[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 28 Aprile 2020

Scienza/Umana: La cannabis allevia i sintomi di astinenza da oppiacei

Secondo un sondaggio condotto su 200 persone, che hanno usato cannabis e oppiacei nell'ultimo mese e hanno sperimentato sintomi di astinenza da oppiacei, la cannabis allevia i sintomi di astinenza da oppiacei nella maggior parte dei pazienti e li aumenta in alcuni. Lo studio è stato condotto da ricercatori della Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora, negli Stati Uniti.

Il 62,5% (125 individui) di 200 partecipanti aveva usato la cannabis per trattare l'astinenza. I partecipanti hanno indicato più frequentemente che la cannabis ha migliorato l'ansia, i tremori e i disturbi del sonno. Una minoranza di partecipanti (6,0%, 12 individui) ha indicato un peggioramento dell'astinenza da oppiacei, in particolare i sintomi di sbadiglio, lacrimazione e naso che cola. Un numero maggiore di partecipanti ha indicato che i sintomi miglioravano con la cannabis rispetto a quelli che indicavano sintomi peggiorati con la cannabis. Le donne hanno riportato un maggiore sollievo con l'uso di cannabis rispetto agli uomini.

Bergeria CL, Huhn AS, Dunn KE. The impact of naturalistic cannabis use on self-reported opioid withdrawal. J Subst Abuse Treat 2020;113:108005

Scienza/Umana: Effetti benefici della cannabis sulla funzione di barriera ematoencefalica nell'HIV

I ricercatori dell'Università della California a San Diego, negli Stati Uniti, hanno studiato 45 persone con HIV e 30 individui con HIV che avevano usato la cannabis di recente. Hanno scoperto che la cannabis può avere un impatto benefico sulla lesione associata all'HIV della barriera emato-encefalica. Hanno valutato due biomarcatori della permeabilità della barriera emato-encefalica.

Tra i partecipanti sieropositivi senza cannabis questi due biomarcatori erano più alti nel liquido cerebrospinale rispetto a quelli che usavano anche cannabis. Gli autori hanno concluso che "la cannabis può avere un impatto benefico sul danno nella Barriera Ematoencefalica associato all'HIV. Poiché l'interruzione della Barriera può consentire un maggiore ingresso di tossine come antigeni microbici e mediatori infiammatori, con conseguente lesione al sistema nervoso centrale, questi risultati supportano un potenziale ruolo terapeutico della cannabis. "

Ellis RJ, Peterson S, Cherner M, Morgan E, Schrier R, Tang B, Hoenigl M, Letendre S, Iudicello J. Beneficial Effects of Cannabis on Blood Brain Barrier Function in HIV. Clin Infect Dis. 2020 Apr 16 [in stampa]

Scienza/Umana: L'uso di cannabis è associato ad un aumento dei livelli di testosterone negli uomini

Un'analisi di 5146 uomini ha rivelato che l'uso di cannabis era associato a un aumento del livello di testosterone rispetto a chi non lo utilizzava mai. Questo è il risultato della ricerca condotta presso il Dipartimento di Urologia dell'Università di Chicago, negli Stati Uniti. Hanno usato i dati del National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) degli anni 2011-2016. Tra i 5146 uomini che avevano i criteri di inclusione, 3027 avevano usato la cannabis almeno una volta nella vita. Quasi la metà dei consumatori di cannabis (49,3%) era considerata come normali utilizzatori di THC.

I ricercatori hanno scoperto "un piccolo ma statisticamente significativo aumento del testosterone tra gli utenti regolari di THC a qualsiasi livello misurato di utilizzo, rispetto agli utenti non regolari di THC (non utenti)." Il consumo medio di THC era associato al maggiore aumento di testosterone. I consumatori di cannabis che la usavano due o tre volte al mese dimostravano il più grande aumento di testosterone rispetto ai non consumatori. Gli autori hanno concluso che “l'uso del THC è associato a piccoli aumenti del testosterone. Questo aumento di T sembra diminuire all'aumentare dell'uso di THC, ma tuttavia T è ancora più alto con qualsiasi quantità di uso regolare rispetto al Testosterone nei non utilizzatori. "

Fantus RJ, Lokeshwar SD, Kohn TP, Ramasamy R. The effect of tetrahydrocannabinol on testosterone among men in the United States: results from the National Health and Nutrition Examination Survey. World J Urol. 2020 Feb 17 [in stampa]

Scienza/Umana: L'accesso alla cannabis può ridurre la domanda di oppioidi nelle persone con dolore

