[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 13 Maggio 2018

Zimbabwe: Il governo rilascia licenze per coltivare cannabis per scopi medici

Il governo dello Zimbabwe ha deciso che i cittadini dello stato potranno richiedere licenze per coltivare la cannabis per scopi medici e di ricerca, rendendo lo Zimbabwe il secondo paese in Africa a legalizzare la coltivazione della pianta. L'anno scorso il Lesotho, primo nel continente, ha dato il via libera alla coltivazione legale di cannabis. Fino ad ora è stato illegale coltivare, possedere o usare la cannabis nello Zimbabwe, con il rischio di affrontare fino a 12 anni di carcere.

Il ministro della salute David Parirenyatwa ha fatto emanare nuovi regolamenti che consentono a privati e aziende l'autorizzazione a coltivare cannabis, conosciuta localmente come mbanje. Le licenze quinquennali rinnovabili permetteranno ai coltivatori di possedere, trasportare e vendere cannabis fresca e seccata e olio di cannabis. Le richieste dovranno includere mappe dei siti di coltivazione, la quantità che sarà prodotta e venduta e il periodo di produzione.

Reuters, 28 Aprile 2018

Scienza/Umana: Il THC può migliorare i sintomi dell'anoressia nervosa

Il THC può essere efficace nel trattamento dei sintomi psicologici in pazienti affetti da anoressia nervosa. Questo è il risultato di un piccolo studio clinico condotto da ricercatori della Università Ebraica di Gerusalemme e della Università di Haifa in Israele. Sono stati studiati nove soggetti di sesso femminile con un'età media di 45 anni e un indice di massa corporea media (BMI) di 16.1. Si definisce "essere sottopeso" avere un indice di massa corporea inferiore a 20 o 19. Il sottopeso grave è definito come un BMI inferiore a 16.

Le pazienti sono state trattate con 1 mg di THC al giorno per una settimana e 2 mg al giorno per 3 settimane. Significativi miglioramenti sono stati trovati nella cura del corpo auto-riferita, nel senso di inutilità, nell'austerità ("asceticism") e nella depressione. Non ci sono stati cambiamenti significativi nel BMI.

Avraham Y, Latzer Y, Hasid D, Berry EM. The Impact of Δ9-THC on the Psychological Symptoms of Anorexia Nervosa: A Pilot Study. Isr J Psychiatry Relat Sci. 2017;54(3):44-51.

Scienza/Umana: Un estratto di cannabis ricco di CBD può essere efficace nei bambini con autismo

Un estratto di cannabis con alto contenuto di cannabidiolo e basse concentrazioni di THC può essere efficace nei problemi dei bambini con disturbo dello spettro autistico. Scienziati dello Shaare Zedek Medical Center di Gerusalemme, Israele, hanno studiato gli effetti di un estratto di cannabis in 60 bambini autistici con un'età media di 11,8 anni (range: 5-18 anni). Sono stati trattati con CBD e THC per via orale con un rapporto di 20: 1. La dose è stata aumentata in base all'effetto con una dose massima di CBD di 10 mg per chilogrammo di peso corporeo e una dose massima di THC di 0,5 mg / kg. La tollerabilità e l'efficacia sono state valutate con scale standard, tra cui il questionario Home Situations Questionnaire–Autism Spectrum Disorder (HSQ-ASD) e lo Autism Parenting Stress Index (APSI).

In seguito al trattamento con la cannabis, i disturbi comportamentali sono stati migliorati o molto migliorati nel 61% dei pazienti. I problemi di ansia e comunicazione sono stati migliorati nel 39% e molto migliorati nel 47%. I comportamenti di disturbo sono stati migliorati del 29%. I genitori hanno riportato meno stress come si evince dai punteggi APSI, con un cambiamento del 33%. Gli autori hanno concluso che questo "preliminare" studio supporta la fattibilità della cannabis medica basata sul CBD come un'opzione di trattamento promettente per i problemi comportamentali refrattari nei bambini con DSA [disturbo dello spettro autistico]. "

Aran A, Cassuto H, Lubotzky A. Cannabidiol Based Medical Cannabis in Children with Autism- a Retrospective Feasibility Study. Neurology. 2018 Aprile 10, [in stampa]

Scienza/Umana: Il CBD può essere utile nella dipendenza dal tabacco

In uno studio condotto su 30 fumatori dipendenti di sigarette, la somministrazione di una singola dose di CBD da 800 mg ha ridotto il senso di piacere da sigaretta, rispetto al placebo, dopo l'astinenza notturna. Lo studio è stato condotto da ricercatori britannici dello University College di Londra, del King's College di Londra, dell'Università di Exeter e dell'Università di Bristol e pubblicato sulla rivista Addiction.

L'astinenza da tabacco durante la notte ha aumentato l'attenzione verso le immagini del tabacco. Il CBD ha invertito questo effetto, tanto che l'attenzione automatica era diretta lontano dalle immagini di sigaretta. Paragonato al placebo, il CBD ha anche ridotto la piacevolezza delle immagini di sigarette. Il CBD non ha influenzato il desiderio o l'astinenza da tabacco.

