[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 03 Giugno 2000

USA: I pazienti affetti da AIDS possono ottenere la cannabis per uno studio californiano

Un progetto dei responsabili della salute del dipartimento di San Mateo (California) riguardante la possibilitā di fornire la marijuana ai pazienti affetti da AIDS come parte di uno studio controllato ha ottenuto l'approvazione sperimentale da parte dei responsabili federali.
Gli ufficiali del dipartimento di S. Mateo hanno detto che non hanno intravisto particolari ostacoli ad iniziare uno dei pochi studi della nazione dedicati agli effetti della marijuana medica.

L'approvazione condizionata č venuta da scienziati della commissione del Dipartimento di Salute e Servizi Umani che hanno considerato la richiesta per marijuana "atta alla ricerca". In accordo con una lettera a Dennis Israelski, responsabile del centro salute di San Mateo, malattie infettive e AIDS, che sarebbe a capo dello sforzo della ricerca, gli ufficiali federali sono "principalmente preoccupati della sicurezza, dosaggio, potenziale di deviazione dell'assunzione casalinga della marijuana". Vogliono che sia la contea a stabilire "il limite sul monitoraggio della sicurezza" per sorvegliare ogni risultato che si verificasse.

"Possiamo fare tutto quello che ci hanno chiesto" ha detto Mike Nevin, supervisore della Contea. "Con tale approvazione, penso che noi potremmo distribuire marijuana medica a gente che ne ha bisogno entro pochi mesi." Quando approvato, il progetto della Contea di S. Mateo per distribuire marijuana atta alla ricerca fornita dal governo federale a 60 pazienti per alleviare la Polineuropatia simmetrica distale associata ad HIV. Se la cannabis dimostra degli effetti, lo scopo č distribuire marijuana a gente con malattie come cancro e glaucoma, dolore cronico e altri problemi, ha detto Nevin.

(Fonte: San Francisco Chronicle del 16 maggio 2000)

Notizie in breve

Gran Bretagna:
Il 22 di maggio il Principe di Galles ha interrogato una paziente con sclerosi multipla rispetto all'uso della cannabis per aiutare sua condizione. Egli ha chiesto a June McLachlan, che era nell'ospedale di Glasgow Principe e Principessa di Galles, se avesse provato il farmaco. Il principe stava parlando durante la quarta giornata dei suoi impegni in Scozia, in quanto Alto commissario dell'assemblea della chiesa di Scozia. "E' lui che l'ha tirata fuori," ha detto McLachlan. "Ha affermato che io avrei potuto provarla e io ho risposto che avrei potuto, ma non fumandola." (PA News del 22 maggio 2000)

Canada:
Una recente valutazione nazionale, condotta dal Post National del COMPAS Inc., ha trovato come il 65% degli intervistati supportano l'idea che piccole quantitā di marijuana per uso personale potrebbe costituire un reato non-penale. Essi pensano che il concetto di decriminalizzazione č un'idea eccellente, molto buona o buona. 600000 Canadesi sono stimati avere reati penale per possesso di marijuana. Quando č stato chiesto se la cannabis potrebbe essere legale per uso medico, come nell'aiuto del controllo del dolore nel cancro, uno schiacciante 92% di risposte al National Post rispose in senso affermativo. (Fonte: National Post del 15 maggio 2000)

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online 2020

Tutte le informazioni sugli eventi online dell'IACM, compresi i video gratuiti dei webinar con sottotitoli in italiano, si possono trovare qui.

Conferenza IACM 2021

La 12a conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà online dal 14 al 16 ottobre 2021. La registrazione è gratuita.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.