[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 04 Febbraio 2015

Germania: La cancelliera Merkel sostiene i progressi nell'uso medico della cannabis

"E’ importante estendere e migliorare le possibilità di utilizzo della cannabis come medicina per i pazienti gravemente malati", ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel in risposta alla richiesta di un cittadino di ripensare lo stato giuridico della cannabis in Germania. La domanda e la risposta della cancelliera sono stati pubblicati su un sito web, dove la cancelliera risponde direttamente alle domande dei cittadini tedeschi, se sostenute da molti altri.

Una legalizzazione generale è stata respinta in linea di principio dalla signora Merkel, tuttavia il miglioramento dell’uso medico della cannabis sarebbe importante. "I trattamenti con farmaci a base di cannabis sono già ammessi in condizioni particolari in Germania. Il Ministero Federale della Sanità sta attualmente lavorando su regole dirette a prendere in considerazione gli interessi dei pazienti." Il 22 luglio 2014 tre pazienti l’avevano citato in giudizio con successo dinanzi al Tribunale Amministrativo di Colonia per rivendicare il diritto all’autocoltivazione di cannabis per scopi medici. Il governo federale tuttavia è ricorso in appello contro la sentenza. Secondo informazioni provenienti da ambienti politici, il ricorso è stato presentato per guadagnare tempo per lo sviluppo di un approccio che risolva il problema.

Answer by Chancellor Angela Merkel on direktzurkanzlerin.de of 16 January 2015

Giamaica: Il governo vuole consentire il possesso di cannabis per scopi religiosi e medici

Il governo ha approvato un disegno di legge che depenalizza il possesso di due once (56 grammi) di cannabis. Sarebbe anche consentito lo sviluppo di un’industria della cannabis medica. Il disegno di legge deve essere approvato dal Senato. Il disegno di legge dovrebbe istituire un’autorità per il rilascio delle licenze che affronti le regolamentazioni necessarie alla coltivazione, vendita e distribuzione dell'erba per scopi medici, scientifici e terapeutici. "Dobbiamo muoverci per cogliere le importanti opportunità economiche offerte da questo settore emergente", ha dichiarato il ministro della giustizia Mark Golding.

Le nuove norme renderebbero il possesso fino a due once un reato minore. Sarebbe consentita anche la coltivazione fino a cinque piante. La nuova mossa consentirebbe anche ai rastafariani, che utilizzano la cannabis come sacramento, di usare la cannabis legalmente per scopi religiosi. Golding ritiene che la legalizzazione della sostanza potrebbe portare a una spinta nel già florido settore del turismo.

The Guardian of 22 January 2015

Notizie in breve

Scienza/Umana: Uno studio rivela importanti lacune nei dati sui farmaci oppioidi per il dolore cronico
Un “libro bianco” del National Institutes of Health (NIH), rilasciato il 15 gennaio 2015, ha trovato importanti carenze di dati circa l'efficacia dei farmaci oppioidi nel trattamento del dolore cronico a lungo termine. Il documento, che costituisce la relazione finale di un gruppo di sette membri convocato dal NIH nel settembre scorso, ritiene che molti degli studi siano stati condotti male o per un tempo insufficiente. Essi hanno concluso che "gli oppioidi sono chiaramente il miglior trattamento per alcuni pazienti con dolore cronico, ma ci sono probabilmente approcci più efficaci per molti altri."
Reuben DB, et al. Ann Intern Med. 2015 Jan 13. [in stampa]

USA: Circa l'1% dei cittadini del Michigan sono autorizzati a usare cannabis medica
Secondo il governo dello stato, l'anno scorso il numero di carte di identificazione dei pazienti del programma di cannabis medica è stato pari a 96.408. La popolazione del Michigan era di circa 9,9 milioni nel 2014.
Detroit News of 18 January 2015

