[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 02 Febbraio 2020

Scienza/Animale: Il cannabigerolo efficace contro le infezioni da batteri resistenti agli antibiotici

Si è scopert che il cannabigerolo (CBG), un cannabinoide della pianta di cannabis, è in grado di distruggere i batteri resistenti ai farmaci, facendo sperare in una nuova arma nella lotta contro i superbatteri. Gli scienziati hanno esaminato cinque cannabinoidi per le loro proprietà antibiotiche e hanno scoperto che uno, il cannabigerolo (CBG), era particolarmente potente nell'uccidere lo Staphylococcus aureus resistente alla meticillina (MRSA), uno dei superbatteri ospedalieri più comuni.

Avendo visto l'efficacia della sostanza contro i batteri in laboratorio, i ricercatori hanno deciso di testare la capacità del CBG di trattare le infezioni negli animali. In uno studio che non è stato ancora pubblicato, hanno scoperto che il CBG ha curato i topi delle infezioni da MRSA con la stessa efficacia della vancomicina, un farmaco ampiamente considerato come l'ultima linea di difesa contro i microbi resistenti ai farmaci. Lo studio è in fase di revisione presso la rivista ACS Infectious Diseases.

IACM-Bulletin of 2 February 2020


The Guardian del 19 Gennaio 2020

Economia/Ecologia: Dati sulla quantità di elettricità consumata dall'industria della cannabis

La pianta di cannabis viene considerata un'erba che si integra bene con la natura. “La sporca verità, tuttavia, è che l'attività di coltivazione della cannabis è tutt'altro che ecologica. In effetti, la coltivazione della cannabis è così ad alta intensità di energia che la sua impronta ecologica sta rapidamente diventando un incubo ambientale ", afferma un articolo che analizza alcuni dati provenienti dagli Stati Uniti.

L'industria della cannabis è una delle più dispendiose in termini di energia al mondo, e spesso richiede una vasta gamma di sistemi di riscaldamento, ventilazione e aria condizionata, ventilatori e impianti di illuminazione interna 24 ore su 24 in più siti in crescita. Evan Mills, uno scienziato del Lawrence Berkeley National Laboratory, afferma che la produzione di cannabis legale negli Stati Uniti consuma l'1% dell'elettricità totale, ovvero 41,71 miliardi di chilowattora (kWh) di elettricità, per un costo di $ 6 miliardi all'anno. Sarebbe abbastanza energia da alimentare 3,8 milioni di case o l'intero stato della Georgia. Generare così tanta elettricità emette 15 milioni di tonnellate di emissioni di gas serra (CO2), ovvero circa ciò che tre milioni di automobili in media produrrebbero in un anno.


OilPrice.com del 4 Gennaio 2020

Scienza/Umana: Circa la metà dei pazienti con lombalgia è stata in grado di interrompere l'uso di oppiacei dopo aver iniziato il consumo di cannabis

In uno studio a lungo termine con 61 pazienti con lombalgia, che hanno utilizzato oppioidi, circa la metà di loro è stata in grado di interrompere il consumo di oppioidi, dopo anni, dopo aver iniziato l'uso di cannabis. Questo studio osservazionale è stato condotto in un unico sito, la condotta medica di Jeffrey Y. Hergenrather. Raccomandazioni sull'uso di cannabis sono state fornite ai pazienti come modo per mitigare la loro lombalgia.

Gli autori hanno scoperto che il 50,8% era in grado di interrompere l'uso di oppiacei, il che ha richiesto una mediana di 6,4 anni dopo l'esclusione di due pazienti. Per quei 29 pazienti (47,5%) che non hanno interrotto gli oppioidi, 9 (31%) sono stati in grado di ridurre il consumo di oppioidi, 3 (10%) hanno mantenuto lo stesso valore di base e 17 (59%) hanno aumentato il loro utilizzo. Gli autori hanno concluso che "in questo studio osservazionale a lungo termine, l'uso di cannabis ha funzionato in alternativa agli oppioidi da prescrizione in poco più della metà dei pazienti con lombalgia e in aggiunta alla riduzione dell'uso in alcuni consumatori cronici di oppioidi".


