Tu sei qui: Home > FAQ > Interazioni: La cannabis/THC interagisce con altri farmaci?

Interazioni: La cannabis/THC interagisce con altri farmaci?

Leo Hollister

Sebbene l'uso medico della marijuana non sia ufficialmente approvato, essa è stata testata empiricamente nel trattamento di vari disturbi medici, come la nausea ed il vomito associati alla chemioterapia per il cancro, la perdita di peso dovuta all'AIDS e la spasticità da malattie neurologiche. In ognuno di questi casi sono usati contemporaneamente anche altri farmaci. Finora, non è stata riportata nessuna interazione negativa, anche se questo potrebbe non riflettere la reale frequenza. Finché non si cerca qualcosa, non si è in grado di trovarla. (...) La letteratura pubblicata, almeno per quanto riguarda gli studi sugli uomini, praticamente tace. Solitamente questo silenzio indica che non sono state osservate interazioni significative nell'uso della marijuana nella vita reale, paragonato agli studi sperimentali. (...) Uno dei più ragionevoli usi terapeutici della marijuana e del THC è stato quello di attenuare la nausea ed il vomito associati alla chemioterapia per il cancro. Pertanto, i cannabinoidi possono essere usati simultaneamente con alcuni farmaci anti-cancro altamente tossici. (…) In nessun lavoro sull'uso di THC o marijuana da parte di pazienti che erano contemporaneamente in chemioterapia, è stata fatta menzione di un aumento della tossicità dei farmaci antitumorali. Nondimeno, l'assenza di segnalazioni potrebbe significare che non sono stati fatti dei tentativi per evidenziarla.Questo filone di ricerca dovrebbe essere incoraggiato.
Una situazione in qualche modo simile si riscontra nell'uso terapeutico del THC, somministrato oralmente, nel trattamento della perdita di peso associata all'AIDS. (…) Il THC o la marijuana sono stati usati per trattare la spasticità dovuta a patologie neurologiche, come la sclerosi multipla e le lesioni del midollo spinale. Poiché il THC può essere aggiunto alla terapia con miorilassanti, sarebbe interessante sapere se tale uso combinato possa essere dannoso. In uno studio su animali, nel quale il THC veniva dato insieme a miorilassanti, è stato rilevato un aumento degli effetti benefici di questi ultimi farmaci. In questo caso,l'interazione potrebbe essere vantaggiosa.
(Attenzione: questo testo è stato preso da un articolo scientifico. Alcune espressioni sono state cambiate per favorirne la comprensione.)
Hollister LE. Interactions of marihuana and D9-THC with other drugs. In: Nahas G, Sutin KM, Harvey DJ, Agurell S, eds. Marihuana and medicine. Totowa, NJ: Humana Press, 1999, pp. 273-277.
 

Franjo Grotenhermen

La cannabis ed il dronabinolo (THC) sono stati usati in combinazione con una moltitudine di farmaci, senza indurre interazioni farmacologiche negative. Studi clinici all'inizio del ventesimo secolo hanno dimostrato spesso un mutuo aumento degli effetti terapeutici delle preparazioni di cannabis e di altri farmaci. Nella moderna visione terapeutica, una combinazione di cannabis/THC con altri farmaci potrebbe anche essere di beneficio in alcuni trattamenti. La cannabis è stata usata illegalmente da individui affetti da molte malattie, insieme a numerose altri farmaci prescritti dal medico, senza che nessun effetto collaterale indesiderato di una qualche rilevanza clinica sia stato osservato. (…)
Altri farmaci possono aumentare o diminuire certi effetti della cannabis e/o del THC, ovvero certi effetti di queste farmaci possono essere aumentati o diminuiti dalla cannabis/THC. Inoltre, è possibile che certi effetti vengano aumentati ed altri diminuiti, come nel caso delle fenotiazine, utilizzate contro gli effetti collaterali della chemioterapia contro il cancro (vedi sotto).
Di grande interesse clinico è il potenziamento dell'effetto sedativo di altre sostanze psicotrope (alcool, benzodiazepine) e l'interazione con sostanze che agiscono sul cuore (amfetamine, adrenalina, atropina, beta-bloccanti, diuretici, antidepressivi triciclici, ecc.). (…) · Anti-colinergici: Atropina e scopolamina possono aumentare l'accelerazione della frequenza cardiaca dovuta al THC.
· Anti-colinesterasici: la fisiostigmina antagonizza gli effetti psicotropi e l'accelerazione della frequenza cardiaca da THC. (...)
· Anti-depressivi (inibitori selettivi del riassorbimento della serotonina): il THC può aumentare l'effetto della fluoxetina.
· Anti-depressivi (triciclici): aumento della frequenza cardiaca, ipotensione arteriosa ed effetti sedativi della amitriptilina possono essere aumentati.
· Benzodiazepine: può verificarsi l'aumento della depressione respiratoria e della depressione delle funzioni cerebrali. L'azione antiepilettica può essere aumentata.
· Beta-bloccanti: riducono l'aumento della frequenza cardiaca associato al THC.
· Farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS): indometacina, acido acetilsalicilico (aspirina), e altri FANS antagonizzano gli effetti del THC. L'indometacina riduce significativamente l'"high" (NdT: stato di euforia dovuto all'assunzione di sostanze stupefacenti, in questo caso della cannabis) soggettivo e l'accelerazione della frequenza cardiaca.
· Fenotiazine: la proclorperazina e altre fenotiazine attenuano gli effetti psicotopi del THC ed aumentano i suoi effetti antiemetici.
· Glaucoma: molti farmaci che diminuiscono la pressione intraoculare ed i cannabinoidi possono agire additivamente.
· Neurolettici: il THC può antagonizzare l'azione antipsicotica dei neurolettici. Questo può migliorare i loro effetti terapeutici nei disordini motori.
· Oppiacei: Aumento degli effetti sedativi e analgesici.
· Simpatomimetici: le amfetamine e altri simpatomimetici incrementano l'accelerazione della frequenza cardiaca e l'aumento della pressione sanguigna.
· Teofilline: il metabolismo delle teofilline è accelerato dal THC. Pertanto possono essere necessarie dosi più elevate di teofilline.
(Attenzione: questo testo è stato preso da un articolo scientifico. Alcune espressioni sono state cambiate per favorirne la comprensione.)
Grotenhermen F. Practical hints. In: Grotenhermen F, Russo E, eds. Cannabis and cannabinoids. Pharmacology, toxicology, and therapeutic potential. Haworth Press, Binghamton/New York 2001, in stampa.
 

Rivista

Members only

 Please click here to visit the Members Only Area with a film to honour Prof Raphael Mechoulam, 
Please click here to become a member.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.