[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 10 Luglio 2020

Svizzera: Il governo vuole rendere disponibile la cannabis per uso medico

Il governo svizzero vuole autorizzare i medici a prescrivere cannabis a scopi medici senza autorizzazione. Il 24 giugno, il Consiglio federale ha presentato al parlamento una versione rivista della legge sui narcotici. La cannabis, sia per scopi ricreativi o medici, è vietata in Svizzera dal 1951. Tuttavia, i medici possono prescrivere un farmaco basato su questa sostanza se ottengono un via libera eccezionale dall'Ufficio federale della sanità pubblica.

Ma il governo ritiene che questo processo complichi l'accesso alle cure, ritardi l'inizio delle terapie e non sia più adeguato alla luce del crescente numero di richieste. Nel 2019 sono state rilasciate circa 3.000 autorizzazioni per pazienti affetti da cancro, malattie neurologiche o sclerosi multipla. Il governo vuole modificare la legge sui narcotici in modo che la decisione di prescrivere farmaci a base di cannabis venga presa direttamente dal medico e dal paziente. Swissmedic, l'organismo nazionale di controllo medico, sarebbe responsabile dell'autorizzazione e della supervisione della coltivazione, produzione e commercializzazione della cannabis per uso medico. Il governo vuole anche consentire l'esportazione commerciale di tale cannabis medicinale.


Swiss Info del 24 giugno 2020

Scienza/Umana: La cannabis per inalazione con un nuovo inalatore a dosaggio calibrato ha provocato un immediato sollievo dal dolore

n uno studio cross-over controllato con placebo condotto da ricercatori israeliani di diverse istituzioni, 27 pazienti con dolore hanno ricevuto una singola inalazione di 0,5 mg di THC, 1,0 mg di THC o un placebo a 3 sedute. Entrambe le dosi di THC, ma non il placebo, hanno dimostrato una significativa riduzione dell'intensità del dolore rispetto al basale e sono rimaste stabili per 150 minuti. I livelli plasmatici massimi erano 14 ng / mL dopo inalazione di 0,5 mg di THC e 34 ng / mL dopo inalazione di 1 mg di THC.

La dose da 1 mg ha mostrato una significativa riduzione del dolore rispetto al placebo. Gli eventi avversi sono stati per lo più lievi e si sono risolti spontaneamente. Non sono state evidenziate alterazioni consistenti delle prestazioni cognitive. Gli autori hanno concluso che il loro studio "ha dimostrato che un inalatore di cannabis a dosaggio misurato ha erogato dosi precise e basse di THC, ha prodotto un effetto analgesico dose-correlato e sicuro in pazienti con dolore neuropatico / sindrome del dolore complesso-regionale (CRPS)".

Almog S, Aharon-Peretz J, Vulfsons S, Ogintz M, Abalia H, Lupo T, Hayon Y, Eisenberg E. The pharmacokinetics, efficacy, and safety of a novel selective-dose cannabis inhaler in patients with chronic pain: A randomized, double-blinded, placebo-controlled trial. EUR J Pain. 2020 May 23 [in stampa]

Scienza/Umana: L’uso di cannabis è associato a biomarcatori inferiori per l'infiammazione nei pazienti con HIV

In uno studio con 56 persone con HIV condotto presso l'Università della California a San Diego, negli Stati Uniti, il recente uso di cannabis è stato associato a una ridotta infiammazione. I ricercatori hanno misurato un numero di citochine proinfiammatorie, tra cui la proteina C reattiva, l'interleuchina-16 e il recettore del fattore di necrosi tumorale solubile di tipo II nel liquido spinale cerebrale e nel plasma sanguigno. Sono stati studiati 41 consumatori di cannabis e 15 non utlizzatori.

