[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 29 Luglio 2001

Scienza: Discussione sul valore medico dei cannabinoidi nel British Medical Journal

Due articoli di rivista sui riferimenti storici sull'efficacia dei cannabinoidi nel dolore e nella nausea indotta dalla chemioterapia pubblicati nel British Medical Journal del 7 luglio hanno ottenuto molto interesse da parte dei media.

La rivista della Dott.ssa Fiona A Campbell e colleghi concludeva affermando che i "cannabinoidi non sono molto più efficaci della codeina nel controllo del dolore (...)."La rivista del Dott. Martin R Tramèr et al. affermava che "in pazienti selezionati, i cannabinoidi testati in questi esperimenti possono essere utili ad aiutare l'aumento dell'umore per controllare la malattia collegata alla malattia. Degli effetti contrari potenzialmente gravi (..) portano facilmente a limitare il loro uso diffuso." In un commento la dott.ssa Elsa Kalso dell'Università di Helsinki esprimeva dei dubbi se esista un bisogno di farmaci a base di cannabinoidi.

Il dottor Roger Pertwee dell'Università di Aberdeen affermava in un'intervista "I dati visionati nel testo pubblicato nel BMJ sono gli stessi che sono stati visionati nel rapporto della British Medical Association sulla cannabis pubblicati nel 1997. Il rapporto raccomandava la prescrizione delle medicine a base di cannabinoidi per i pazienti con dolori incurabili."

In una lettera all'editore il Dottor Franjo Grotenhermen del Nova-Institut di Colonia notava che dei dati assemblati "perderanno molta informazione interessante, in particolare le differenze nell'efficacia riguardo le diverse condizioni (..) La questione di interesse non é se i cannabinoidi costituiscono dei potenti analgesici se paragonati alla codeina ma in quali condizioni dolorose i cannabinoidi sono efficaci."

Il dottor Philip Robson della GW Pharmaceuticals affermava: "La GW é d'accordo con gli autori del documento rispetto al fatto che il dolore post-operatorio non costituisce l'area nella quale i cannabinoidi possano probabilmente procurare un beneficio terapeutico superiore rispetto a dei trattamenti esistenti (..) Ciononostante, il documento riconosce che la cannabis potrebbe essere utile in altre aree del dolore, in particolare nel dolore neuropatico e negli spasmi, ed é in queste aree che la GW sta focalizzando la sua attuale ricerca."

(Fonti: Campbell FA, et al. BMJ 2001;323:13; Tramér MR, et al.MMJ 2001;3223;16; Kalso E.BMJ 2001;323:323:2-3; Grotenhermen F. Lettera all'editore del 19 luglio 2001)

Scienza: Novità dal meeting 2001 dell'ICRS (II)

In fondo vi sono ulteriori risultati di ricerca presentati al meeting annuale della Società Internazionale di Ricerca sui cannabinoidi (ICRS) dal 28 al 30 giugno in Spagna. (Vedi anche l'ultimo bollettino IACM).

(1) Il THC e gli altri cannabinoidi erano in grado di prevenire la morte cerebrale programmata (apoptosis) indotta dalla ceramide nelle cellule nervose (astrociti). Questo effetto era mediato dal recettore CB1. (Abstract di Teresa Gòmez del Pulgar, et al.)

(2) Degli studi pilota con estratto della cannabis in G.B. con 2 pazienti. Di sesso femminile sofferenti di dolore cronico alla schiena e di sciatica e con 2 pazienti femmine affette da sclerosi multipla dimostrano la responsività variabile ad un trattamento con la cannabis. Una delle pazienti con dolore alla schiena ottenne una riduzione sostanziale del dolore mentre vi era solo un po' di miglioramento nel sonno dell'altra. Le due pazienti di SM, dimostrarono delle differenze marcate rispetto ai benefici e agli effetti collaterali.(Due Abstracts di William Notcutt, et al.)

(3) Il recettore antagonista dei cannabinoidi SR141716 aveva degli effetti antidepressivi in un modello animale di depressione. I topi erano sospesi con l'applicazione di pellicola adesiva nella parte terminale della coda e il loro comportamento veniva studiato. (Abstract di Richard E. Musty, et al.)