Secondo un sondaggio online con 155 pazienti con dolore condotto da ricercatori della John Hopkins University School of Medicine di Baltimora, negli Stati Uniti, l'accesso alla cannabis può ridurre l'uso di oppioidi nei pazienti con dolore. Gli adulti che hanno segnalato l'uso corrente di oppioidi per la gestione del dolore e l'esposizione alla cannabis negli ultimi 30 giorni hanno completato due ipotetici compiti di acquisto in cui erano disponibili per l'acquisto solo grammi di cannabis o unità di oppioidi e due compiti ipotetici in cui entrambi erano contemporaneamente disponibili e il il prezzo di un farmaco è aumentato mentre l'altro è stato mantenuto costante.

L'intensità della domanda è stata significativamente ridotta e l'elasticità della domanda è stata notevolmente aumentata sia per la cannabis che per gli oppioidi quando era disponibile il prodotto alternativo, sebbene le riduzioni nel consumo di cannabis fossero più pronunciate di quanto lo fossero per il consumo di oppioidi in presenza del prodotto alternativo. Gli autori hanno concluso che i loro "dati forniscono prove economiche comportamentali che l'accesso alla cannabis può ridurre modestamente la domanda di oppioidi nelle persone che hanno dolore".

Bergeria CL, Dolan SB, Johnson MW, Campbell CM, Dunn KE. Evaluating the co-use of opioids and cannabis for pain among current users using hypothetical purchase tasks. J Psychopharmacol. 2020:269881120914211

Notizie in breve

Europa/Canada: Covid-19 congela le ispezioni EURopee sulla cannabis GMP in Canada e altrove
Gli audit di certificazione della Good Manufacturing Practice (EU-GMP) dell'Unione EURopea che coinvolgono strutture di cannabis in Canada e altrove si stanno fermando, date le restrizioni di viaggio in atto nella maggior parte del mondo a causa della pandemia di coronavirus. La sospensione degli audit ha fatto sì che alcuni produttori di cannabis medica all'estero non possano ricevere la certificazione chiave per iniziare le esportazioni verso il mercato dell'UE.
Marijuana Business Daily del 6 Aprile 2020

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile nel disturbo d'ansia generalizzato
In un caso clinico di una paziente di 88 anni, l'uso di olio di cannabis ha ridotto l'ansia generalizzata e i sintomi della vertigine. L'autore ha scritto che "questo caso dimostra come la paziente ha migliorato drasticamente la sua qualità di vita e ha rafforzato la necessità di test più rigorosi sull'uso della cannabis medica per supportare i pazienti e gestire meglio i sintomi associati alle loro condizioni mediche".
Servizi di consulenza e consulenza, Sydney, Australia.
Walkaden C. Discoveries (Craiova). 2019;7(2):e92

Scienza/Umana: Il CBD orale non si converte in THC nell'uomo
In uno studio su 120 soggetti umani sani (60 maschi e 60 femmine), che hanno ricevuto 300 mg di CBD, non vi era THC nel plasma sanguigno e i partecipanti non avevano effetti da THC. Gli autori hanno concluso che "i risultati qui presentati sono coerenti con le prove precedenti che suggeriscono che la somministrazione orale di CBD in una formulazione di olio di mais è una via sicura per la somministrazione del principio attivo senza bioconversione al THC nell'uomo".
Dipartimento di Neuroscienze e comportamento, Ribeirão Preto Medical School, Università di San Paolo, Brasile.
Crippa JAS, et al. Cannabis Cannabinoid Res. 2020;5(1):89-98

Scienza/Umana: I consumatori di cannabis hanno un indice di massa corporea inferiore rispetto ai non consumatori
I partecipanti a questo studio erano 401 adolescenti di età compresa tra 14 e 17 anni al basale che erano a rischio di escalation nel loro uso di cannabis. I ricercatori hanno studiato l'uso della cannabis e l'indice di massa corporea (BMI). Gli autori hanno scritto che i risultati di questo studio “hanno mostrato che l'IMC di base prevedeva un'associazione positiva e significativa con la inclinazione all’uso di cannabis. Inoltre, c'era una correlazione significativa e negativa tra la inclinazione all’uso di cannabis e la pendenza dell'IMC. " Hanno concluso che questi risultati "sono coerenti con la letteratura per adulti che riporta un'associazione negativa tra consumo di cannabis e BMI".
Institute for Behavior Genetics, Università del Colorado Boulder, USA.
Ross JM, et al. Cannabis Cannabinoid Res. 2020;5(1):81-88