Un'analisi fattoriale basata su biomarcatori ha dimostrato una variazione su CRP, interleuchina-16 e recettore del fattore di necrosi tumorale solubile di tipo II significativamente associati al recente uso di cannabis. In particolare, l'uso più recente di cannabis era correlato a livelli inferiori di interleuchina-16. Gli autori hanno concluso che "il recente uso di cannabis è stato associato a livelli più bassi di biomarcatori infiammatori, sia nel liquido cerebrospinale che nel sangue, ma in diversi schemi (...). Pertanto, i nostri risultati sono coerenti con specifici effetti anti-neuroinfiammatori che possono favorire la disfunzione neurologica dell'HIV. "


Ellis RJ, Peterson SN, Li Y, Schrier R, Iudicello J, Letendre S, Morgan E, Tang B, Grant I, Cherner M. Recent cannabis use in HIV is associated with reduced inflammatory markers in CSF and blood. Neurol Neuroimmunol Neuroinflamm. 2020;7(5).

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile nell'emicrania secondo un piccolo studio

La cannabis terapeutica potrebbe essere promettente per la gestione del mal di testa, secondo i risultati di un piccolo studio condotto presso il Jefferson Headache Center presso la Thomas Jefferson University. I ricercatori hanno riscontrato soddisfazione generale per la marijuana medica, un uso più frequente come farmaco acuto piuttosto che come preventivo e più di due terzi che utilizzavano la forma inalata anziché orale. Lo studio è stato presentato all’incontro virtuale annuale dell'American Headache Society.

Lo studio ha incluso 48 pazienti con emicrania o altri tipi di mal di testa cronico che hanno ricevuto un trattamento medico con cannabis tra gennaio e settembre 2019. Un totale di 28 soggetti ha completato un questionario di follow-up al telefono. Dei 28 partecipanti, 3 avevano smesso di usare cannabis. Prima di iniziare la cannabis, il 46,4% dei soggetti ha utilizzato farmaci abortivi almeno 10 giorni al mese. Dopo aver iniziato il trattamento con cannabis, il tasso è sceso al 25,0%. L'uso di cannabis è stato associato a miglioramenti dell'ansia: il 57,1% che ha manifestato ansia ha riportato miglioramenti con l'uso di cannabis, così come il 78,6% con l'insonnia. Su una scala di 10, la valutazione media dell'utilità della cannabis era 5,9 e il 17,9% lo ha valutato come 10.


Medscape del 25 giugno 2020

Scienza/Umana: La cannabis può causare un sollievo immediato dalla depressione e questo effetto è dovuto principalmente al THC

Secondo un sondaggio condotto su 1819 persone, che hanno completato 5876 sessioni di auto-somministrazione di cannabis utilizzando un'app tra il 2016 e il 2019, la cannabis potrebbe causare un immediato sollievo dalla depressione. Lo studio è stato condotto da ricercatori dell'Università del New Mexico ad Albuquerque, negli Stati Uniti.

In media, il 95,8% degli utenti ha manifestato sollievo dai sintomi a seguito del consumo con una riduzione media dell'intensità dei sintomi di -3,76 punti su una scala analogica visiva 0-10. Il sollievo dei sintomi non differiva dai fenotipi vegetali marcati ("C. indica", "C. sativa" o "ibrida") o dal metodo di combustione. Quanto ai livelli di cannabinoidi, i livelli di THC erano i più forti predittori indipendenti di sollievo dei sintomi, mentre i livelli di CBD, invece, erano generalmente indipendenti dalle variazioni in tempo reale dei livelli di intensità dei sintomi. Gli autori hanno concluso che i loro risultati "suggeriscono che, almeno a breve termine, la stragrande maggioranza dei pazienti che usa la cannabis sperimenta effetti antidepressivi".


Li X, Diviant JP, Stith SS, Brockelman F, Keeling K, Hall B, Vigil JM. The Effectiveness of Cannabis Flower for Immediate Relief from Symptoms of Depression. Yale J Biol Med. 2020;93(2):251-264.

Scienza/Umana: La cannabis migliora il dolore e la qualità della vita nei pazienti con dolore cronico secondo un ampio studio osservazionale

In uno studio osservazionale prospettico eseguito da scienziati canadesi di Toronto, in Canada, un totale di 751 pazienti con dolore cronico che hanno iniziato il trattamento con cannabis medica hanno completato un breve sondaggio al basale e di nuovo fino a 12 mesi.

