[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 16 Aprile 2018

Scienza/Umana: Secondo due studi la legalizzazione della cannabis per uso medico è associata a prescrizioni ridotte di oppioidi

L'implementazione delle leggi sulla cannabis medica negli Stati Uniti è associata a prescrizioni ridotte di oppioidi secondo due studi pubblicati sulla rivista JAMA Internal Medicine. Nel primo studio i ricercatori dell'Università del Kentucky a Lexington e alla Emory University hanno studiato la relazione tra leggi sulla cannabis e prescrizioni di oppiacei nei pazienti arruolati nel programma Medicaid, un programma federale e statale congiunto che concede rimborsi sulle spese mediche a persone con reddito ridotto. Gli autori hanno scoperto che "l'implementazione dello stato delle leggi sulla marijuana medica era associata a una riduzione del 5,8 percento di prescrizione di oppioidi. Inoltre, l'implementazione delle leggi sulla marijuana per uso adulto, che si sono verificate in tutti gli stati con le attuali leggi sulla marijuana medica, è stata associata a una riduzione del 6,38% del tasso di prescrizione di oppioidi. "

Nel secondo studio i ricercatori dell'Università della Georgia ad Athens hanno studiato l'associazione tra le leggi statali sulla cannabis medica e le prescrizioni di oppiacei in alcuni pazienti del programma Medicare, un programma nazionale di assicurazione sociale amministrato dal governo federale. Hanno scritto: "Questa analisi longitudinale della Parte D di Medicare ha rilevato che le prescrizioni di tutti gli oppioidi sono diminuite di 2,11 milioni di dosi giornaliere all'anno da una media di 23,08 milioni di dosi giornaliere all'anno quando uno stato ha istituito una legge sulla cannabis medica. Le prescrizioni per tutti gli oppioidi sono diminuite di 3.742 milioni di dosi giornaliere all'anno quando sono stati aperti i dispensari di cannabis medica ". Gli autori hanno concluso che" combinati con studi precedentemente pubblicati che suggeriscono che leggi sulla cannabis sono associati a una minore mortalità oppioide, questi risultati rafforzano ulteriormente gli argomenti a favore di considerare le applicazioni mediche della cannabis come uno strumento nell'arsenale politico che può essere utilizzato per diminuire il danno degli oppioidi da prescrizione. "

Wen H, Hockenberry JM. Association of Medical and Adult-Use Marijuana Laws With Opioid Prescribing for Medicaid Enrollees. JAMA Intern Med. 2018 Apr 2. [in press]

Bradford AC, Bradford WD, Abraham A, Bagwell Adams G. Association Between US State Medical Cannabis Laws and Opioid Prescribing in the Medicare Part D Population. JAMA Intern Med. 2018 Apr 2. [in press]

Scienza/Umana: Un estratto di cannabis ricco di CBD ha migliorato i sintomi della colite ulcerosa in uno studio clinico controllato

Un estratto di cannabis ricco di CBD può essere utile per il trattamento sintomatico della colite ulcerosa. Questo è il risultato di uno studio controllato verso placebo condotto dagli scienziati dell'Hyts Foundation Trust di Guy e St Thomas a Londra, Regno Unito. Di 60 pazienti 29 hanno ricevuto un estratto di cannabis in capsule e 31 hanno ricevuto un placebo per 10 settimane. Gli autori hanno notato che l'estratto conteneva anche un certo numero di altri composti, compreso THC fino al 4,7%. Le dosi giornaliere medie di CBD erano di circa 300 mg, assunte in due dosi da 150 mg al mattino e alla sera, corrispondenti ad una dose aggiuntiva di circa 14 mg di THC.

Non c'è stata differenza tra il gruppo di cannabis e il gruppo placebo nella percentuale di pazienti in remissione dopo il trattamento. Tuttavia, la qualità della vita e la valutazione globale della gravità della malattia erano migliori nel gruppo di cannabis rispetto al gruppo placebo. C'era una serie di effetti negativi, che secondo gli autori possono essere attribuiti al THC nell'estratto. Tuttavia, i miglioramenti potrebbero essere stati causati anche da THC.


Irving PM, Iqbal T, Nwokolo C, Subramanian S, Bloom S, Prasad N, Hart A, Murray C, Lindsay JO, Taylor A), Barron R), Wright S). A Randomized, Double-blind, Placebo-controlled, Parallel-group, Pilot Study of Cannabidiol-rich Botanical Extract in the Symptomatic Treatment of Ulcerative Colitis. Inflamm Bowel Dis. 2018;24(4):714-724.

