[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 18 Novembre 2000

Australia: Il Nuovo Galles del Sud sta considerando l'utilizzo legale della cannabis per scopi medici

I pazienti che soffrono di dolori cronici oppure di malattia debilitante o terminale saranno autorizzati ad usare la cannabis secondo un nuovo programma di riforma della legge sulla droga che sta per essere considerato nel Nuovo Galles del Sud (NSW).

Le riforme erano raccomandate da un gruppo di lavoro presieduto dal Professor Wayne Hall, Direttore del Centro Nazionale di Ricerca sulla Droga e sull'Alcool. Questo gruppo comprende anche degli accademici di medicina/ medici clinici, rappresentanti del Consiglio del Cancro del NSW, l'Associazione Medica Australiana, le agenzie di governo e altri.

I pazienti potrebbero, in effetti, essere forniti di brevi esenzioni dalle leggi criminali permettendogli di fumare la cannabis e far crescere fino a cinque piante per uso personale durante il periodo approvato dal loro dottore. Il primo ministro del NSW, Bob Carr, ha dato in principio il suo accordo alle raccomandazioni.

Nella sua lettera al capo di stato il Dottor. Hall afferma: " (...) sostanze contenenti cannabinoidi possono avere un valore nel trattamento di una serie limitata di condizioni mediche, ovverosia devastazione correlata all'HIV, nausea causata dalla chemioterapia per il cancro, spasmi muscolari in alcuni disordini neurologici, e il dolore che non è allietato dagli analgesici convenzionali.(...) Il gruppo di lavoro ha concluso che la cannabis pura non può essere prescritta ed è difficile che sia mai prescritta in Australia. (...) Nella migliore delle ipotesi ci vorranno alcuni anni prima che alcune delle droghe contenenti cannabinoidi saranno registrate per utilizzo medico in Australia. (...) Nel caso migliore ci vorranno alcuni anni prima che dei farmaci a base di cannabinoidi siano registrati per l'uso medico In Australia. Data l'evidenza che i pazienti con alcune delle condizioni indicate stanno attualmente usando la cannabis fumata per ragioni terapeutiche, il Gruppo di Lavoro ha raccomandato un regime per una proibizione
compassionevole limitata dei pazienti che possono beneficiare del suo uso."

Il rapporto è disponibile press:
www.druginfo.nsw.gov.au/druginfo/reports/medical_cannabis.html

(Fonti: Sydney Morning Herald del 2 novembre 2000; Comunicazione personale di Wayne Hall; Gruppo di lavoro sull'utilizzo della cannabis per scopi medici. Rapporto al Primo Ministro del Nuovo Galles del Sud, Sydney 2000)

Scienza: Gli endocannabinoidi inibiscono il broncospasma e il raffreddore

Un gruppo di ricerca internazionale ha scoperto perché la marijuana causa la tosse in alcune situazioni ma possa inibire il broncospasma e la tosse in altre, Questa scoperta potrebbe portare a dei trattamenti migliori delle malattie respiratorie.

In un rapporto nel giornale Nature degli scienziati dell'Istituto di Medicina Sperimentale a Budapest (Ungheria), l'Università di Napoli e l'Università di Washington (USA) dimostravano come l'anandamide cannabinoide influenza le aree nei polmoni, In studi animali con porcellini d'india e ratti, l'anandamide esercitava un effetto duplice sulla risposta bronchiale. Se i muscoli nei polmoni erano costretti da un irritante (capsaicina e gli endocannabinoidi rilassava i muscoli lisci e inibiva fortemente la tosse, Ma se le vie aree erano rilassate (rimuovendo l'effetto di costrizione del nervo vago) l'anandamide causava uno spasmo di tosse.

L'anandamide è sintetizzata nei tessuti polmonari e i suoi effetti sono mediati dai recettori dei cannabinoidi. Un ricettore cannabinoide antagonista al CB1 ma non un antagonista CB2 inibiva l'effetto rilassante dell'anandamide ma l'antagonista ricettore CB1 non causava alcun effetto di per sé. Così, anandamide sembra essere attiva solamente se i muscoli bronchiali sono contratti, come durante un broncospasma provocato dalla capsaicina.

