[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 24 Marzo 2018

Europa: l'Unione EURopea invita gli Stati membri a trovare alternative alle sanzioni coercitive per i tossicodipendenti

Nel mese di luglio 2017 il Consiglio "Giustizia e affari interni" ha adottato raccomandazioni sulle alternative alle sanzioni coercitive per i tossicodipendenti che usano droga. Queste raccomandazioni sono state approvate nell'ambito del piano d'azione dell'UE sulla droga 2017-2020 che chiede agli Stati membri di fornire alternative alle sanzioni coercitive per i tossicodipendenti che violano le leggi sulle droghe "se del caso, e in conformitÓ con i loro quadri giuridici." "Nell'anno 2018 Ŕ appropriato che i pazienti, che secondo una raccomandazione di un medico traggono profitto da un trattamento con cannabis, non siano pi¨ soggetti a sanzioni da parte dei sistemi giudiziari nei paesi dell'Euro e di tutto il mondo, se usano il farmaco, "ha commentato il Dr Franjo Grotenhermen, Direttore esecutivo del IACM.
Questo accordo rappresenta la volontÓ politica dei 28 Stati membri dell'UE di applicare, in ciascun sistema giuridico, misure alternative di coercizione delle sanzioni al fine di: prevenire la criminalitÓ; ridurre la recidiva; migliorare l'efficienza e l'efficacia del sistema di giustizia penale e cercare di ridurre i danni alla salute e ridurre al minimo i rischi sociali. Le misure alternative possono includere: istruzione; sospensione delle indagini o del procedimento giudiziario; sospensione della pena con trattamento; riabilitazione e recupero, assistenza post-intervento e reinserimento sociale.

Brasile: le indagini della polizia contro un ricercatore che si occupa di cannabis scatenano proteste

Un'indagine della polizia contro uno dei ricercatori che si occupano di cannabis pi¨ importanti del Brasile ha acceso un'ondata di proteste tra gli scienziati. Secondo questi, la decisione delle autoritÓ dello stato di SŃo Paulo minaccia le libertÓ di ricerca in un momento in cui la scienza nel paese affronta gravi problemi a causa di tagli draconiani al budget.
La polizia ha interrogato Elisaldo Carlini, 87 anni, professore in pensione di psicofarmacologia presso l'UniversitÓ Federale di San Paolo, il 21 febbraio, con l'accusa di istigazione al crimine da droga. Si sta ancora indagando sul caso e non sono stati fatti particolari addebiti a Carlini. Secondo i documenti di Rosemary Porcelli da Silva, il pubblico ministero dello stato di San Paolo che ha chiesto l'apertura del caso contro Carlini, ci sarebbero "in teoria forti indizi di istigazione" in un simposio sulla cannabis che ha organizzato a maggio dell'anno scorso.

Notizie in breve

Scienza/Umana: circa la metÓ dei bambini con epilessia ha avuto un miglioramento significativo in seguito al trattamento con CBD
Secondo un'analisi dei dati di 66 bambini con epilessia, che hanno ricevuto una dose giornaliera di almeno 8 mg di CBD per kg di peso corporeo in aggiunta al farmaco standard, il 48,5% ha avuto un miglioramento di oltre il 50% riguardo le convulsioni, il 21,2% non ha pi¨ avuto convulsioni. Gli autori hanno concluso che "il CBD Ŕ risultato avere potenziali benefici come terapia aggiuntiva per l'epilessia refrattaria durante l'infanzia, principalmente riducendo il numero di crisi".
Ospedale pediatrico universitario, Centro medico universitario di Lubiana, Slovenia.
www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29526578

Scienza/Umana: un numero elevato di pazienti con lesioni del midollo spinale e lesioni cerebrali traumatiche usa cannabis
In un sondaggio condotto su 116 pazienti affetti da lesione del midollo spinale o lesione cerebrale traumatica, molti hanno riferito di usare cannabis. Tra gli intervistati con lesione del midollo spinale, le ragioni pi¨ comuni per l'uso erano la riduzione della spasticitÓ (70%), l'uso ricreativo (63%) e il miglioramento del sonno (63%). Tra quelli con lesioni cerebrali traumatiche, le ragioni erano l'uso ricreativo (72%), la riduzione di stress / ansia (62%) e il miglioramento del sonno (55%).
Dipartimento di ricerca, Craig Hospital, Englewood, USA.
Hawley L, et al. Arch Phys Med Rehabil. 2018 mar 7 [in corso di stampa]

Scienza/Umana: l'uso del CBD nei bambini ha effetti minimi su altri farmaci antiepilettici
L'uso di 5, 10 o 20 mg di CBD per kg di peso corporeo in 32 bambini con sindrome di Dravet (da 4 a 10 anni di etÓ) non ha avuto effetti sulla concentrazione ematica dei farmaci antiepilettici clobazam, valproato, levetiracetam, topiramato e stiripentolo, ma aumentati livelli di desmetilclobazam. I ricercatori hanno riscontrato pi¨ effetti avversi dopo CBD (piressia, sonnolenza, diminuzione dell'appetito, sedazione, vomito, atassia e comportamento anormale) rispetto al placebo.
NYU Comprehensive Epilepsy Center, New York, USA.
Devinsky O, et al. Neurology. 2018 Mar 14. [in stampa]

Scienza/Umana: circa uno su 20 pazienti con infarto aveva cannabinoidi nel loro corpo
In uno studio condotto su 2097 pazienti con infarto miocardico il 6% ha riferito di aver usato cannabis nella settimana precedente il loro attacco cardiaco o aveva metaboliti cannabinoidi nel loro corpo come risultato da esami di laboratorio.
Brigham and Women's Hospital, Harvard Medical School, Boston, Stati Uniti.
DeFilippis EM, et al. J Am Coll Cardiol. 2018 Mar 5. [in stampa]

Scienza/Animale: il CBD riduce l'ansia dovuta alla facilitazione del rilascio di endocannabinoidi
In uno studio condotto su topi sottoposti a stress, il CBD ha prevenuto gli effetti comportamentali causati da uno stress non prevedibile "probabilmente a causa di una facilitazione della neurotrasmissione endocannabinoide e conseguente attivazione dei recettori CB1 / CB2".
UniversitÓ di SŃo Paulo, RibeirŃo Preto, Brasile.
Fogaša MV, et al. Neuropharmacology. 2018; 135: 22-33.

Scienza/Umana: la cannabis ha migliorato la nausea in un paziente con sindrome post polio
Gli scienziati hanno riferito di un paziente di 79 anni con sindrome post polio. Nel corso di questa malattia, il dolore addominale superiore ricorrente e la nausea resistente alla terapia (senza vomito) hanno risposto bene alla cannabis.
Istituto per la medicina di famiglia, FacoltÓ di medicina dell'UniversitÓ di Bonn, Germania.
Bleckwenn M, et al. Dtsch Med Wochenschr. 2018; 143 (5): 344-348.

Scienza/Umana: l'uso di cannabis non ha causato un peggioramento dei disturbi d'ansia
In uno studio con 3723 partecipanti, con diagnosi di disturbi d'ansia, l'uso di cannabis non Ŕ stato associato in modo indipendente ad un peggioramento dopo 4 anni.
Dipartimento di psicologia, UniversitÓ di Ariel, Israele.
Feingold D, et al. Depress Anxiety 2018 feb 27. [in corso di stampa]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Dichiarazione

Dichiarazione dei diritti umani per l’accesso medico alla cannabis ed ai cannabinoidi

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.