Scienza/Animale: Il CBD migliora la sopravvivenza nella sindrome di Dravet
In un modello murino di sindrome di Dravet, una rara malattia genetica associata a convulsioni epilettiche, il CBD ha migliorato la sopravvivenza e ridotto diversi sintomi. Gli autori hanno scritto che sono "i primi a dimostrare un potenziale effetto modificatore della malattia del cannabidiolo nei modelli animali della sindrome di Dravet".
Scuola di Farmacia, Università di Reading, Reading, Regno Unito.
Patra PH, et al. Br J Pharmacol. 2020 Apr 22 [in stampa]

Scienza/Animale: Topi senza recettori CB1 mostrano una memoria compromessa in età avanzata
Nuovi risultati suggeriscono che i recettori CB1 mancanti in alcuni topi portano a una funzione anormale dei mitocondri nelle cellule nervose dell'ippocampo, una certa regione del cervello, durante l'invecchiamento. Gli autori hanno scritto che questi cambiamenti mitocondriali potrebbero essere dovuti alle menomazioni nel sistema di controllo della qualità mitocondriale, che collega il declino legato all'età dell'attività della CB1 e la memoria compromessa. "
Facoltà di Scienze e Ingegneria, Università di Waseda, Tokyo, Giappone.
Kataoka K, et al. Brain Res Bull. 2020 Aprile 12. [in stampa]

Scienza/Umana: Gli effetti del fumo di cannabis sono diversi da quelli del fumo di tabacco secondo una revisione
In una revisione, gli scienziati evidenziano le diverse conseguenze della cannabis e del fumo di tabacco. Hanno riassunto che "l'uso di cannabis è associato ad una maggiore resistenza delle vie aeree centrali, iperinflazione polmonare e maggiore capacità vitale con scarsa evidenza di ostruzione del flusso d'aria o compromissione del trasferimento di gas. Esistono numerose segnalazioni di gravi malattie polmonari bollose e pneumotorace tra i consumatori di cannabis pesanti, ma mancano dati epidemiologici convincenti di un aumentato rischio di enfisema o distruzione alveolare. Un'associazione tra cannabis e cancro ai polmoni rimane non dimostrata con studi che forniscono risultati contrastanti ".
Dipartimento di medicina respiratoria, ospedale di Waikato, Hamilton, Nuova Zelanda.
Gracie K, et al. Addiction. 2020 Apr 14. [in stampa]

Scienza: Gli adolescenti, che usano la cannabis per addormentarsi, possono avere insonnia più tardi nella vita
Gli adolescenti che usano la cannabis per addormentarsi potrebbero avere insonnia più avanti nella vita, suggerisce un nuovo studio. È risaputo che molte persone fanno affidamento sulla cannabis come aiuto per dormire. In un sondaggio del 2018 su 1.000 consumatori di cannabis in Colorado, il 74% ha riferito di usarlo per addormentarsi. In un nuovo studio, i ricercatori hanno analizzato le abitudini del sonno e la storia dell'uso di cannabis tra 1.882 adolescenti del Colorado. I risultati hanno mostrato che circa un terzo dei partecipanti che hanno iniziato a usare la cannabis prima dei 18 anni aveva insonnia più tardi nella vita. Solo il 20 percento degli altri partecipanti - che non sono mai diventati regolari consumatori di cannabis o non hanno iniziato il loro uso a 18 anni o più - avevano insonnia in età adulta.
UPI del 14 Aprile 2020

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online gratuiti 2020

Potete trovare tutte le informazioni qui.

L'IACM terrà una serie di webinar gratuiti e un incontro online gratuito per l'anniversario da ottobre a novembre 2020.

Tutti i webinar si terranno in inglese con sottotitoli in tedesco, francese, spagnolo e portoghese. Tutti i webinar saranno disponibili online fino a marzo 2021.

L'incontro online
per celebrare il 20° anniversario dell'IACM e per onorare il 90° compleanno di Raphael Mechoulam sarà una sessione dal vivo solo il 5 novembre 2020.

I relatori della serie di webinar sono Donald I. Abrams, Bonni Goldstein, Franjo Grotenhermen, Manuel Guzmán, Raphael Mechoulam, Kirsten Müller-Vahl, Roger Pertwee, Daniele Piomelli e Ethan Russo.

Potete trovare tutte le informazioni qui.

Conferenza IACM 2021

La dodicesima conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà a Basilea, in Svizzera, dal 14 al 16 ottobre 2021.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.