[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 01 Aprile 2021

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile nel dolore da angina instabile e malattia coronarica secondo un case report

I ricercatori del Center for Primary Care Medicine di Lawrenceville, USA, hanno descritto il caso di un uomo di 63 anni che si è presentato a un medico di base per un consulto sulla cannabis medica a causa dell'angina instabile (UA) non alleviata dalla morfina o dai farmaci cardiaci. Aveva fallito tutte le terapie polifarmaceutiche di prima e seconda linea. Il paziente si era presentato per la prima volta 22 anni prima dopo un sospetto infarto miocardico. Si era ripresentato nel 2010 e in quel periodo fu sottoposto a posizionamento di stent per una malattia coronarica inoperabile a tre vasi. Sviluppò il dolore dovuto all'angina instabile negli ultimi 6 anni.

In combinazione con la sua cura cardiaca standard, il paziente ha avuto una graduale diminuzione del dolore, compresa la frequenza e il tipo di dolore, dopo aver usato una forma commestibile di cannabis. Dopo aver continuato il trattamento, ha cessato il trattamento a lungo termine con morfina e ha descritto il dolore come non più invalidante. Come dimostrato dai suoi test di tolleranza all'esercizio, il paziente ha sperimentato una migliore capacità funzionale e ha riferito un aumento delle sue funzioni quotidiane e dell'attività generale.

Shaffer BL, Davis GM, Incitti MA, Piper BJ, Entler BV. Application of medical cannabis in unstable angina and coronary artery disease: A case report. Medicine (Baltimore). 2021;100(11):e25172.

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile nel trattamento di nausea e vomito durante la gravidanza secondo una serie di casi

I ricercatori della Facoltà di Medicina Adelson dell'Università di Ariel, Israele, hanno presentato 4 casi di donne con iperemesi gravidica (nausea e vomito durante la gravidanza), che hanno beneficiato di un trattamento con cannabis. Hanno notato che "L'iperemesi gravidica (HG) risponde solo parzialmente ai farmaci antiemetici standard".

C'era un miglioramento altamente significativo dei sintomi. Il punteggio del PUCE (Pregnancy Unique Quantification of Emesis) è migliorato da una media di 14.5 a 7.5, oltre a un miglioramento della qualità della vita. Gli autori hanno scritto che questi "risultati suggeriscono che la cannabis può essere efficace per la HG, e dovrebbe essere studiata in studi controllati e adeguatamentepotenziati, considerando pienamente i potenziali rischi fetali".

Koren G, Cohen R. The use of cannabis for Hyperemesis Gravidarum (HG).J Cannabis Res, 2020;2(4).

Scienza/Umana: La cannabis può essere efficace nel trattamento del linfoma di Hodgkin secondo un case report

L'auto-trattamento con cannabis ha portato a una riduzione della massa tumorale del linfoma di Hodgkin in una donna che aveva rifiutato la chemioterapia a causa della sua gravidanza. Questo caso è stato riportato dai ricercatori della Facoltà di Medicina e Farmacia dell'Università di Oradea, Romania. Alla paziente di 21 anni è stato diagnosticato un linfoma di Hodgkin allo stadio IIB e ha iniziato la prima linea di chemioterapia e radioterapia, con una remissione incompleta.

Cinque anni dopo, è rimasta incinta per la seconda volta e le è stata proposta l'interruzione della gravidanza, che ha rifiutato. Una risonanza magnetica ha rivelato una progressione del linfoma di Hodgkin ed è stata ricoverata più volte in ospedale per condizioni generali alterate, infezioni respiratorie e maggiore necessità di antidolorifici compresi gli oppioidi. A 26 settimane di gravidanza, la paziente iniziò da sola un trattamento con cannabis pura. Il dolore e lo stato generale migliorarono e il tessuto tumorale diminuì. Ha partorito con taglio cesareo a 34 settimane un maschio. Gli autori hanno concluso che "la cannabis potrebbe essere parte del trattamento oncologico. Nessun altro caso come questo, per quanto ne sappiamo, è stato riportato in precedenza".