"Noi pensiamo che mirando ai recettori dei cannabinoidi e nelle vie aree superiori, noi possiamo controllare le tossi in una serie di situazioni," afferma Daniele Piomelli, uno dei ricercatori del tema e farmacologo all'Università della California nel corso di un'intervista. "Questo è importante perché la maggior parte dei trattamenti attualmente disponibili agiscono fondamentalmente sul centro cerebrale della tosse, una piccola regione del cervello che è l'obiettivo per la codeina e farmaci simili." Il gruppo spera di iniziare presto con dei test sugli esseri umani.

(Fonti: Reuters del 1 novembre 2000; Calignano A, et al: Bidirectional control by airway responsiveness by endogenous cannabinoids. Nature 2000;408:96-101)

USA: Iniziative per l'uso medico della marijuana sono passate in Colorado e in Nevada

Le leggi federali contro la marijuana non fermavano due stati, il Colorado e il Nevada, rispetto il fatto di votare per permettere il suo uso medico nell'elezione generale del 7 novembre. Negli ultimi quattro anni, simili misure per la marijuana medica sono divenute ora legge in California, Oregon, Washington, Alaska, Maine, Hawaii.

In Nevada, il 67 percento degli elettori si pronunciava in favore della Proposizione 9, che legalizzava l'uso medico della marijuana. Due anni fa gli elettori approvavano l'iniziativa con il 59 percento Gli elettori dovevano appoggiare la misura in due elezioni consecutive. I pazienti dovranno registrarsi presso lo stato per essere protetti dalla legge dello stato.

54 percento degli elettori in Colorado hanno approvato l'ammendamento 20, che similmente all'iniziativa del Nevada permette a dei pazienti che soffrono di cancro, glaucoma, HIV/AIDS, sclerosi multipla e disordini si sistema nervoso cronico ad usare la marijuana con la raccomandazione di un medico. I pazienti in Colorado saranno autorizzati a possedere fino a due once di marijuana o a coltivare sei piante di cannabis.

Gli elettori della California passavano la Proposizione 36 con 61 percento del voto.
Questa misura richiede che dei contravventori di prima e seconda volta non violenti in questioni di droga debbano sottoporsi a de programmi di trattamento della droga, ed elimina la minaccia della prigione.

(Fonti: Associated Press dell 8 novembre 2000, NORML del 9 novembre 2000)

Notizie in breve

Scienza:
La Pharmos Corporation incomincerà il reclutamento di pazienti della ricerca clinica di fase III del dexabinolo in sette paesi EURopei e in Israele dopo l'approvazione appropriata da parte delle autorità. La compagna ha recentemente ospitato un incontro d'investigatori frequentato da oltre 100 rappresentanti dei centri traumatologici EURopei che stanno partecipando alla ricerca. Sono previsti nella partecipazione al progetto di ricerca approssimativamente 40 centri in EURopa e in Israele. Il dexabinolo, un cannabinoide sintetico non psicotropo, ha dimostrato delle proprietà efficace antinfiammatorie e neuroprotettive in vari test Una recente ricerca clinica di successo di fase II dimostrava che il dexabinolo era sicuro e ben tollerato in molti casi di pazienti con trauma cranico. (PR Newswire del 7 novembre 2000)

Gran Bretagna:
La Gran Bretagna potrebbe legalizzare l'uso di cannabis in una capacità medica limitata nei prossimi due anni, nonostante sia stata rifiutata un ulteriore liberalizzazione delle droghe leggere, affermavano gli ufficiali del governo il 7 novembre, Il Ministro Mo Mowlan affermava che i test scientifici erano sulla strada di costatare l'efficacia della marijuana in molte malattie. "Noi speriamo che alla fine del prossimo anno, questi risultati scientifici saranno pronti," affermava alla BBC, aggiungendo che il governo li utilizzerà per decidere se permettere un uso limitato della cannabis. Ma Keith Hellawell, lo zar della droga del governo, ha abbassato le chance di una ulteriore alleggerimento della politica. (Reuters del 7 novembre 2000)

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online 2020

Tutte le informazioni sugli eventi online dell'IACM, compresi i video gratuiti dei webinar con sottotitoli in italiano, si possono trovare qui.

Conferenza IACM 2021

La 12a conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà online dal 14 al 16 ottobre 2021. La registrazione è gratuita.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.