Takakuwa KM, Hergenrather JY, Shofer FS, Schears RM. The Impact of Medical Cannabis on Intermittent and Chronic Opioid Users with Back Pain: How Cannabis Diminished Prescription Opioid Usage. Cannabis Cannabinoid Res. 2020 Jan 9. [in stampa]

Nazioni Unite: La Commissione EURopea propone il voto unificato dell'UE sulla schedatura della cannabis all'OMS

Prima della sessione di marzo della Commissione delle Nazioni Unite sui narcotici (CND), il ramo esecutivo dell'Unione EURopea ha proposto che i paesi membri dell'UE votino a favore di tre delle sei raccomandazioni sulla schedatura della cannabis dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Uno di questi cambiamenti supportati sarebbe positivo per l'industria globale della cannabis: rimuovere la cannabis e la resina di cannabis dall'Allegato IV della Convenzione unica sui narcotici (1961). Tuttavia, la Commissione propone di rinviare le decisioni su altre due proposte e di respingerne una terza. In particolare, la Commissione ha chiesto una "ulteriore valutazione" sul chiarimento proposto che i preparati di CBD con non più dello 0,2% di THC non siano soggetti a controllo internazionale.


Marijuana Business Daily 15 Gennaio 2020

Scienza/Umana: Molti pazienti con artrite usano cannabis

I ricercatori di CreakyJoints, un'organizzazione di patrocinio e ricerca, hanno intervistato 1.059 adulti con malattie reumatiche e muscoloscheletriche diagnosticate dal medico. I partecipanti sono stati estratti dal registro di ricerca di ArthritisPower. I risultati sono stati pubblicati come abstract di incontro dall'American College of Rheumatology.

I ricercatori hanno scoperto che il 37% della coorte (n = 387) ha riferito di uso di cannabis terapeutica, attualmente o in passato, e quasi tutti i partecipanti (93%) l'hanno utilizzata per gestire una condizione specifica (51% per l'artrite reumatoide, il 46% per l'artrosi e il 35% per la fibromialgia), con quasi il 62% degli attuali utilizzatori che la usano almeno una volta al giorno.


Pain Medicine News del 14 Gennaio 2020

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile nell'insonnia negli anziani con dolore cronico, ma può svilupparsi tolleranza

In uno studio condotto su 128 pazienti con dolore cronico di età superiore ai 50 anni, reclutati presso l'Istituto Rambam per la medicina del dolore di Haifa, in Israele, l'uso di cannabis è stato associato a un minor numero di problemi con il risveglio notturno. Lo studio ha confrontato 66 pazienti con uso di cannabis e 62 non consumatori.

L'uso di cannabis era associato a un minor numero di problemi con il risveglio notturno rispetto all'uso di non cannabis. Non sono state rilevate differenze di gruppo per problemi di addormentarsi o svegliarsi presto senza riuscire a riaddormentarsi. L'uso frequente di cannabis era associato a più problemi a svegliarsi di notte e ad addormentarsi. Gli autori hanno concluso che l'uso di cannabis terapeutica “può avere un effetto complessivamente positivo sul mantenimento del sonno durante la notte nei pazienti con dolore cronico. Allo stesso tempo, la tolleranza verso potenziali proprietà che inducono il sonno di MC può verificarsi con un uso frequente. "


Sznitman SR, Vulfsons S, Meiri D, Weinstein G. Medical cannabis and insomnia in older adults with chronic pain: a cross-sectional study. BMJ Support Palliat Care. 2020 Jan 20. [in stampa]

Notizie in breve

ICRS: 30a riunione annuale della International Cannabinoids Research Society
La 30a riunione dell'ICRS si terrà presso l'Università Nazionale di Galway dal 4 al 9 luglio 2020.
Information and registration

Scienza/Umana: L'effetto antipsicotico del CBD può essere dovuto alla normalizzazione dell'attività in alcune regioni del cervello
In uno studio con 15 pazienti con psicosi e 19 controlli sani, i cui cervelli sono stati studiati durante prove di memoria, il CBD ha attenuato la disfunzione in alcune regioni del cervello (regioni mediotemporali, prefrontali e striatali). Gli autori hanno scritto che ciò "suggerisce che la normalizzazione della disfunzione mediotemporale e prefrontale e la connettività funzionale medio-temporale-striatale possono essere alla base degli effetti antipsicotici del CBD".
Dipartimento di Studi di Psicosi, Istituto di Psichiatria, Psicologia e Neuroscienze, King's College di Londra, Regno Unito.
O'Neill A. Psychol Med. 2020 Genn 29:1-11.