Huniadi A, Sorian A, Iuhas C, Bodog A, Sandor MI. The effect of cannabis in the treatment of Hodgkin's lymphoma in a pregnant patient - extensive case report and literature review. J BUON. 2021;26(1):11-16.

Notizie in breve

Israele: Circa 85.000 pazienti ricevono cannabis per uso medico
Il numero di pazienti con cannabis ha superato la soglia degli 85.000 nel febbraio 2021, compreso un aumento di circa 2.000 solo nell'ultimo mese, leggermente inferiore alla media mensile di circa 3.000 nuovi pazienti al mese negli ultimi mesi.
Cannabis Magazine del 17 marzo 2021

Zambia: Il governo vuole legalizzare la coltivazione della cannabis per uso medico
Il gabinetto dello Zambia ha approvato la pubblicazione e l'introduzione di un disegno di legge in parlamento per legalizzare la coltivazione della cannabis.
News Agency of Nigeria del 3 marzo 2021

Scienza: Il CBD mostra effetti antivirali contro il nuovo coronavirus
Il CBD e il suo metabolita, 7-OH-CBD bloccano potentemente la replicazione della SARS-CoV-2 nelle cellule epiteliali del polmone. Il CBD agisce dopo l'infezione cellulare, inibendo l'espressione genica virale e invertendo molti effetti della SARS-CoV-2 sulla trascrizione genica dell'ospite.
Ben May Dipartimento per la ricerca sul cancro, Università di Chicago, USA.
Nguyen LC, et al. bioRxiv, 2021, Mar 10. [in corso di revisione].

Scienza/Umana: La cannabis può aumentare l'esercizio fisico
In uno studio su 12.043 giovani adulti i risultati "mostrano che, in particolare per i modelli a effetti fissi, l'uso di marijuana non è significativamente correlato all'esercizio fisico, in contrasto con la credenza convenzionale che i consumatori di marijuana hanno meno probabilità di essere attivi. Infatti, le uniche stime significative suggeriscono una relazione positiva, anche tra i consumatori più pesanti negli ultimi 30 giorni".
Dipartimento di gestione e politica sanitaria, Miami Herbert Business School, Università di Miami, Coral Gables, USA.
French MT, et al. Prev Med. 2021 Mar 9:106518.

Scienza/Umana: La legalizzazione in Canada non ha avuto un effetto sul consumo di cannabis negli adolescenti
In un ampio studio i risultati mostrano che "sembra che la legalizzazione della cannabis non sia ancora stata seguita da pronunciati cambiamenti sul consumo giovanile di cannabis. L'alta prevalenza del consumo giovanile di cannabis in questo campione rimane una preoccupazione. Questi dati suggeriscono che la legge sulla cannabis non ha ancora portato alla riduzione del consumo giovanile di cannabis prevista nel suo approccio di salute pubblica."
Università di Waterloo, School of Public Health and Health Systems, Waterloo, Canada.
Zuckermann AME, et al. Science Direct, 2021, Jun 12:.101351

Scienza/Umana: L'uso di alcool ma non di cannabis riduce lo spessore della corteccia cerebrale
Secondo uno studio su 436 gemelli di età superiore ai 24 anni l'uso di alcool, ma non di cannabis, era associato a un ridotto spessore della corteccia in diverse regioni del cervello.
Dipartimento di Psichiatria e Scienze Comportamentali, Università di Minnesota, Minneapolis, USA.
Harper J, et al. Biol Psychiatry. 2021 Jan 20:S0006-3223(21)00048-

Scienza/Umana: Le leggi sulla cannabis medica negli USA non sono associate a un maggior uso di cannabis da parte degli adolescenti
Secondo un'analisi su 1.091.723 partecipanti negli anni dal 1991 al 2015 "gli adolescenti che riferivano un uso di marijuana nei 30 giorni precedenti erano minori negli stati che avevano emanato leggi sulla cannabis medica in qualsiasi momento durante il periodo di studio". Gli autori inoltre "non hanno trovato effetti sull'uso pesante di marijuana".
Cannabis Control Commission, Commonwealth of Massachusetts, Worcester, USA.
Johnson JK, et al. Subst Abus. 2021 Mar 22:1-5.