(4) Gli endocannabinoidi sono importanti per la normale ingestione del cibo nei topi neonati che possono essere disturbati dall'antagonista SR141716. L'inibizione dell'assunzione di cibo da parte dei neonati e della crescita da parte dell'antagonista è generalmente un risultato del blocco del recettore specifico CB1. (Abstract di Ester Fride, et al.)

(5) Le proprietà analgesiche del THC (20 mg) e morfina (30 mg) da sole o in combinazione in soggetti sani sono state testate. Il THC non riducono significativamente il dolore nei test. Alcuni effetti analgesici furono osservati solamente in combinazione con la morfina. (Abstract di Rudolf Brenneisen, et al.)

(6) L'attivazione dei recettori periferici CB2 produce un processo di antinoception (non reattività N.d.T.) rispetto agli stimoli termici. I recettori agonisti CB2 potrebbero avere degli effetti promettenti per il trattamento del dolore senza causare degli effetti centrali mediati dal CB1. (Abstract di T. Philip Malan et al.)

CORREZIONE: Nell'ultimo numero del bollettino IACM veniva presentato uno studio di Hagenbach et al. Erroneamente si affermava che il THC diminuiva la iperattività dello sfintere della vescica. Attualmente Il THC diminuiva la iperattività del muscolo della vescica (detursore).

(Fonte: Abstracts del programma del Simposio ICRS del 2001 sui cannabinoidi)

Notizie in breve

Canada: I farmacisti sono pronti
I farmacisti dell'Alberta affermano di essere pronti a distribuire la cannabis per scopi medici, se esiste un fornitore. "Noi dovremmo approcciare il problema nello stesso modo in cui operiamo con altri medicinali," affermava Greg Eberhart del Collegio dei Farmacisti dell'Alberta. Il collegio sta spingendo la professione a studiare i dosaggi corretti, gli effetti collaterali e le interazioni potenziali. (Fonte: Calgary Herald del 19 luglio 2001)

USA: Colorado/Kaiser Permanente
Avvocati della Kaiser Permanente a Colorado hanno dato ai suoi dottori un'accattivante semaforo verde per sostenere l'uso medico della cannabis per pazienti qualificati. I dottori cercavano una consulenza legale da parte dei legali della organizzazioni in settimane recenti dopo che si erano preoccupati rispetto ad un possibile procedimento penale. Secondo la legge dello stato, i dottori devono firmare dei documenti ufficiali secondo i quali i loro pazienti potrebbero beneficiare dall'utilizzo della marijuana. Kaiser Permanente è la più grande organizzazione no profit sanitaria dell'America che assiste 8,1 milioni di associati in diversi stati. (Fonti: Denver Rocky Mountain News del 7 luglio 2001)

Gran Bretagna: Sondaggi sulla cannabis
Un sondaggio pubblicato l'8 luglio affermava che un numero crescente di cittadini britannici erano a favore della legalizzazione della cannabis. Un sondaggio del quotidiano Independent on Sunday riportava che il 37 per cento dei cittadini britannici voleva la droga legalizzata con il 51 per cento opposti. Nel 1996, il 66 per cento dei cittadini britannici era contrari alla legalizzazione della cannabis e solo 26 percento a favore. Il sondaggio segue di due giorni le affermazioni di Peter Lilley un esponente della destra del partito conservatore che era ministro di cabinetto dell'ex primo ministro Margaret Thatcher e di John Major. (Fonte: Reuters del 7 luglio 2001)

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

IACM Conference 2019

 The IACM Conference 2019 will be held on October 31 - November 2, 2019, at Estrel Hotel, Berlin, Germany.

Conferenze supportate

STCM Conference, 19 January 2019, University Hospital Bern, Switzerland

 

Cann10, 14-16 October 2018, Tel Aviv Israel.

 

Members only

 Please click here to visit the Members Only Area with a film to honour Prof Raphael Mechoulam, 
Please click here to become a member.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.