Cile: Una seconda società ha ottenuto il permesso di coltivare cannabis per scopi medici
Le autorità cilene hanno autorizzato la società Agrofuturo a realizzare un progetto di coltivazione e raccolta di cannabis per scopi medici, la seconda iniziativa del genere in Cile. L'agenzia ha spiegato che Agrofuturo produrrà cannabis per i mercati sia nazionali che internazionali.
Latin American Herald Tribune

Israele: Altri agricoltori dovrebbero ottenere il permesso di coltivare cannabis per scopi terapeutici
Il ministero della salute dovrebbe pubblicare a fine mese una gara d'appalto che permetterà ad altri agricoltori di coltivare cannabis per scopi medicinali in Israele. Ci si aspetta che partecipino almeno 10 agricoltori. Ci sono attualmente otto coltivatori di cannabis medica approvati in Israele.
Haaretz del 5 Gennaio 2015

Scienza/Umana: L’associazione tra psicosi e cannabis può in parte essere basata sul consumo di alcol
In uno studio prospettico con 341 soggetti con un elevato rischio di sviluppo di psicosi, i ricercatori hanno scoperto che l'uso di cannabis è stato associato ad un più alto rischio di psicosi, ma questo effetto è stato in parte mediato dall'uso concomitante di alcol. I ricercatori hanno scritto che "i risultati evidenziano la necessità di controllare l'uso di altre sostanze, in modo da non sopravvalutare la connessione tra cannabis e psicosi."
The Zucker Hillside Hospital, Glen Oaks , USA.
Auther AM, et al. Acta Psychiatr Scand. 2015 Jan 9. [in stampa]

Scienza/Cellule: L’attivazione del recettore CB1 induce alla morte le cellule di cancro alla prostata
Trattamenti di cellule tumorali della prostata con gli endocannabinoidi anandamide e 2-arachidonoil glicerolo ne hanno indotto l’apoptosi (morte cellulare programmata) e tale effetto è stato principalmente mediato dal recettore dei cannabinoidi-1.
Istituto di Scienze Biomediche, Facoltà di Medicina, Università del Cile, Santiago, Cile.
Orellana-Serradell O, et al. Oncol Rep. 2015 Jan 21. [in stampa]

Scienza/Animale: L'attivazione del recettore CB2 riduce le infiammazioni articolari
In un modello murino di artrite reumatoide un cannabinoide sintetico (HU-308), che attiva selettivamente il recettore CB2, ha ridotto l’infiammazione delle articolazioni "inibendo la produzione di autoanticorpi e di citochine pro-infiammatorie."
Second Military Medical University, Shanghai, Cina.
Gui H, et al. Immunobiology. 2014 Dec 30. [in stampa]

Scienza/Animale: Il CBD ha aumentato la sopravvivenza in un modello animale di malaria che coinvolge il cervello
Il cannabidiolo (CBD) ha aumentato la sopravvivenza e favorito il salvataggio delle funzioni cognitive in un modello murino di malaria che coinvolge il cervello (malaria cerebrale). La malaria cerebrale, una forma di malaria grave che comporta danni al cervello, può essere causata dall’infezione da Plasmodium falciparum.
Istituto di Scienze Biologiche, Università Federale di Minas Gerais, Belo Horizonte, Brasile.
de Campos AC, et al. Neuroscience. 2015 Jan 13. [in stampa]

Scienza/Animale: CBD e THCV inibiscono lo sviluppo del fegato grasso
Ricerche con il pesce zebra e con topi obesi dimostrano che i cannabinoidi CBD (cannabidiolo) e THCV (Tetraidrocannabivarina) riducono i livelli di grasso nelle cellule del fegato e inibiscono lo sviluppo della steatosi epatica.
Istituto di Chimica Biomolecolare, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Pozzuoli, Napoli, Italia.
Silvestri C, et al. J Hepatol. 2015 Jan 13. [in stampa]