Scienza/Umana: "Quando dicono che l'erba causa depressione, ma è il tuo antidepressivo preferito"
:Un articolo intitolato "When they say weed causes depression, but it's your fav antidepressant" analizza la relazione tra cannabis e depressione.
Wright State University, Dayton, Ohio, USA.
Yadav S, et al. PLoS One. 2021;16(3):e0248299.

Il CBD può ridurre il consumo di alcol secondo uno studio osservazionale
Secondo uno studio osservazionale su 120 consumatori di cannabis e alcol, che ha confrontato 3 gruppi, un gruppo che usava cannabis con alto THC, un gruppo che usava ceppi di cannabis ad alto contenuto di THC e CBD e un gruppo che usava ceppi ad alto contenuto di CBD, il gruppo CBD beveva meno bevande al giorno e aveva meno giorni di consumo di alcol. Non c'era alcuna differenza tra i gruppi THC e THC/CBD.
Dipartimento di Psicologia, Colorado State University, Fort Collins, CO, USA.
Karoly HC, et al. Psychol Addict Behav. 2021 Mar 25. [in stampa].

Scienza/Animale: Sia il CBD che il THC riducono il dolore neuropatico
In studi sui topi, sia il THC che il CBD hanno fornito effetti analgesici contro il dolore neuropatico. Gli autori hanno scritto che questo "suggerisce che il CBD fornisce un trattamento orale più sicuro, anche se meno efficace, per il dolore neuropatico indotto da lesioni nervose rispetto ai preparati contenenti THC".
Pain Management Research Institute, Kolling Institute of Medical Research, Northern Clinical School, University of Sydney at Royal North Shore Hospital, Australia.
Mitchell VA, et al. Neuropharmacology. 2021 Mar 16:108529.

Scienza/Umana: La disregolazione del sistema immunitario influenza l'associazione cannabis-psicosi
Secondo un'analisi dello stato immunitario di 153 pazienti psicotici al primo episodio e 256 controlli sani "la disregolazione immunitaria potrebbe essere parte della fisiopatologia della psicosi, non spiegata dall'uso di cannabis o da altri fattori confondenti. Forniamo la prima e iniziale prova che la disregolazione immunitaria modifica l'associazione cannabis-psicosi, in linea con l'ipotesi dei due colpi".
Dipartimento di Neuroscienze e Comportamento, Divisione di Psichiatria, Scuola di Medicina di Ribeirão Preto, Università di São Paulo, Brasile.

Corsi-Zuelli F, et al. Psychol Med. 2021 Mar 19:1-11.

Scienza/Umana: Molti consumatori di droghe illecite usano la cannabis per la riduzione del danno.
In uno studio su persone che fanno uso di droghe con sede a Vancouver, Canada, "circa 1 partecipante su 4 ha riferito di aver usato cannabis per la riduzione del danno almeno una volta durante il periodo di studio."
British Columbia Centre on Substance Use, Vancouver, BC, Canada.
Mok J, et al. Am J Public Health. 2021 Mar 18:e1-e4.

Scienza/Umana: Le persone con disturbo bipolare usano più spesso la cannabis
Un'analisi dei dati sul disturbo bipolare e sull'uso di cannabis mostra che "la responsabilità genetica al disturbo bipolare era significativamente associata a un aumentato rischio di uso di cannabis nel corso della vita; tuttavia, la responsabilità genetica all'uso di cannabis nel corso della vita non mostrava alcuna associazione con il rischio di disturbo bipolare".
Dipartimento dei Disturbi Affettivi, Aarhus University Hospital - Psichiatria, Danimarca.
Jefsen OH, et al. Addict Biol. 2021 Mar 17:e13030.

