[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 20 Ottobre 2018

Gran Bretagna: La cannabis sarà resa disponibile per uso medico nel mese di novembre 2018

La cannabis medica sarà messa a disposizione dei pazienti del Regno Unito tramite prescrizione a partire da novembre, dopo una lunga battaglia che ha visto sotto i riflettori dei mass media alcuni bambini e altri pazienti le cui condizioni sono state alleviate dalla sostanza. Fino ad ora, il farmaco era nella lista 1 dei farmaci - ovvero quella a più rigoroso controllo - secondo la Legge del Regno Unito, con la limitazione di essere autorizzata solo in circostanze eccezionali e richiedendo un'apposita Licenza "Home Office".

Il nuovo regime, che sposta il farmaco nella lista due, si applicherà all'olio di cannabis che contiene THC. Gli estratti di cannabis con CBD e senza THC sono già legali nel Regno Unito. La decisione di riprogrammare la cannabis arriva dopo una lunga battaglia tra i sostenitori della cannabis medica e il partito conservatore al governo. La lotta si è conclusa all'inizio di quest'anno, dopo un'instancabile campagna condotta dalle madri di bambini che soffrono di rare forme di epilessia, le quali hanno scoperto che la cannabis medicinale è risultata la migliore terapia per le condizioni dei loro figli.

RT News of 7 October 2018.

Nazioni Unite: Nel marzo 2019 i paesi voteranno le raccomandazioni dell'OMS sulla classificazione della canapa

L'ECDD (Comitato di esperti per la tossicodipendenza) dell'OMS ha riconosciuto l'incoerenza della classificazione della pianta di cannabis nella Tabella IV della Convenzione del 1961. Il 31 maggio l'ECDD ha tenuto un'audizione su questo tema. Durante la 41a riunione dell'ECDD dal 12 al 16 novembre 2018 sarà portata a termine la parte finale della nuova valutazione della cannabis, la cosiddetta revisione critica.

Il passo definitivo avverrà nel marzo 2019, quando i paesi voteranno le raccomandazioni OMS durante la riunione della Commissione sugli stupefacenti, un organo delle Nazioni Unite. I 53 paesi deputati al voto dovranno essere convinti ad adottare le raccomandazioni dell'OMS. Sarà essenziale esercitare pressioni sui governi a livello nazionale per consentire cambiamenti della Convenzione.

Presentation for the 40th ECDD Meeting in Geneva on 31 May 2018 by the IACM

Voting countries at the 62nd CND in March 2019

Scienza/Umana: L'uso di cannabis è associato a una significativa riduzione della frequenza del diabete

Il rischio di diabete è stato ridotto del 19% nelle persone che hanno usato cannabis e del 49% in quelle che l'hanno usata negli ultimi 12 mesi. Questa analisi è stata pubblicata dagli investigatori dell'Istituto di scienze mediche dell'Università di Toronto, in Canada. I dati sono stati ottenuti dalla Indagine epidemiologica nazionale canadese su alcol e condizioni correlate.

Le percentuali corrispondenti di diabete erano 0,81 e 0,51 per l'uso continuativo di cannabis e per quello negli ultimi 12 mesi, rispettivamente. Gli autori hanno concluso che "una ridotta probabilità di diabete per i consumatori di cannabis rispetto ai non utilizzatori è stata trovata dopo aver contabilizzato una serie di potenziali fattori confondenti, tra cui

disturbi mentali. Prima che possano essere suggeriti effetti protettivi del consumo di cannabis per il diabete sono necessari ulteriori studi epidemiologici ".

Imtiaz S, Rehm J. The relationship between cannabis use and diabetes: Results from the National Epidemiologic Survey on Alcohol and Related Conditions III. Drug Alcohol Rev. 2018 Oct 4. [in press]

Scienza/Umana: La cannabis è efficace nella sindrome di Tourette secondo un sondaggio

Secondo interviste fatte a 42 pazienti affetti dalla sindrome di Tourette, che hanno usato la cannabis a scopo medicinale, il farmaco era efficace nel controllo dei sintomi della maggior parte dei pazienti. Lo studio è stato condotto dal Neurological Institute of Tel Aviv Medical Center e dalla Sackler School of Medicine dell'Università di Tel Aviv, Israele. Sono stati intervistati un totale di 33 maschi e 9 femmine con un'età media di 34,5 anni.

