[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 13 Marzo 2018

IACM: Aperto il programma “Ambassador”

A nome del Comitato di rete IACM, siamo lieti di annunciare il rilancio del Programma Ambassador (Ambasciatori) della IACM. Lo scopo di questo programma è quello di creare una rete di rappresentanti in tutto il mondo, che da un lato desiderano ricevere sostegno dalla IACM per il loro lavoro nel loro paese e dall'altra vorrebbe sostenere gli obiettivi e le attività della IACM . Il consiglio di amministrazione della IACM invita le persone attive in questo campo a richiedere di diventare ambasciatori.
Le domande sono aperte sia per i professionisti che per i pazienti. Gli ambasciatori professionisti possono essere scienziati, medici, altri operatori sanitari o chiunque abbia una professione attivamente collegata alla cannabis o ai cannabinoidi come medicinali. Gli ambasciatori pazienti possono essere pazienti o parenti o assistenti dei pazienti - che sono attivi nei loro paesi a sostegno dell'accesso legale ai farmaci cannabinoidi. Si prega di inviare un breve CV (Curriculum Vitae) alla IACM (circa mezza pagina) che include un riassunto delle e attività attuali e future in questo campo.
Il comitato di rete IACM è composto da Milton Raff (Sudafrica), Raquel Peyraube (Uruguay), Minoru Arakaki (Giappone), Hanka Gabrilova (Repubblica ceca), Ilya Reznik (Israele), Jahan Marcu (Stati Uniti), Sébastien Béguerie (Francia) , Ethan Russo (USA), Kirsten Müller-Vahl (Germania) e Franjo Grotenhermen (Germania).
La rete IACM e il programma Ambassador sono coordinati da Yuval Zolotov. Inviare la domanda insieme al breve CV a network@cannabis-med.org.

Scienza/Umana: l'uso intensivo di cannabis nei pazienti con HIV è associato a una migliore funzione immunitaria

In uno studio condotto su 198 pazienti con HIV, trattati con farmaci antiretrovirali (ART), l'uso intensivo di cannabis è stato associato a riduzione dell'infiammazione sistemica e dell'attivazione immunitaria. Questo è il risultato della ricerca degli scienziati dell'Università di Washington e di altre università negli Stati Uniti. Lo studio ha studiato l'impatto del consumo di cannabis sul numero delle cellule immunitarie nel sangue, la loro attivazione e funzione.
Gli autori hanno riferito che hanno “scoperto che il consumo di cannabis pesante ... in individui affetti da HIV trattati con ART era associato a frequenze più basse di cellule CD4 e CD8 T attivate rispetto alle frequenze di queste cellule in soggetti non utilizzatori di cannabis. Questa nuova scoperta è importante dato che livelli elevati di attivazione delle cellule T sono stati associati ad aumenti di cellule T CD4 inferiori a seguito di ART (terapia anti-retrovirale) e con mortalità in questa popolazione. Le conclusioni sono che" mentre le implicazioni cliniche non sono chiare, i nostri risultati suggeriscono che l'uso di cannabis è associato a una riduzione potenzialmente benefica dell'infiammazione sistemica e dell'attivazione immunitaria nel contesto dell'infezione da HIV trattata con antiretrovirali. "
Manuzak JA, Gott TM, Kirkwood JS, Coronado E, Hensley-McBain T, Miller C, Cheu RK, Collier AC, Funderburg NT, Martin JN, Wu MC, Isoherranen N, Hunt PW, Klatt NR. Heavy Cannabis Use Associated With Reduction in Activated and Inflammatory Immune Cell Frequencies in Antiretroviral Therapy-Treated Human Immunodeficiency Virus-Infected Individuals. Clin Infect Dis. 2018 Feb 17. [in press]

Scienza/Umana: la cannabis è efficace nell'alleviare i sintomi dei malati di cancro