Il trattamento medico con cannabis è stato associato a miglioramenti nella gravità del dolore osservati a un mese e mantenuti nel periodo di osservazione di 12 mesi. Significativi miglioramenti sono stati osservati anche nella salute fisica e mentale a partire da tre mesi. Sono state osservate riduzioni significative di mal di testa, affaticamento, ansia e nausea dopo l'inizio del trattamento. Nei pazienti che hanno riportato l'uso di farmaci oppioidi al basale, ci sono state riduzioni significative delle dosi orali equivalenti di morfina.

Safakish R, Ko G, Salimpour V, Hendin B, Sohanpal I, Loheswaran G, Yoon SYR. Medical Cannabis for the Management of Pain and Quality of Life in Chronic Pain Patients: A Prospective Observational Study. Pain Med. 2020 Jun 18 [in stampa].

Notizie in breve

IACM: L'IACM ricorda il dottor Lester Grinspoon
Il dottor Lester Grinspoon, professore, psichiatra di Harvard e autore di libri innovativi sulla cannabis, è deceduto il 25 giugno, un giorno dopo aver festeggiato il suo 92 ° compleanno. In tutto il mondo era conosciuto principalmente grazie al suo libro Marihuana: The Forbidden Medicine, scritto in collaborazione con James B. Bakalar e pubblicato nel 1993, che è stato tradotto in diverse lingue, ad esempio nel 1995 in italiano. Pertanto, non solo ha aperto gli occhi sul potenziale medico della pianta di cannabis a un vasto pubblico negli Stati Uniti, ma anche in EURopa. Questo libro è stato un'importante fonte d'ispirazione per la fondazione della ACM tedesca (Association for Cannabis as Medicine), di cui è stato membro onorario.

Israele: Il Parlamento vota per far progredire la legalizzazione della cannabis per l'uso da parte degli adulti
Il plenum della Knesset ha votato il 24 giugno per una lettura preliminare due progetti di legge che legalizzerebbero la cannabis, ma devono ancora passare diversi mesi di legislazione prima di diventare legge.
Jerusalem Post del 24 giugno 2020

Scienza/Umana: Molti pazienti con sclerosi multipla usano cannabis
Nonostante l'esistenza di farmaci convenzionali per gestire i sintomi della sclerosi multipla, la maggior parte dei pazienti si affida anche a terapie alternative, tra cui vitamine, esercizio fisico e cannabis, suggerisce un nuovo sondaggio. Per lo studio, i ricercatori dell'Oregon Health and Science University di Portland hanno chiesto ai pazienti con SM se usavano "terapie complementari e alternative" - medicinali e pratiche al di fuori delle normali cure mediche.
UPI del 2 Luglio 2020

Scienza/Umana: un numero crescente di cittadini statunitensi usa la cannabis per insonnia, dolore e stress
Sempre più stati degli Stati Uniti stanno permettendo che la cannabis venga assunta come medicina e un nuovo studio suggerisce che i consumatori si sentano davvero meglio. In un sondaggio condotto su circa 1.300 persone con patologie croniche, i ricercatori hanno scoperto che coloro che utilizzavano "cannabis medicinale" riferivano meno dolore, sonno migliore e ansia ridotta.
UPI del 26 giugno 2020

Scienza/Cellule: Un cannabinoide sintetico induce l'apoptosi nelle cellule di leucemia acuta
Un cannabinoide sintetico (CP55940) ha indotto selettivamente la morte cellulare programmata (apoptosi) nelle cellule di Jurkat, una linea cellulare di leucemia linfoblastica acuta, senza influire sulle cellule del sangue sane. Gli autori hanno concluso che i loro "risultati supportano l'uso di cannabinoidi come potenziale trattamento per le cellule T-ALL".
Medical Research Institute, Faculty of Medicine, University of Antioquia, Medellin, Colombia.
Soto-Mercado V, et al. Leuk Res. 2020;95:106389.