Il punteggio totale globale di efficacia è stato di 3,85 su un totale di 5 punti possibili. I pazienti hanno riferito, nella parte di discussione libera dell'intervista, una riduzione della gravità del tic, un sonno migliore e umore migliorato. Trentotto pazienti hanno riferito benefici dal trattamento mentre 10 pazienti con più di un anno di consumo hanno scelto di interrompere il trattamento con la cannabis per vari ragioni che includono gravi effetti collaterali come psicosi in un paziente.

Thaler A, Arad S, Schleider LB, Knaani J, Taichman T, Giladi N, Gurevich T. Single center experience with medical cannabis in Gilles de la Tourette syndrome. Parkinsonism Relat Disord. 2018 Oct 1. [in press]

Scienza/Umana: Il cannabidiolo può essere utile nel trattamento del cancro secondo un studio osservazionale

In uno studio osservazionale con 119 pazienti con tumore avanzato, di cui 28 hanno ricevuto CBD come unico trattamento, i medici sono stati in grado di documentare miglioramenti in alcuni pazienti. Gli investigatori lavorano al The Old Brewery e la St George's University di Londra, Regno Unito. Hanno analizzato i dati di routine raccolti come parte del loro programma di trattamento per un periodo di 4 anni. I tipi di tumori più frequenti erano il cancro al seno (39 casi), il cancro alla prostata (16 casi) e il tumore del colon-retto (13 casi).

Gli autori hanno notato che otto pazienti erano "chiaramente migliorati" usando il CBD per cancro alla prostata, tumori cerebrali, cancro al seno, cancro all'esofago e linfoma. Hanno presentato due "casi impressionanti", di cui uno era un paziente maschio di 5 anni con un tumore al cervello (ependimoma anaplastico) e l'altro un paziente di 50 anni con ependimatico tanicitico, un altro tumore del cervello. In entrambi i casi c'è stata una diminuzione del volume del tumore, attribuita al CBD.

A causa del carattere dello studio non è possibile trarre conclusioni chiare.

Kenyon J, Liu W, Dalgleish A. Report of Objective Clinical Responses of Cancer Patients to Pharmaceutical-grade Synthetic Cannabidiol. Anticancer Res. 2018;38(10):5831-5835.

Notizie in breve

Scienza/Cellule: I cannabinoidi possono aumentare l'efficacia di bortezomib nel cancro osseo
Negli studi con cellule di osteosarcoma i ricercatori hanno dimostrato che l'efficacia del farmaco antitumorale bortezomib può essere aumentata da molecole che attivano il recettore cannabinoide-2 e il Recettore TRPV1. Ci sono stati effetti sinergici sull'apoptosi (morte cellulare programmata), sulla progressione del ciclo cellulare e sulla migrazione delle cellule tumorali ossee.

Università degli Studi della Campania "Luigi Vanvitelli", Italy.

Punzo F, et al. Pharmacol Res. 2018;137:25-33. [in press]

Scienza/Umana: Lo stato di legalizzazione negli Stati Uniti non ha alcun effetto sull'uso problematico di cannabis
In un'analisi di 329 consumatori abituali di cannabis provenienti da diversi Stati degli Stati Uniti, gli scienziati non hanno trovato un'associazione tra legalizzazione dello stato degli Stati Uniti e l'uso problematico di cannabis o impulsività. "

Università di Monash, Melbourne, Australia.

Destrée L, et al. Drugs Context.
2018;7:212541.

Scienza: Considerevole aumento delle pubblicazioni sulla cannabis medica sulle riviste scientifiche
Tra il 2000 e il 2017 il numero di pubblicazioni sulla cannabis è aumentato di 4,5 volte e il numero di pubblicazioni sulla cannabis medica è aumentato di quasi 9 volte nei principali database scientifici.

Clalit Health Services, Southern District, Israele.