Un gruppo di scienziati israeliani ha analizzato i dati di 2970 pazienti oncologici trattati con cannabis medica tra il 2015 e il 2017 e ha riscontrato effetti benefici su molti sintomi. L'età media era di 59,5 anni e il 54,6% erano donne. Circa un quarto (26,7%) aveva precedenti esperienze con il farmaco. I tipi più frequenti di cancro riguardavano il seno (20,7%), il polmone (13,6%), il pancreas (8,1%) e l'intestino (7,9%).
Dopo sei mesi di follow-up, 902 pazienti sono deceduti e 682 hanno interrotto il trattamento. Dei restanti, 1211 (60,6%) hanno risposto e il 95,9% ha riportato un miglioramento delle loro condizioni rispetto all'uso di cannabis, 45 pazienti (3,7%) non hanno riportato cambiamenti e quattro pazienti (0,3%) hanno riportato un peggioramento delle condizioni cliniche. I sintomi principali erano disturbi del sonno (78%), dolore (78%), debolezza (73%), nausea (65%) e mancanza di appetito (49%). Gli autori hanno concluso che la cannabis "come trattamento palliativo per i malati di cancro sembra essere un'opzione ben tollerata, efficace e sicura per aiutare i pazienti a far fronte ai sintomi correlati alla malignità".
Bar-Lev Schleider L, Mechoulam R, Lederman V, Hilou M, Lencovsky O, Betzalel O, Shbiro L, Novack V. Prospective analysis of safety and efficacy of medical cannabis in large unselected population of patients with cancer. EUR J Intern Med. 2018;49:37-43.

Scienza/Umana: la cannabis può avere un effetto benefico sui pazienti con fibromialgia

In uno studio con 26 pazienti con fibromialgia, che erano stati trattati in due ospedali in Israele (Laniado Hospital di Kiryat Sanz e Nazareth Hospital di Nazareth) la cannabis ha migliorato i sintomi. La loro età media era di 37,8 anni e il dosaggio medio di cannabis era di 26 g al mese. Tutti i partecipanti hanno completato un questionario per la valutazione della gravità della fibromialgia (Revised Fibromyalgia Impact Questionnaire).
Dopo l'inizio del trattamento con cannabis, tutti i pazienti hanno riportato un miglioramento significativo in ogni parametro del questionario e 13 pazienti (50%) hanno interrotto l'assunzione di altri farmaci per la fibromialgia. Otto pazienti (30%) hanno avuto effetti avversi molto lievi
Habib G, Artul S. Medical Cannabis for the Treatment of Fibromyalgia. J Clin Rheumatol. 2018 Feb 14. [in press]

Scienza/Umana: la cannabis aumenta gli effetti di riduzione del dolore dell'ossicodone in uno studio sperimentale

Secondo uno studio sperimentale condotto su consumatori sani di cannabis, la combinazione dell'oppioide ossicodone e della cannabis ha ridotto il dolore valutato mediante il test a freddo. I partecipanti hanno ricevuto 2,5 o 5 mg di ossicodone o un placebo insieme a cannabis fumata con 5,6% di THC o senza THC e hanno immerso una mano in acqua fredda. I ricercatori dell'Istituto psichiatrico dello Stato di New York e del Dipartimento di Psichiatria della Columbia University, USA, hanno misurato il tempo necessario per segnalare il dolore (soglia del dolore) e per ritirare la mano dall'acqua (tolleranza al dolore).
Da soli, 5,0 mg di ossicodone hanno aumentato la soglia del dolore e la tolleranza. Sebbene la cannabis da sola e l'ossicodone da 2,5 mg non siano riusciti a provocare l'analgesia, somministrati insieme hanno aumentato la soglia del dolore e la tolleranza. Gli autori hanno concluso che "la cannabis aumenta gli effetti analgesici dell'ossicodone sotto dosato, suggerendo che vi sia una sinergia".
Cooper ZD, Bedi G, Ramesh D, Balter R, Comer SD, Haney M. Impact of co-administration of oxycodone and smoked cannabis on analgesia and abuse liability. Neuropsychopharmacology. 2018 Feb 5. [in press]

