricercatori hanno trovato un ruolo protettivo del recettore CB2 nel melanoma, che era mediato da alcune cellule immunitarie, le cosiddette cellule B.
Istituto di patologia dell'Università di Berna, Svizzera.
Gruber T, et al. Cancers (Basel). 2021;13(8):1934.

Scienza/Animale: La palmitoiletanolamide riduce la proliferazione delle cellule del cancro al colon
L'endocannabinoide palmitoiletanolamide ha dimostrato di ridurre la proliferazione delle cellule tumorali del colon e la loro migrazione nei topi.
Dipartimento di Farmacia, Scuola di Medicina e Chirurgia, Università di Napoli Federico II, Napoli, Italia.
Pagano E, et al. Cancers (Basel). 2021;13(8):1923.

Scienza/Umana: Molti anziani con sclerosi multipla, artrite reumatica e cancro usano cannabis
In un'analisi dei dati sulle persone di 60 anni o più con sclerosi multipla (N = 135), artrite (N = 582) o cancro (N = 622) dal Medical Cannabis Program in Illinois i ricercatori hanno trovato che "la cannabis può essere una valida alternativa agli oppioidi per chi ha queste condizioni e prova dolore" .
College of Public Health, University of Iowa, USA.
Kaskie B, et al. Brain Sci. 2021;11(5):532.

Scienza/Cellule: Come il CBD esercita i suoi effetti anti-cancro
I ricercatori hanno trovato diversi meccanismi attraverso i quali il CBD esercita effetti anticancro. Per esempio, il CBD inibisce un enzima chiamato FOXM1 coinvolto nella proliferazione cellulare. Gli autori hanno concluso che "il CBD potrebbe rappresentare una promettente terapia non tossica per il trattamento di tumori di varia origine".
California Pacific Medical Center, Istituto di ricerca, USA.
Desprez PY, et al. Cannabis Cannabinoid Res. 2021;6(2):148-155.

Scienza/Animale: La morfina induce un aumento dei recettori CB2 nel midollo spinale
In uno studio sui ratti la somministrazione di morfina ha provocato un aumento dell'espressione dei recettori CB2 nel corno dorsale del midollo spinale. Gli autori hanno concluso che "gli effetti sinergici dei trattamenti morfina-cannabinoidi, quindi, possono coinvolgere le interazioni dei recettori oppioidi CB2-mu, indicando nuovi trattamenti terapeutici per una varietà di condizioni mediche".
Dipartimento di Psicologia, Queen's University, Kingston, Canada.
Grenier P, et al. Cannabis Cannabinoid Res. 2021;6(2):137-147.

Scienza/Animale: Il CBD riduce i sintomi di astinenza nella dipendenza da nicotina
In uno studio su ratti dipendenti dalla nicotina, iniezioni di CBD in una dose di 7,5 mg per chilogrammo al giorno hanno ridotto i sintomi di astinenza.
Dipartimento di Neuroscienze, The Scripps Research Institute, La Jolla, USA.
Smith LC, et al. Psychopharmacology (Berl). 2021 aprile 28. [in stampa].

Scienza/Animale: Farmacocinetica del CBD nei cani
In un test controllato con placebo con 20 cani adulti sani, che hanno ricevuto diverse dosi di CBD ((1, 2, 4, o 12 mg/kg in un estratto di cannabis) o un placebo per 28 giorni le concentrazioni nel sangue sono aumentate in modo dose-dipendente. Solo la dose più alta è stata associata a eventi avversi peggiori, soprattutto gastrointestinali.
Canopy Animal Health, Canopy Growth Corporation, Toronto, Canada.
Vaughn DM, et al. Am J Vet Res. 2021;82(5):405-416.

Scienza: Il CBD può essere trasformato in THC nelle sigarette elettroniche
Nelle sigarette elettroniche che funzionano a temperature tra 250 e 500 °C il CBD è stato parzialmente trasformato. A seconda della temperatura dal 25 al 52% del CBD è stato trasformato principalmente in THC, CBN (cannabinolo) e CBC (cannabicromene).
Istituto di Chimica dei Materiali e dell'Ambiente, Centro di Ricerca per le Scienze Naturali, Eötvös Loránd Research Network, Budapest, Ungheria.
Czégény Z, et al. Sci Rep. 2021;11(1):8951.

Scienza/Animale: Il CBD induce effetti anticonvulsivanti in modelli genetici di epilessia
In uno studio su ratti geneticamente modificati il CBD ha mostrato effetti antiepilettici. Gli autori hanno notato che gli effetti anticonvulsivanti del CBD erano "associati a una ridotta attività neuronale cronica e alla modulazione dell'espressione del CB1R".
Dipartimento di Neuroscienze e Scienze Comportamentali, Scuola di Medicina di Ribeirão Preto, Università di São Paulo, Ribeirão Preto, Brasile.
Lazarini-Lopes W, et al. Epilepsy Behav. 2021;119:107962.

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online 2020

Tutte le informazioni sugli eventi online dell'IACM, compresi i video gratuiti dei webinar con sottotitoli in italiano, si possono trovare qui.

Conferenza IACM 2021

La 12a conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà online dal 14 al 16 ottobre 2021. La registrazione è gratuita.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.