Treister-Goltzman Y, et al. Popul Health Manag. 2018 Oct 6. [in press]

Scienza/Umana: Gli uomini hanno più recettori cannabinoidi-1 nel cervello rispetto alle donne
In uno studio con 11 uomini e 11 donne sane, gli scienziati hanno scoperto che la disponibilità di recettori CB1 era in media del 41% più alta nel cervello dei maschi rispetto alle femmine. Gli scienziati hanno usato una tecnica sofisticata per rendere visibile la disponibilità del recettore CB1 in diverse regioni del cervello.

Turku PET Centre, Ospedale universitario di Turku, Finlandia.

Laurikainen H, et al. Neuroimage. 2018 Oct 5. [in press]

Scienza/Animale: Alti livelli di un endocannabinoide sono associati a esiti sfavorevoli dopo attacco di cuore
Negli studi con topi, aumentati livelli dell'endocannabinoide 2-AG (2-arachidonoilglicerolo), ma non di anandamide o di altri endocannabinoidi erano associati ad un aumento dell'infiammazione e della dimensione dell'infarto.

Istituto per la prevenzione cardiovascolare, Ludwig-Maximilians-Università di Monaco di Baviera, Germania.

Schloss MJ, et al. Cardiovasc Res. 2018 Sep 28. [in press]

Scienza/Animale: Gli estratti di CBD e il CBD riducono i sintomi in un modello animale di sclerosi multipla
Il CBD (cannabidiolo) e un estratto di CBD da una pianta di cannabis ad alto contenuto di CBD e bassissimo contenuto di THC hanno ridotto i sintomi nei topi con EAE (encefalomielite autoimmune), un modello per la sclerosi multipla.

L'Hadassah Medical School, l'Università Ebraica di Gerusalemme, Israele.

Gallily R, et al.Inflammopharmacology. 2018 Oct 5. [in press]

Scienza/Umana: Il sistema endocannabinoide è associato al benessere in età avanzata
Il sistema endocannabinoide è influenzato positivamente dall'esercizio e ciò ha effetti positivi su benessere e qualità della vita negli anni successivi.

Dipartimento di Nutrizione, Università della California, Davis, USA.

Watkins BA, et al. Mol Aspects Med. 2018 Oct 5. [in press]

Scienza/Animale: Il CBD può essere utile nella dipendenza da cocaina
In uno studio con topi, il CBD ha dimostrato di attenuare la dipendenza da cocaina. Gli investigatori hanno dimostrato che il CBD può modulare alcune manifestazioni comportamentali e molecolari della dipendenza da cocaina.

Dipartimento di Scienze Sperimentali e della Salute, Universitat Pompeu Fabra, Barcellona, Spagna

Luján MÁ, et al. Neuropharmacology. 2018;143:163-175.

Scienza/Umana: Il sistema endocannabinoide può essere coinvolto in un disturbo muscolare
Gli investigatori hanno dimostrato il coinvolgimento del sistema endocannabinoide nel muscolo della distrofia di Duchenne e hanno proposto "il ruolo dei recettori CB1 come bersaglio per potenziali terapie".

Gruppo di ricerca sugli endocannabinoidi, Italia.

Iannotti FA, et al. Nat Commun. 2018;9(1):3950.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis può essere associato ad un aumentato rischio di suicidio
Secondo un'analisi dei dati canadesi del 2002 e del 2012 (43.466 soggetti) c'era una significativa differenza di sesso nella forza dell'associazione tra uso di cannabis e pensieri di suicidio e sofferenza psicologica. Le femmine hanno riportato un livello più elevato di angoscia e pensieri suicidi. Non è chiaro dallo studio se la cannabis viene utilizzata per ridurre lo stress o se la cannabis causa angoscia.

McMaster University, Hamilton, Canada.

Halladay JE, et al. Can J Psychiatry. 2018 Sep 27:706743718804542. [in press]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

IACM Conference 2019

 The IACM Conference 2019 will be held on October 30 - November 2, 2019, at Estrel Hotel, Berlin, Germany.

Members only

 Please click here to visit the Members Only Area with a film to honour Prof Raphael Mechoulam, 
Please click here to become a member.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.