Francia: Il programma pilota sulla cannabis medica dovrebbe iniziare nell'autunno 2020
Nel 2019, la Francia ha annunciato l'intenzione di avviare un programma pilota sulla cannabis medicinale, che ora dovrebbe iniziare a settembre 2020. Il programma durerà due anni con i primi sei mesi che serviranno a identificare i 3000 pazienti che trarranno maggiori benefici dal programma. Le prime prescrizioni per la cannabis medicinale dovrebbero iniziare nel gennaio 2021.
Benzinga del 21 Gennaio 2020

Italia: La cannabis medica è ora gratuita in Sicilia per determinate condizioni mediche
La cannabis medica sarà ora disponibile gratuitamente nella regione siciliana, secondo un decreto firmato dall'assessore siciliano Ruggero Razza. Il costo delle prescrizioni, disponibile per i pazienti che soffrono di dolore cronico, paralisi cerebrale e sclerosi multipla, sarà coperto dal governo regionale siciliano secondo quanto riportato dai media italiani.
The Local del 21 Gennaio 2020

Scienza/Umana: L'uso di cannabis non è stato associato ad un aumentato rischio di malattia coronarica nei giovani adulti
In uno studio condotto su 1420 pazienti con dolore toracico tra i 18 e i 50 anni, 146 sono stati identificati come consumatori di cannabis. Non avevano precedenti di malattie cardiache. Gli autori hanno scoperto che "tra i pazienti più giovani che sono stati valutati per il dolore toracico, l'uso di cannabis auto-riferito non ha conferito alcun rischio aggiuntivo di malattia coronarica come rilevato sull'angiografia con TC coronarica".
Dipartimento di Radiologia e Scienze Radiologiche, Medical University of South Carolina, Charleston, USA.
Burt JR, et al. PLoS One. 2020;15(1):e0228326

Scienza/Umana: Un quarto dei pazienti di una clinica palliativa utilizzava THC e CBD
Secondo un sondaggio condotto su 58 pazienti, presentatisi a una clinica di medicina palliativa in un periodo di tre mesi, circa un quarto degli intervistati ha riferito l'uso di THC e CBD. Complessivamente, il 24% degli intervistati ha riferito di utilizzare THC. I pazienti hanno riportato miglioramenti nel dolore, nell'appetito e nella nausea. Complessivamente, il 24% dei pazienti ha riportato l'uso di CBD. I pazienti hanno riportato miglioramenti nel dolore.
Halifax Health Hospice, Port Orange, Stati Uniti.
Highet BH, et al. Am J Hosp Palliat Care. 2020 Jan 27:1049909119900378.

Scienza/Umana: Il THC migliora il flusso sanguigno del nervo ottico, il che può essere utile nel glaucoma
In uno studio controllato con placebo con 24 soggetti sani la somministrazione di THC orale (5 mg di dronabinol in capsule o placebo) ha aumentato significativamente il flusso sanguigno nel nervo ottico di una media del 9,5%, mentre il placebo non ha mostrato cambiamenti. Gli autori hanno scritto che "sono necessari ulteriori studi per studiare se questo effetto può essere osservato anche nei pazienti con glaucoma".
Dipartimento di Farmacologia clinica, Università medica di Vienna, Austria.
Hommer N, et al. Clin Pharmacol Ther. 2020 Jan 24. [in stampa]

Scienza/Animale: Il beta-cariofillene e l'arginina possono essere utili nel trattamento del diabete
Secondo uno studio condotto su ratti diabetici, una combinazione con beta-cariofillene, che si lega al recettore CB2, e l'arginina hanno ridotto i livelli di glucosio e lipidi. Gli autori hanno scritto che lo studio "indica un approccio terapeutico per trattare il diabete con la combinazione BCP e LA come integratore alimentare e dietetico".
Dipartimento di Farmacologia, Shobhaben Pratapbhai Patel School of Pharmacy & Technology Management, Mumbai, India.
Kumawat VS. J Food Biochem. 2020 Genn 29:e13156.