Scienza/Umana: Una combinazione di CBD e acido valproico nei bambini con epilessia può causare riduzione delle piastrine nel sangue
I medici di un ospedale negli Stati Uniti hanno osservato una riduzione del numero di piastrine (trombocitopenia) in 9 su 87 pazienti trattati con CBD. La conta piastrinica è scesa al di sotto di 108.000 per microlitro di sangue. Tutti questi bambini sono stati contemporaneamente trattati con acido valproico. Gli autori hanno scritto che riportano "un nuovo effetto collaterale clinicamente importante della trombocitopenia in un terzo dei pazienti trattati contemporaneamente con cannabidiolo e acido valproico".
Divisione di Neurologia pediatrica, Dipartimento di Pediatria, Ann Arbor, Michigan, USA.
Division of Pediatric Neurology, Department of Pediatrics, Ann Arbor, Michigan, USA.
McNamara NA, et al. Epilepsia. 2020 Jul 2 [in stampa].

Scienza/Animale: La somministrazione di THC dopo esposizione ad alcune tossine batteriche ha protetto topi protetti dalla loro tossicità
La somministrazione di THC dopo esposizione con enterotossina dal batterio Staphylococcus (SEB) aureo ha protetto i topi dalla sindrome da distress respiratorio e dalla tossicità della tossina. Gli autori ritengono che questo effetto sia tra l'altro mediato dalla "soppressione della tempesta di citochine che porta all'attenuazione del danno polmonare mediato dalla SEB".
School of Medicine, University of South Carolina, Columbia, USA.
Mohammed A, et al. Front Pharmacol. 2020;11:893.

Scienza/Animale: Interazione di CBD e THC nella suscettibilità agli attacchi epilettici nei topi
I ricercatori hanno studiato l'interazione di THC e CBD in un modello murino di sindrome di Dravet, una malattia genetica associata all'epilessia. Hanno scoperto che basse dosi di THC sono anticonvulsivanti contro le convulsioni in questi topi, effetti che sono aumentati da una dose sub anticonvulsivante di CBD. Tuttavia, sono stati osservati effetti proconvulsivi e aumento della mortalità prematura quando il CBD e il THC sono somministrati in modo subcronico in combinazione.
Brain and Mind Centre, Università di Sydney, Australia.
Anderson LL, et al. Br J Pharmacol. 2020 Jul 1 [in stampa].

Scienza/Umana: L'esposizione alla cannabis prenatale può influire sul sonno nei bambini di età compresa tra 9 e 10 anni
In uno studio con 11.875 bambini di età compresa tra 9 e 10 anni, che sono stati studiati per quanto riguarda i disturbi del sonno, l'esposizione alla cannabis durante la gravidanza della madre ha mostrato sintomi di disturbi dell'inizio e del mantenimento del sonno e sonnolenza eccessiva. Tuttavia, gli autori hanno osservato che "la causalità non è stabilita" tra l'uso di cannabis durante la gravidanza e questi sintomi.
Institute for Behavioral Genetics, University of Colorado Boulder, Stati Uniti.
Winiger EA, Hewitt JK. Sleep Health. 2020 Jun 27 [in stampa].

Scienza/Animale: L'endocannabinoide 2-AG ha ridotto il dolore neuropatico causato da un agente chemioterapico
I ricercatori hanno osservato che durante il dolore neuropatico indotto dal paclitaxel nei topi c'è una carenza dell'endocannabinoide 2-AG nella periferia ma non nel sistema nervoso centrale e che è di 2-AG può ridurre questo dolore in un modo, che dipende dal CB 1 e dal recettore CB2.
Dipartimento di Farmacologia e Terapia, Facoltà di Farmacia, Kuwait University, Kuwait.
Thomas A, et al. Biomed Pharmacother. 2020;129:110456.