Notizie in breve

IACM: Nuove pubblicazioni su Cannabis e ricerca sui cannabinoidi
Nuovi articoli sono stati pubblicati nel CCR, la rivista partner della IACM:

“Hallucinations” Following Acute Cannabis Dosing: A Case Report and Comparison to Other Hallucinogenic Drugs by Frederick S. Barrett, Nicolas J. Schlienz, Natalie Lembeck, Muhammad Waqas, Ryan Vandrey.
New York Physicians' Perspectives and Knowledge of the State Medical Marijuana Program by Alexandra Sideris, Fahad Khan, Alina Boltunova, Germaine Cuff, Christopher Gharibo, Lisa V. Doan.
A National Needs Assessment of Canadian Nurse Practitioners Regarding Cannabis for Therapeutic Purposes by Lynda G. Balneaves, Abeer Alraja, Daniel Ziemianski, Fairleth McCuaig, Mark Ware.
Verbal Memory Performance and Reduced Cortical Thickness of Brain Regions Along the Uncinate Fasciculus in Young Adult Cannabis Users by Nina Levar, Alan N. Francis, Matthew J. Smith, Wilson C. Ho, Jodi M. Gilman.

Mondo/USA: Commenti sull'utilità medica della cannabis
La FDA (Food and Drug Administration) richiede alle persone interessate di presentare commenti riguardanti il potenziale di abuso, l'abuso effettivo, l'utilità medica, il commercio e l'impatto delle modifiche programmate riguardo la disponibilità per l'uso medico di cinque sostanze stupefacenti. Questi commenti saranno presi in considerazione nel preparare una risposta dagli Stati Uniti all'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) in merito alla possibilità di abuso e e di diversione di uso di questi farmaci. I commenti devono essere presentati entro e non oltre il 23 aprile 2018.
Request of comments on abuse potential and medial usefulness of cannabis by the FDA

Scienza/Umana: La legalizzazione della cannabis riduce il crimine
Secondo un'analisi dei dati sulla criminalità e su altre questioni negli stati di Washington e dell'Oregon, la legalizzazione della cannabis per uso ricreativo è stata associata a una significativa riduzione degli stupri e dei reati contro la proprietà e all'uso di altre droghe incluso l'alcol. Quattro possibili meccanismi sono stati discussi dagli autori: "gli effetti psicotropi diretti della cannabis; la sostituzione di sostanze che inducono la violenza; la riallocazione delle forze di polizia; il ruolo ridotto dei criminali nel commercio della marijuana. "
University of Bologna, Department of Economics, Italy.
Dragone D, et al. JEBO 2018, Feb 20. [in press]

Scienza/Umana: Il THC si trova nel latte materno delle madri utlizzatrici di cannabis
Secondo uno studio, che ha esaminato il passaggio di THC nel latte di madri utilizzatrici di cannabis, il 2,5% della dose materna viene trasferito nel latte materno. La dose giornaliera stimata del bambino era di 8 microgrammi per chilogrammo, che corrisponde a 0,04 milligrammi per un bambino di 5 kg, se la madre ha inalato cannabis contenente 23 mg di THC come utilizzato nello studio.
Centro di scienze della salute della Texas Tech University, Amarillo, USA.
Baker T, et al. Obstet Gynecol. 2018 Apr 6. [in press]

Scienza/Umana: Il bisfenolo A può inibire la degradazione degli endocannabinoidi
Il bisfenolo A, che è una sostanza chimica ampiamente utilizzata nell'industria, può inibire il FAAH, il che può causare un aumento dei livelli plasmatici di endocannabinoidi.
Università di medicina di Bialystok, Polonia.
Zbucka-Kretowska M et al. Chemosphere. 2018;203:387-392.

Scienza/Animale: il CBD riduce i sintomi di astinenza
In uno studio su topi che hanno ricevuto un cannabinoide sintetico (CP-55,940), che agisce come THC al recettore CB1, per diversi giorni, il CBD ha ridotto i sintomi di astinenza dopo la sospensione della somministrazione del CP-55,940.
Instituto de Neurociencias, Universidad Miguel Hernández-CSIC, Alicante, Spagna.
Navarrete F, et al. Br J Pharmacol. 2018 Apr 6. [in press]

Scienza/Umana: il CBD non ha migliorato la cognizione nei pazienti con schizofrenia
In uno studio controllato verso placebo con 36 pazienti con schizofrenia, che hanno ricevuto farmaci antipsicotici, il CBD non ha avuto effetti sui deficit cognitivi. I partecipanti hanno ricevuto 600 mg di CBD per via orale per 6 settimane o placebo. Non ci sono state differenze negli effetti collaterali tra placebo e CBD ad eccezione della sedazione, che è stata riscontrata più spesso nel gruppo CBD.
Schizophrenia and Neuropharmacology Research Group at Yale, VA Connecticut Healthcare System, West Haven, USA.
Boggs DL, et al. Psychopharmacology (Berl). 2018 Apr 5. [in press]

Scienza/Umana: aumento delle visite di adolescenti nei dipartimenti di emergenza in Colorado associate alla cannabis
Un sondaggio delle visite del dipartimento di emergenza in Colorado dal 2005 al 2015 ha rivelato 4202 visite correlate alla cannabis e un aumento delle visite correlate alla cannabis da parte degli adolescenti tra il 2009 (prima della legalizzazione della cannabis) e il 2015 (dopo la legalizzazione della cannabis).
University of Colorado Anschutz Medical Campus, Aurora, USA.
Wang GS, et al. J Adolesc Health. 2018 Mar 30. [in press]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Dichiarazione

Dichiarazione dei diritti umani per l’accesso medico alla cannabis ed ai cannabinoidi

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.