Notizie in breve

Scienza/Umana: la legalizzazione della cannabis per uso medico negli Stati Uniti non ha aumentato l'uso di cannabis negli adolescenti
Secondo una rassegna di 11 studi, che ha esaminato la relazione tra l'attuazione delle leggi sulla cannabis medica in molti stati degli Stati Uniti e l'uso di cannabis, non c'è stato alcun aumento nell'uso negli adolescenti.
Dipartimento di Psichiatria, College of Physicians and Surgeons, Columbia University, New York, USA.
Sarvet AL, et al. addiction. 2018 Feb 22. [in stampa]

Scienza/Umana: l'uso di cannabis è associato a un aumento non statisticamente significativo degli incidenti stradali secondo una meta-analisi
In una meta-analisi di 24 studi sugli effetti della cannabis sugli incidenti stradali, gli autori hanno concluso che la loro "analisi suggerisce che la dimensione dell'effetto generale per DUIC [guida sotto l'influenza della cannabis] sulle UTE [eventi di traffico sfavorevoli] non è statisticamente significativa. “
Carol Davila Università di Medicina e Farmacia, Bucarest, Romania.
Hostiuc S, et al. Front Pharmacol. 2018; 9: 99.

Scienza/Umana: la morfina riduce la produzione di endocannabinoidi
In uno studio con 42 pazienti, che hanno ricevuto morfina intratecale a causa di un intervento chirurgico, l'oppioide ha ridotto il livello di endocannabinoidi, "suggerendo che potenti analgesici possono ridurre lo stimolo alla produzione di endocannabinoidi periferici".
Stony Brook University, New York, Stati Uniti d'America.
Kaczocha M, et al. BMC Anesthesia. 2018; 18 (1): 27.

Scienza/Animale: i cannabinoidi prevengono i sintomi depressivi a seguito di stress acuto
In un modello di disturbo da stress post-traumatico del ratto, la somministrazione di cannabinoidi o l'aumento dei livelli di endocannabinoidi hanno prevenuto i sintomi depressivi, inclusa l'ansia.
Scuola di scienza comportamentale, The Academic College Tel-Aviv-Yaffo, Israele.
Burstein O, et al. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry. 2018; 84 (Pt A): 129-139.

Scienza/Cellule: il CBD induce la morte cellulare nel carcinoma dell'endometrio
Negli esperimenti su cellule il CBD e l'anandamide hanno ridotto la vitalità cellulare e aumentato l'apoptosi (morte cellulare programmata) nelle cellule di cancro dell'endometrio mediante attivazione del recettore vanilloide 1 (TRPV1).
Faculdade de Farmácia, Universidade do Porto, Portogallo.
Fonseca BM, et al. J Physiol Biochem. 2018 Feb 13. [in stampa]

Scienza/Animale: Gli endocannabinoidi proteggono lo stomaco dalle lesioni provocate dall'alcol
L'aumento dei livelli di endocannabinoidi dato dalla riduzione della loro degradazione ha portato alla protezione dello stomaco contro le lesioni della mucosa indotte dall'alcol. Gli autori hanno scritto che i loro "risultati potrebbero suggerire che il sistema endocannabinoide centrale possa svolgere un ruolo nella difesa della mucosa gastrica e nel mantenimento dell'integrità della mucosa".
Facoltà di Medicina, Università Semmelweis, Budapest, Ungheria.
Tóth VE, et al. Brain Res Bull. 2018 feb 10. [in stampa]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

IACM Conference 2019

 The IACM Conference 2019 will be held on October 30 - November 2, 2019, at Estrel Hotel, Berlin, Germany.

Members only

 Please click here to visit the Members Only Area with a film to honour Prof Raphael Mechoulam, 
Please click here to become a member.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.