Scienza/Umana: Sia l'uso di cannabis che l'uso di tabacco sono associati in modo indipendente a una gravidanza più breve
In uno studio con 8261 madri, di cui il 27,5% ha avuto un parto pretermine, il fumo di sigaretta e l'uso di cannabis durante la gravidanza sono stati associati a tempi di gravidanza ridotti. Entrambi i farmaci hanno ridotto la gravidanza di mezza settimana (0,5 settimane per la cannabis e 0,5 settimane per il tabacco).
Johns Hopkins University Bloomberg School of Public Health, Baltimora, USA.
Nawa N, et al. Paediatr Perinat Epidemiol. 2020 Jun 30 [in stampa].

Scienza/Animale: Il THC mostra effetti antiemetici nelle scimmie
Effetti antiemetici da THC e da metanandamide sono stati osservati nelle scimmie scoiattolo e questo effetto è stato mediato dal recettore CB1.
McLean Hospital, Harvard Medical School, Boston, USA.
Wooldridge LM, et al. J Pharmacol Exp Ther. 2020 Jun 19 [in stampa].

Scienza/Umana: La cannabis si è dimostrata efficace nel ridurre gli spasmi tonici in un paziente con neuromielite optica
I ricercatori thailandesi hanno presentato il caso clinico di un paziente affetto da disturbo dello spettro della neuromielite optica, che presentava uno spasmo tonico doloroso. La cannabis è stata molto efficace nel ridurre gli spasmi. Questa è una malattia autoimmune con grave infiammazione del nervo ottico.
Facoltà di Medicina Siriraj Hospital Mahidol University, Bangkok, Tailandia.
Tisavipat N, et al. Mult Scler Relat Disord. 2020;44:102278.

Scienza/Umana: I pazienti preferiscono gli estratti naturali di CBD rispetto al CBD sintetico
In un sondaggio condotto su 104 pazienti con diverse forme di epilessia, il 73% che rispondeva al trattamento desiderava ricevere CBD di origine vegetale, mentre il 5% preferiva il CBD sintetico. Le ragioni di questa scelta sono state l'origine botanica, la mancanza di chimica e l'assunzione di un minor numero di effetti collaterali meno pericolosi.
Dipartimento di Epilettologia, Ospedale universitario di Bonn, Germania.
von Wrede R, et al. Seizure. 2020;80:92-95.

Scienza/Cellule: Il CBD ha mostrato una maggiore efficacia antimicrobica rispetto al CBDA
Il CBD ha mostrato un significativo effetto antimicrobico sullo Staphylococcus aureus Gram positivo e nessun effetto sui batteri Gram negativi. Il CBDA ha presentato un'attività antimicrobica 2 volte inferiore rispetto al CBD. Gli autori hanno scritto che "il CBD ha mostrato un forte effetto antimicrobico contro i ceppi Gram-positivi e potrebbe servire come farmaco alternativo per affrontare l'MRSA". Gli MRSA sono batteri resistenti agli antibiotici convenzionali.
Dipartimento di Scienze e Ambiente, Università di Roskilde, Danimarca.
Martinenghi LD, et al. Biomolecules. 2020;10(6).

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online gratuiti 2020

Potete trovare tutte le informazioni qui.

L'IACM terrà una serie di webinar gratuiti e un incontro online gratuito per l'anniversario da ottobre a novembre 2020.

Tutti i webinar si terranno in inglese con sottotitoli in tedesco, francese, spagnolo e portoghese. Tutti i webinar saranno disponibili online fino a marzo 2021.

L'incontro online
per celebrare il 20° anniversario dell'IACM e per onorare il 90° compleanno di Raphael Mechoulam sarà una sessione dal vivo solo il 5 novembre 2020.

I relatori della serie di webinar sono Donald I. Abrams, Bonni Goldstein, Franjo Grotenhermen, Manuel Guzmán, Raphael Mechoulam, Kirsten Müller-Vahl, Roger Pertwee, Daniele Piomelli e Ethan Russo.

Potete trovare tutte le informazioni qui.

Conferenza IACM 2021

La dodicesima conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà a Basilea, in Svizzera, dal 14 al 16 ottobre 2021.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.