[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 14 Giugno 2018

Mondo/Nazioni Unite: la commissione di esperti dell'OMS sulla dipendenza dalla droga rivede lo stato della cannabis nei trattati internazionali sulle droghe

70 anni dopo la fondazione dell'Organizzazione Mondiale della Sanità nel 1948, il comitato OMS di esperti sulla tossicodipendenza ha iniziato ad analizzare i danni e i benefici della cannabis per la salute. È probabile che le loro conclusioni cambino le leggi internazionali. Il 40 ° incontro dell'ECDD (Comitato di esperti sulla dipendenza dalle droghe) è iniziato con l'audizione di pazienti, medici ed esperti del settore. L'IACM è stato invitato a partecipare con una dichiarazione video. Inoltre, rappresentanti di organizzazioni non governative, tra cui Michael Krawitz, rappresentante paziente della IACM, hanno presentato una dichiarazione scritta.
Negli anni '50 l'OMS ha dato il via libera all'inclusione della Cannabis nei severi programmi di controllo delle droghe da parte delle Nazioni Unite. Questi programmi classificano la cannabis e i suoi derivati come "particolarmente soggetti ad abusi e a fornire effetti negativi" con "pochi o pochissimi effetti terapeutici". Una vera revisione scientifica formale della Cannabis non è mai stata fatta - sebbene l'OMS, per mandato, sia stata responsabile sin dagli anni '60 dell'esecuzione di valutazioni del rischio di tutti i farmaci che creano dipendenza o potenziale di abuso e, inoltre, sia incaricata dal 2000 di aggiornare le sue revisioni ogni 20 anni.
Fortieth meeting of the Expert Committee on Drug Dependence of the WHO
Press release by the FAAAT of 7 June 2018
Joint Civil Society Contribution
Video presentazione dell’IACM al meeting ECDD il 4 giugno 2018

Scienza/Umana: i pazienti con dolore spesso sostituiscono gli oppioidi con la cannabis

In uno studio condotto su 2032 pazienti, che usano cannabis a scopo terapeutico, gli oppioidi sono stati spesso sostituiti con cannabis. Secondo lo studio condotto da scienziati statunitensi e canadesi, 21 malattie sono state trattate con cannabis e le sindromi da dolore hanno rappresentato il 42,4%. Lo studio si è concentrato sul trattamento di 505 casi di mal di testa, che per lo più (88%) soddisfacevano i criteri di emicrania.

La maggior parte dei pazienti con mal di testa ha preferito ceppi ibridi, cioè ceppi con caratteristiche sia sativa che indica. Il ceppo preferito presentava alte concentrazioni di THC e basse concentrazioni di CBD, inoltre conteneva alte concentrazioni dei terpeni beta-cariofillene e beta-mircene, che hanno proprietà antinfiammatorie e analgesiche.
Baron EP, Lucas P, Eades J, Hogue O. Patterns of medicinal cannabis use, strain analysis, and substitution effect among patients with migraine, headache, arthritis, and chronic pain in a medicinal cannabis cohort. J Headache Pain. 2018;19(1):37.

Scienza/Umana: La Palmitoiletanolamide migliora il trattamento dei bambini autistici in uno studio clinico

Secondo uno studio clinico condotto su 70 bambini con autismo, l'aggiunta dell’endocannabinoide PEA (palmitoiletanolamide) al consueto trattamento con neurolettici, ha migliorato alcuni sintomi della malattia. Gli scienziati dell'Università di scienze mediche di Teheran, Iran, hanno pubblicato le loro ricerche sui bambini dai 4 ai 12 anni nel Journal of Psychiatric Research. Hanno studiato l'aggiunta di PEA a risperidone sul comportamento dei bambini in un periodo di trattamento di 10 settimane rispetto al placebo.

La combinazione di PEA e risperidone ha migliorato l'irritabilità e l'iperattività misurate con un test standard, l'ABC-C (Aberrant Behavior Checklist-Community Edition). C'è stata anche una tendenza ad un miglioramento del linguaggio inappropriato alla fine dello studio per la PEA rispetto al placebo. Gli autori hanno scritto che "il PEA può aumentare gli effetti terapeutici del risperidone sull'irritabilità e l'iperattività correlate all'autismo".

Khalaj M, Saghazadeh A, Shirazi E, Shalbafan MR, Alavi K, Shooshtari MH, Laksari FY, Hosseini M, Mohammadi MR, Akhondzadeh S. Palmitoylethanolamide as adjunctive therapy for autism: Efficacy and safety results from a randomized controlled trial. J Psychiatr Res. 2018;103:104-111.

