Tu sei qui: Home > FAQ > Bambini: Che cosa sappiamo sull'uso medico della cannabis nei bambini?

Bambini: Che cosa sappiamo sull'uso medico della cannabis nei bambini?

Franjo Grotenhermen

Ci sono solo due studi clinici con i cannabinoidi nei bambini, uno con il delta-8-THC e l'altro con il derivato del THC nabilone, entrambi per valutare la loro efficacia nel combattere gli effetti collaterali della chemiterapia anticancro. Probabilmente per una diversa distribuzione dei recettori dei cannabinoidi nel cervello degli adulti e dei bambini, i bambini sembrano tollerare dosi relativamente alte senza effetti psichici rilevanti. A mia conoscenza la cannabis o il dronabinol (THC) sono principalmente usati in malattie neurologiche, come l'epilessia, l'ipossia cerebrale da annegamento, i disturbi iperattivi, etc. 

Dalla stampa

Un giudice americano ha autorizzato la madre di un bambino iperattivo a continuare a somministrargli cannabis. Il giudice ha respinto una richiesta da parte dei servizi sociali di allontanare il bambino dalla casa della madre, a Rocklin, California. Questo bambino di 8 anni ha gravi disturbi mentali. La madre gli somministra cannabis perché secondo lei le medicine convenzionali non funzionano. I servizi per la protezione dell'infanzia l'hanno accusata di essere una madre "inadatta" dopo aver saputo di questa terapia. La madre ha pensato alla cannabis dopo che un pediatra le suggerì di fare un tentativo, e riferisce che il comportamento di suo figlio è nettamente migliorato, i suoi sbalzi di umore eliminati, e che egli ha cominciato a fare amicizia con altri bambini. Inizialmente, la madre preparava la "medicina" del figlio sotto forma di dolcetti, che gli dava regolarmente.
(WENN via COMTEX del 6 Dicembre 2001)
 

Abrahamov e colleghi

Il Delta-8-tetraidrocannabinolo (delta-8-THC), un cannabinoide con minor potere psicotropo del principale componente della Cannabis, il delta-9-tetraidrocannabinolo (delta-9-THC), fu somministrato a 8 bambini, di età 3-13 anni, con varie forme di cancro del sangue, trattati con diversi farmaci anticancro per periodi fino a 8 mesi. La dose fu di 18 mg di THC orale per metro quadro di superficie corporea in gocce oleose. (La superficie corporea di un bambino di 30 kg è di circa 1 mq, quella di un adulto di 75 kg è di circa 1.8 mq). Il numero totale di trattamenti con delta-8-THC è finora di 480. Il trattamento con THC iniziava 2 ore prima di ogni trattamento anticancro e veniva continuato ogni 6 ore per 24 ore. Il vomito fu completamente prevenuto. Gli effetti collaterali osservati furono trascurabili.
Modificato da: Abrahamov A, Abrahamov A, Mechoulam R. An efficient new cannabinoid antiemetic in pediatric oncology. Life Sciences 1995;56(23-24):2097-2102.
 

Dalzell e colleghi

Uno studio per confrontare il nuovo cannabinoide sintetico nabilone con il domperidone orale (un farmaco antiemetico) fu condotto in un gruppo di bambini che ricevevano cicli identici di chemioterapia per diverse forme di cancro. 18 su 23 bambini, di età dai 10 mesi ai 17 anni, hanno completato lo studio. Prendendo il nabilone essi ebbero significativamente meno episodi di vomito e meno nausea, e due terzi preferirono il nabilone. I più comuni effetti collaterali del trattamento con il nabilone furono sonnolenza e giramento di testa; un paziente fu disturbato da allucinazioni. I risultati indicano che il nabilone è un antiemetico effettivo per i bambini in chemioterapia, anche per i bambini più piccoli. Sembra essere superiore sotto questo aspetto al domperidone, e benché gli effetti collaterali siano più frequenti, essi sono per lo più accettabili per i pazienti. Può essere raccomandato come alternativa ai trattamenti convenzionali anti-vomito durante tutta l'infanzia. Modificato da: Dalzell AM, Bartlett H, Lilleyman JS. Nabilone: an alternative antiemetic for cancer chemotherapy. Archives of Disease in Childhood 1986;61(5):502-505.
Modificato da: Dalzell AM, Bartlett H, Lilleyman JS. Nabilone: an alternative antiemetic for cancer chemotherapy. Archives of Disease in Childhood 1986;61(5):502-505. 

Dichiarazione

Dichiarazione dei diritti umani per l’accesso medico alla cannabis ed ai cannabinoidi

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.