Scienza/Cellule: Gli endocannabinoidi rilassano le cellule della muscolatura liscia dei vasi sanguigni
Ricerche con parti di aorta di topi e ratti dimostrano che la costrizione dei vasi sanguigni causata da alcuni recettori (GPCR) è attenuata dalla formazione dell’endocannabinoide 2-arachidonoilglicerolo (2-AG). Autori hanno concluso che "il rilascio degli endocannabinoidi ha un potenziale terapeutico in caso di aumento del tono vascolare e di ipertensione."
Dipartimento di Fisiologia, Semmelweis University, Budapest, Ungheria.
Szekeres M, et al. Mol Cell Endocrinol. 2015 Jan 13. [in stampa]

Scienza/Animale: La combinazione con un'altra sostanza ha migliorato gli effetti anti-cancro del CBD nel glioblastoma
Una sottopopolazione di cellule di glioblastoma (un tumore cerebrale aggressivo), le cellule staminali del glioma, è specificamente dotata per resistere o adattarsi alle terapie standard, portando alla resistenza terapeutica. I ricercatori hanno studiato i meccanismi alla base della resistenza al cannabidiolo (CBD) delle cellule staminali del glioma. Combinando il trattamento a base di CBD con l'inibizione del cosiddetto sistema Xc si sono ottenuti forti effetti anti-tumorali, ovvero una diminuzione della sopravvivenza delle cellule staminali del glioma.
California Pacific Medical Center Research Institute, San Francisco, USA.
Singer E, et al. Cell Death Dis 2015;6:e1601.

Scienza/Animale: L'attivazione dei recettori CB2 ha migliorato il processo di riparazione dei muscoli scheletrici
Ricerche con i topi hanno rivelato molteplici effetti dell’attivazione del recettore CB2 nel "migliorare la rigenerazione muscolare, assieme alla sua possibilità di applicazione clinica nei pazienti con lesioni o malattie ai muscoli scheletrici."
China Medical University School of Forensic Medicine, Shenyang, Cina.
Yu T, et al. Histol Histopathol. 2015 Jan 15. [in stampa]

Scienza/Animale: L'attivazione del recettore CB1 può aumentare la formazione di cancro al fegato
Ricerche con i topi dimostrano che l'attivazione del recettore dei cannabinoidi-1 può aumentare lo sviluppo del cancro al fegato. Gli autori hanno concluso che questo "mette in evidenza il potenziale terapeutico del blocco dei recettori CB1 periferici."
National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism, Bethesda, USA.
Mukhopadhyay B, et al.Hepatology. 2015 Jan 7. [in stampa]

Scienza/Animale: L'attivazione dei recettori CB1 inibisce l’aumento dell’attività della vescica
Ricerche con i topi indicano "che l'attivazione dei recettori CB1 inibisce l’aumento dell'attività della vescica indotta da NGF (fattore di crescita nervosa)." Il fattore di crescita nervosa è un importante mediatore del dolore infiammatorio.
Dipartimento di Scienze Chirurgiche, Università del Wisconsin, Madison, USA.
Wang ZY, et al. Neurosci Lett. 2015 Jan 6. [in stampa]

Scienza/Animale: L'attivazione dei recettori CB1 periferici riduce la motilità intestinale
Un cannabinoide sintetico (AM841), che attiva i recettori CB1, ma non penetra nel cervello, riduce la motilità intestinale attraverso un azione sui recettori CB1 nell’intestino tenue e in quello crasso. Gli autori hanno concluso che questo cannabinoide "rappresenta una nuova classe di potenziali agenti terapeutici per il trattamento dei disordini gastrointestinali."
Cumming School of Medicine, University of Calgary, Canada
Keenan CM, et al. Br J Pharmacol. 2015 Jan 9. [in stampa]

Scienza/Animale: Il CBD riduce la tossicità della doxorubicina
La doxorubicina è ampiamente utilizzata come potente agente chemioterapico, che però può causare gravi danni al cuore. La ricerca con i topi dimostra che questo effetto negativo può essere attenuato dal CBD (cannabidiolo).
Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism, National Institutes of Health, Bethesda, USA.
Hao E, et al. Mol Med. 2015 Jan 6. [in stampa]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Dichiarazione

Dichiarazione dei diritti umani per l’accesso medico alla cannabis ed ai cannabinoidi

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.