Notizie in breve

Scienza/Umana: l'uso di cannabis è stato associato a un piccolo aumento dell'insufficienza cardiaca e dell'ictus
Utilizzando un ampio database di pazienti dagli Stati Uniti, gli scienziati hanno scoperto che l'uso di cannabis aumenta il rischio di insufficienza cardiaca del 10% e di eventi cerebrovascolari, per esempio di ictus, del 24% circa.
Einstein Medical Center, Philadelphia, Stati Uniti d'America.
Kalla A, et al. J Cardiovasc Med (Hagerstown). 2018 giugno 6. [in corso di stampa].

Scienza/Animale: l'aggiunta di cannabinoidi agli oppioidi migliora la tollerabilità del trattamento con oppioidi nelle scimmie
L'aggiunta di THC o di un cannabinoide sintetico (CP 55,940) a morfina e fentanil non ha aumentato gli effetti negativi degli oppioidi sulla respirazione, ma ha migliorato gli effetti di alleviamento del dolore. Gli autori hanno concluso che "la finestra terapeutica è maggiore per gli oppioidi quando sono combinati con agonisti dei recettori dei cannabinoidi, indicando un possibile vantaggio per queste miscele di farmaci nel trattamento del dolore".
Centro di scienze della salute dell'Università del Texas a San Antonio, USA.
Weed PF, et al. EUR J Pharmacol. 2018 maggio 26; 833: 94-99

Scienza/Umana: efficacia a lungo termine di uno spray di cannabis nel trattamento della spasticità dovuta alla sclerosi multipla
In uno studio con 106 pazienti affetti da sclerosi multipla, che hanno risposto ad un trattamento con Sativex spray durante un periodo di trattamento di 4 settimane e ricevuto lo spray di cannabis o un placebo per altre 12 settimane in aggiunta al loro farmaco standard, la cannabis "ha fornito un miglioramento maggiore e clinicamente rilevante della spasticità della MS resistente rispetto al solo trattamento antispastico di prima linea. "
Ospedale di Thomayer, Praga, Repubblica Ceca.
Markovà J, et al. Int J Neurosci. 2018: 1-26

Scienza/Cellule: effetti dei cannabinoidi sul cancro del rene
Il cannabinoide sintetico WIN55,212-2 ha indotto la morte cellulare nelle cellule di cancro del rene e questo effetto è rimasto anche dopo aver bloccato i recettori CB1 e CB2 mediante l'uso di antagonisti appropriati.
Istituto militare di medicina, Varsavia, Polonia.
Khan MI, et al. BMC Cancer. 2018; 18 (1): 583

Scienza/Umana: le norme sociali sull'uso medico della cannabis rimangono sfavorevoli per molti utenti in Canada
Nonostante il fatto che l'uso medico della cannabis sia legale in Canada da oltre 10 anni, un sondaggio con 276 pazienti, che usano cannabis a scopo terapeutico, ha dimostrato che ci sono ancora problemi con l'accettazione. Solo il 38% ritiene che il proprio medico sia di supporto, mentre il sostegno da parte della famiglia e degli amici (66,3%) è molto più alto.
Scuola di sanità pubblica e sistemi sanitari, Università di Waterloo, Waterloo, Canada.
Leos-Toro C, et al. Drug Alcohol Rev. 2018 giu 5. [in stampa]

Scienza/Animale: il meccanismo d'azione degli effetti antidepressivi del CBD
In uno studio con topi il CBD ha mostrato rapidi effetti antidepressivi. Questo effetto è stato associato a livelli elevati di BDNF (fattore neurotrofico derivato dal cervello) in alcune regioni del cervello (corteccia prefrontale mediale, ippocampo). Gli autori hanno scritto che i loro dati "supportano un promettente profilo terapeutico per il CBD come nuovo farmaco antidepressivo ad azione rapida".
Università di São Paulo, Ribeirão Preto, Brasile.
Vendite AJ, et al. Mol Neurobiol. 2018 giu 4. [in stampa]

Scienza/Umana: i cannabinoidi possono essere utili nei disturbi del sonno secondo una revisione
Secondo una revisione i cannabinoidi possono essere efficaci in alcune parasonnie. Le parasonnie sono una sorta di disturbi del sonno caratterizzati da movimenti anormali, comportamenti, percezioni, emozioni e sogni, ad esempio il bruxismo.
Unità di medicina del sonno ed epilessia, Fondazione IRCCS Mondino, Pavia, Italia.
Manni R, et al. Curr Treat Opzioni Neurol. 2018; 20 (7): 26