Scienza/Umana: La legalizzazione della cannabis negli USA è stata associata a un aumento del rischio di incidenti stradali mortali
Uno studio mostra che "la legalizzazione della cannabis ricreativa negli USA è stata associata con un aumento relativo del rischio di collisioni fatali di veicoli a motore del 15% e un aumento relativo di morti associate del 16%, senza alcuna differenza conclusiva tra il primo e i successivi anni dopo la legalizzazione."
McGill University, Montréal, Canada.
Windle SB, et al. CMAJ Open. 2021;9(1):E233-E241.

Scienza/Cellule: Come i cannabinoidi esercitano i loro effetti anticancro nel cancro al seno ER(+)
Una ricerca con cannabinoidi in cellule di cancro al seno ER(+) mostra che gli effetti anticancro coinvolgono l'aromatasi e i recettori degli steroidi.
Dipartimento di Scienze Biologiche, Facoltà di Farmacia, Università di Porto, Portogallo.
Amaral C, et al. J Steroid Biochem Mol Biol. 2021 Mar 17;210:105876.

Scienza/Umana: La cannabis non era efficace nel trattamento del disturbo post-traumatico da stress in uno studio controllato
In uno studio cross-over sulla cannabis nel disturbo post-traumatico da stress 80 partecipanti hanno ricevuto 1 di 3 ceppi di cannabis fumata (12% THC e CBD molto basso, 11% CBD e THC molto basso, circa 8% THC e 8% CBD) o un placebo per 3 settimane separate da 2 settimane senza trattamento. Non ci sono state differenze negli effetti del trattamento tra i ceppi di cannabis attiva e il placebo. Gli autori hanno scritto che "tutti i gruppi di trattamento, incluso il placebo, hanno mostrato una buona tollerabilità e miglioramenti significativi nei sintomi del PTSD durante le tre settimane di trattamento, ma nessun trattamento attivo ha superato statisticamente il placebo in questo breve studio preliminare".
Perelman School of Medicine, University of Pennsylvania, Philadelphia, USA.
Bonn-Miller MO, et al. PLoS One. 2021;16(3):e0246990.

Scienza/Umana: Effetti molto lievi del CBD sulla struttura della materia bianca nei pazienti con epilessia
I ricercatori hanno trovato solo effetti molto lievi di alte dosi di CBD in pazienti con epilessia resistente al trattamento sull'integrità strutturale della materia bianca del cervello.
Dipartimento di Neurologia e UAB Epilepsy Center, University of Alabama at Birmingham, USA.
Houston JT, et al. Epilepsy Res. 2021 Mar 8;172:106603.

Scienza: Il THC può essere utile nella malattia di Alzheimer
In uno studio che utilizza la simulazione di dinamica molecolare dell'atomo i ricercatori mostrano che il THC interrompe la struttura delle fibrille di amiloide-beta. I ricercatori hanno scritto che la "destabilizzazione delle protofibrille da parte delle molecole di THC porta alla conclusione che le molecole di THC possono essere considerate per la terapia nel trattamento della malattia di Alzheimer".
Dipartimento di Ingegneria Chimica, Indian Institute of Technology Guwahati, Assam, India.
Kanchi PK, et al. J Mol Graph Model. 2021 Mar 9;105:107889.

Scienza/Animale: Il CBD influenza le molecole rilevanti per l'infiammazione, come mostra uno studio sui cavalli
In uno studio con i cavalli, che hanno ricevuto 0,5, 1 e 2 mg di CBD per chilogrammo di peso corporeo, i ricercatori hanno trovato cambiamenti nei livelli dei cosiddetti eicosanoidi, in un modo che è indicativo di effetti antinfiammatori. Gli eicosanoidi come le prostaglandine sono molecole di segnalazione, che tra l'altro sono rilevanti per l'infiammazione.
K.L. Maddy Equine Analytical Pharmacology Laboratory, School of Veterinary Medicine, University of California, Davis, USA.
Ryan D, et al. Drug Test Anal. 2021 Mar 15. [in stampa]