Scienza/Cellule: L'attivazione del recettore CB2 può essere utile nel carcinoma della prostata
I ricercatori hanno dimostrato che il trattamento con un cannabinoide mediante l'attivazione del recettore CB2 influisce sull'attivazione dei fibroblasti e sulla progressione del carcinoma prostatico. Hanno scritto che "nel complesso, i nostri dati supportano fortemente l'uso di cannabinoidi come agenti antitumorali nel carcinoma della prostata, poiché sono in grado di colpire contemporaneamente sia il cancro che le cellule stromali".
Dipartimento di Scienze biomediche sperimentali e cliniche, Università di Firenze, Italia.
Department of Experimental and Clinical Biomedical Sciences, University of Florence, Italy.
Pietrovito L. Int J Mol Sci. 2020;21(3).

Scienza/Animale: L'attivazione del recettore CB1 nel sito allosterico riduce il dolore oculare e l'infiammazione
In uno studio con topi, I nuovi cannabinoidi sintetici (GAT228 e GAT229), che si legano al sito allosterico del recettore CB1 riducono il dolore degli occhi. Una combinazione di questi cannabinoidi con delta-8-THC riduceva anche l'infiammazione della cornea.
Dipartimento di Farmacologia, Dalhousie University, Halifax, Canada.
Thapa D. Molecules. 2020;25(2).

Scienza/Umana: Nessuna differenza negli esiti dopo emorragia subaracnoidea tra consumatori di cannabis e non utilizzatori
In uno studio canadese a livello nazionale con 42 394 pazienti con emorragia subaracnoidea aneurismatica, si sono avuti esiti simili per consumatori di cannabis rispetto ai non utilizzatori.
Dipartimento di Neurochirurgia, Università della Columbia Britannica, Vancouver, Canada.
Dandurand C. J Clin Neurosci. 2020 Jan 21. [in stampa

Scienza: Il CBD può aumentare i livelli di tacrolimus nei pazienti con malattia renale
In una rassegna sui cannabinoidi nei pazienti con malattia renale hanno anche notato che il CBD può aumentare i livelli di tacrolimus, un agente immunosoppressore usato dopo il trapianto di organi per ridurre il rischio di rigetto d'organo.
Divisione di Nefrologia, Dipartimento di Medicina, Icahn School of Medicine a Mount Sinai, New York, USA.
Rein JL. Curr Opin Nephrol Hypertens. 2020;29(2):248-257

Scienza: Le informazioni online sui cannabinoidi nel carcinoma pediatrico sono state considerate "soddisfacenti"
I ricercatori hanno studiato la qualità delle informazioni online sui cannabinoidi nel cancro. Hanno scritto che gli operatori sanitari "dovrebbero essere consapevoli del fatto che la qualità generale delle informazioni trovate online è considerata" soddisfacente ". La maggior parte degli articoli presenta un'opinione pro-cannabis.
Università di Calgary, Alberta, Canada.
Yeung M. Support Care Cancer. 2020 Jan 20. [in stampa

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online gratuiti 2020

Potete trovare tutte le informazioni qui.

L'IACM terrà una serie di webinar gratuiti e un incontro online gratuito per l'anniversario da ottobre a novembre 2020.

Tutti i webinar si terranno in inglese con sottotitoli in tedesco, francese, spagnolo e portoghese. Tutti i webinar saranno disponibili online fino a marzo 2021.

L'incontro online
per celebrare il 20° anniversario dell'IACM e per onorare il 90° compleanno di Raphael Mechoulam sarà una sessione dal vivo solo il 5 novembre 2020.

I relatori della serie di webinar sono Donald I. Abrams, Bonni Goldstein, Franjo Grotenhermen, Manuel Guzmán, Raphael Mechoulam, Kirsten Müller-Vahl, Roger Pertwee, Daniele Piomelli e Ethan Russo.

Potete trovare tutte le informazioni qui.

Conferenza IACM 2021

La dodicesima conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà a Basilea, in Svizzera, dal 14 al 16 ottobre 2021.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.