Scienza/Umana: il tempo di inizio dell'uso di cannabis non ha alcun effetto sulle prestazioni cognitive nella psicosi
In uno studio condotto su 349 pazienti con un primo episodio di psicosi, di cui il 38,7% utilizzava cannabis, il farmaco non ha avuto alcuna influenza sulla cognizione. Di questi, 53 hanno iniziato a consumare cannabis precocemente (prima dei 16 anni) e 82 hanno iniziato in seguito. I pazienti sono stati seguiti per 3 anni. Gli autori hanno scritto che non vi erano "differenze tra il gruppo a esordio precoce e gli altri due gruppi nelle prestazioni cognitive a lungo termine, anche se continuavano a consumare cannabis durante i primi tre anni di progressione della malattia".
Ospedale universitario, Dipartimento di Psichiatria, Università della Cantabria, Santander, Spagna.
Setién-Suero E, et al. Schizophr Res. 2018 31 maggio [in corso di stampa]

Scienza/Animale: Naltrexone e CBD agiscono in sinergia nel ridurre il consumo di alcol
In uno studio con topi, basse dosi di naltrexone e cannabidiolo (CBD) hanno ridotto l'assunzione di alcol. Gli autori hanno scritto che "la combinazione di basse dosi di CBD più NTX era più efficace nel ridurre il consumo di etanolo e la motivazione a bere".
Istituto di Neuroscienze, Università di Alicante, Spagna.
Viudez-Martínez A, et al. Br J Pharmacol. 2018 giu. 2. [in stampa]

Scienza/Umana: uno spray di cannabis ha effetti positivi sulle attività della vita quotidiana nei pazienti con sclerosi multipla
Secondo un'analisi retrospettiva, nei pazienti trattati con spray di cannabis Sativex, il 96,9% dei partecipanti ha avuto un'impressione globale positiva di cambiamento durante il trattamento (media: 31,9 mesi). Le attività della vita quotidiana, ad esempio la capacità di stare in piedi, sono state mantenute o leggermente migliorate.
Unidad de Neurología, Hospital General de Elda, Spagna.
Mallada Frechín J, et al. Dis Manag. 2018 31 maggio [in corso di stampa]

Scienza/Animale: l'inibizione della degradazione degli endocannabinoidi nei reni aumenta la minzione
L'infusione di una sostanza che inibisce un enzima chiamato FAAH, responsabile della degradazione dell'endocannabinoide anandamide nei reni dei topi, ha aumentato la minzione.
Virginia Commonwealth University, Stati Uniti.
Ahmad A, et al. Am J Physiol Renal Physiol. 2018 30 maggio [in corso di stampa]

Scienza/Animale: 2-AG migliora il consolidamento della memoria
Gli scienziati hanno testato gli effetti dell'endocannabinoide 2-AG (2-arachidonoilglicerolo) sul consolidamento della memoria nei ratti. Il 2-AG ha facilitato il consolidamento della memoria e questo effetto è stato mediato dall'attivazione del recettore CB2.
Università La Sapienza, Roma, Italia.
Ratano P, et al. Neuropharmacology. 2018 maggio 26. [in corso di stampa]

Scienza/Cellule: il THC riduce la vitalità e la motilità delle cellule tumorali dell'endometrio
Il THC ha inibito la vitalità e la motilità delle cellule tumorali endometriali aggressive. Questo effetto è stato mediato dall'inibizione della cosiddetta transizione epitelio-mesenchimale (EMT) e dalla down-regulation della matrice metalloproteinasi-9 (MMP-9).
Scuola di Medicina dell'Università di Zhejiang, Cina.
Zhang Y, et al. Oncol Lett. 2018 giugno; 15 (6): 8527-8535.

Scienza/Animale: gli endocannabinoidi proteggono le cellule nervose dalle tossine
In uno studio con ratti, aumentati livelli dell’endocannabinoide anandamide nelle cellule nervose protegge contro gli effetti tossici dell'acido chinolinico. Questa sostanza causa una sovraattivazione del neurotrasmettitore NMDA, che può partecipare all'insorgenza e allo sviluppo di disturbi neurologici.
Istituto Nazionale di Neurologia e Neurochirurgia Manuel Velasco Suárez, Città del Messico, Messico.
Aguilera-Portillo G, et al. Mol Neurobiol. 2018 maggio 25. [in stampa]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Members only

 Please click here to visit the Members Only Area with a film to honour Prof Raphael Mechoulam, 
Please click here to become a member.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.