Hindocha C, Freeman TP, Grabski M, Stroud JB, Crudgington H, Davies AC, Das RK, Lawn W, Morgan CJA, Curran HV. Cannabidiol reverses attentional bias to cigarette cues in a human experimental model of tobacco withdrawal. Addiction. 1 maggio 2018. [in stampa]

Notizie in breve

IACM: Tavola rotonda sul ruolo della cannabis nella "crisi degli oppioidi" sulla rivista "Cannabis and Cannabinoids Research", partner ufficiale della IACM
“Expert Roundtable Discussion on Cannabis and the Opioid Crisis” with Daniele Piomelli, Susan Weiss, Graham Boyd, Rosalie Liccardo Pacula, Ziva Cooper .

Scienza/Umana: Circa la metà degli oncologi negli Stati Uniti raccomanda l'uso della cannabis per i loro pazienti
Un'indagine su un campione casuale rappresentativo di 400 medici oncologi negli Stati Uniti ha rivelato che l'80% ha parlato di cannabis con i propri pazienti, e il 46% ha raccomandato l'uso medico di cannabis. Si è visto inoltre che il 67% lo considera come utile complemento alle strategie standard di gestione del dolore, e Il 65% pensa che la cannabis sia efficace come o più dei trattamenti standard per l'anoressia e la cachessia.
Dana-Farber Cancer Institute, USA.
Braun IM, et al. J Clin Oncol. 10 Maggio 2018. [in stampa]

Scienza/Umana: La cannabis non aumenta il rischio di fibrosi epatica nei pazienti co-infetti da HIV e HCV
Ricercatori hanno analizzato in uno studio prospettico i dati di 690 pazienti, che erano positivi sia per l'epatite C che per l'HIV. All'inizio dello studio il 53% aveva fumato cannabis nei precedenti 6 mesi, consumando una media di 7 sigarette di cannabis a settimana. In questo gruppo di pazienti non è stata trovata associazione tra il fumo di cannabis e la progressione della fibrosi epatica.
McGill University, Montreal, Canada.
Brunet L, et al. Clin Infect Dis. 2013;57(5):663-70.

Scienza/Umana: Gli effetti della cannabis sulla performance cognitiva negli adolescenti sono lievi
E' stata condotta una revisione della letteratura che esamina la cannabis e il funzionamento cognitivo negli adolescenti e giovani adulti. I ricercatori hanno concluso che "le associazioni tra uso di cannabis e funzionamento cognitivo negli studi trasversali su adolescenti e giovani adulti sono lievi e possono essere di discutibile importanza clinica per la maggior parte degli individui. Inoltre, l'astinenza di più di 72 ore diminuisce i deficit cognitivi associati all'uso di cannabis. "
Perelman School of Medicine, University of Pennsylvania, Philadelphia, USA.
Scott JC, et al. JAMA Psychiatry. 2018 Apr 18. [in stampa]

Scienza/Cellule: CBD e radioterapia possono agire sinergicamente nell'uccidere le cellule tumorali
La combinazione di cannabidiolo e radioterapia ha mostrato una maggiore efficacia nell'uccisione di cellule del cancro del pancreas e del polmone.
Brigham and Women's Hospital, Boston, Stati Uniti.
Yasmin-Karim S, et al. Frontale Oncol. 2018; 8: 114 .

Scienza/Animale: Una combinazione di morfina e un agonista del recettore CB2 agisce sinergicamente nel trattamento del dolore
Scienziati cinesi hanno studiato gli effetti della co-somministrazione di AM1241, che attiva selettivamente il recettore CB2, e di morfina sulla percezione del dolore nei topi. Hanno concluso che una combinazione "di un CB2 agonista e di morfina può fornire una nuova strategia per un migliore trattamento del dolore acuto e cronico, con prevenzione della tolleranza e dipendenza da oppioidi. Questo può anche dare una strategia per il trattamento della tolleranza e la dipendenza dagli oppiacei in clinica. "
Cancer Hospital of Harbin Medical University, Cina.
Zhang M, et al. J Pain. 2018 maggio 2. [in stampa]

Scienza/Cellule: Il beta-cariofillene può proteggere le cellule nervose dalla tossicità
La malattia di Parkinson è causata dalla morte di alcune cellule nervose nella regione cerebrale detta substantia nigra.Lo MPP (1-metil-4-fenilpiridinio) esercita effetti tossici su queste cellule nervose e il cariofillene può proteggere da questa tossicità, il che può essere rilevante per la prevenzione e il trattamento della malattia di Parkinson.
Ospedale del popolo di Liaocheng, Cina.
Wang G, et al. Biomed Pharmacother. 2018; 103: 1086-1091.

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Rivista

Members only

 Please click here to visit the Members Only Area with a film to honour Prof Raphael Mechoulam, 
Please click here to become a member.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.