Scienza/Cellule: Basse concentrazioni di THC proteggono le cellule nervose durante la sovraeccitazione
Uno studio ha scoperto che i recettori CB1 giocano un ruolo nella crescita delle cellule nervose e la bassa concentrazione di THC protegge le cellule nervose durante la sovraeccitazione.
Il Dipartimento di Anestesiologia, University of Illinois at Chicago, Chicago, IL, 60612, USA.
Savchenko VL, et al. Cell Mol Neurobiol. 2021 Mar 16. [in stampa]

Scienza/Animale: L'attivazione del recettore CB1 protegge l'organismo dallo stress sociale
Uno studio sui topi mostra "che la segnalazione CB1 protegge l'organismo dai danni fisici ed emotivi dello stress sociale e implica la modulazione endocannabinoide-mediata della microglia nello sviluppo delle patologie legate allo stress".
Istituto di Psichiatria Molecolare, Facoltà di Medicina, Università di Bonn, Germania.
Beins EC, et al. Transl Psychiatry. 2021;11(1):164.

Scienza/Umana: L'anandamide (AEA) ha un ruolo nell'estinzione della paura
In uno studio con 51 esseri umani sani i risultati "indicano un ruolo putativo per l'AEA nell'apprendimento dell'estinzione della paura. Il pre-trattamento con farmaci che potenziano l'AEA potrebbe promuovere l'apprendimento dell'estinzione durante gli interventi psicoterapeutici".
Clinica di Psichiatria/Psicoterapia del Bambino e dell'Adolescente, Università di Ulm, Germania.
Spohrs J, et al. Transl Psychiatry. 2021;11(1):161.

Scienza/Animale: L'olio di canapa può ridurre il dolore
In uno studio sugli animali, diverse dosi di olio di canapa hanno ridotto il dolore acuto e cronico. Era anche efficace se combinato con diverse dosi di palmitoiletanolamina.
Dipartimento di Anatomia e Neurobiologia, Università della California, USA.
Tagne AM, et al. Pharmacol Res. 2021 Mar 12:105545.

Scienza/Animale: Il dolore infiammatorio cronico causa cambiamenti dei recettori CB1 in una certa regione del cervello
Studi sugli animali mostrano che il dolore infiammatorio induce cambiamenti nella localizzazione dei recettori CB1 nel cosiddetto PAG (grigio periaqueduttale), un importante centro del dolore nel cervello. Gli autori hanno scritto che questi "risultati completano un crescente corpo di prove che dimostrano i cambiamenti indotti dal dolore nelle regioni del cervello che sono responsabili sia delle proprietà analgesiche che di quelle gratificanti delle farmacoterapie analgesiche".
Dipartimento di Neurobiologia, Legacy Research Institute, Portland, USA.
Wilson-Poe AR, et al. Pain Rep. 2021;6(1):e897.

Scienza/Umana: Concentrazioni ematiche stabili di CBD sono state raggiunte dopo 7 giorni di dosaggio
In uno studio 43 persone sane sono state divise in 5 gruppi di dosaggio: 120 mg di CBD e 5.4 mg di THC al giorno, 240 mg di CBD e 10.8 mg di THC al giorno, 360 mg di CBD e 16.2 mg di THC al giorno, 480 mg di CBD e 21.6 mg di THC al giorno, o placebo. Le concentrazioni ematiche di CBD allo stato stazionario furono raggiunte entro il giorno 7. Nei giorni 1 e 7, non ci sono state differenze consistenti negli effetti soggettivi tra il placebo e i farmaci attivi dello studio.
Canopy Growth Corporation, Smiths Falls, Ontario, Canada.
Peters EN, et al. J Anal Toxicol. 2021 Mar 12:bkab026.

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online 2020

Tutte le informazioni sugli eventi online dell'IACM, compresi i video gratuiti dei webinar con sottotitoli in italiano, si possono trovare qui.

Conferenza IACM 2021

La 12a conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà online dal 14 al 16 ottobre 2021. La registrazione è gratuita.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.