Tu sei qui: Home > FAQ > Rischi del fumo: Quali sono le migliori strategie per ridurre i rischi del fumo di cannabis?

Rischi del fumo: Quali sono le migliori strategie per ridurre i rischi del fumo di cannabis?

Donald P. Tashkin

Il fumo di marijuana è almeno qualitativamente simile a quello del tabacco, con l'importante eccezione che il fumo di marijuana contiene delta-9-tetraidrocannabinolo (delta-9-THC) e circa 60 altri cannabinoidi che non si trovano nel tabacco, e viceversa che il tabacco contiene nicotina, che non c'è nella marijuana. Molti degli ingredienti comuni a tabacco e marijuana sono conosciuti come tossici per l'apparato respiratorio. Questi componenti tossici comprendono acido cianidrico, ossidi di azoto, acroleina, aldeidi reattive e diversi noti cancerogeni. Perciò è ragionevole attendersi che l'inalazione ripetuta di composti tossici con il fumo di cannabis può a lungo termine avere effetti avversi sul polmone, simili a quelli osservati nei fumatori regolari di tabacco.
Tashkin DP. Respiratory risks from marijuana smoking. Grotenhermen F, Russo E, eds. Cannabis and cannabinoids. Pharmacology, toxicology, and therapeutic potential. Binghamton NY: Haworth Press, 2001, in press.
 

Franjo Grotenhermen

Le migliori strategie per ridurre i rischi del fumo sono:
- Usare cannabis ad alto contenuto di THC (...)
- Usare cannabis pura. A volte, la cannabis viene fumata mista a tabacco o altre erbe disseccate. Questa procedura deve essere evitata per minimizzare l'inalazione di fumo derivante dalla combustione di materiale vegetale.
- Usare una pipa. La pipa è superiore alle sigarette, in quanto permette al paziente di fumare piccole quantità di cannabis pura ad alta gradazione. La percentuale di catrami nel fumo è ridotta per condensazione sulle pareti della pipa. Le pipe vanno pulite spesso. Le pipe ad acqua sono inferiori alle sigarette e andrebbero evitate. (...)
- Usare cannabis priva di contaminanti naturali o di adulteranti. Solo piante sane di cannabis dovrebbero essere raccolte e disseccate (...)
- Usare strumenti di inalazione che non producono catrami (...) Gieringer ha testato dei vaporizzatori che scaldano la marijuana a 180-190°C vaporizzando il THC al di sotto del punto di combustione della cellulosa e degli altri componenti della pianta. La produzione di idrocarburi policiclici viene ridotta. Il miglior vaporizzatore ha dato 10 parti di catrame per una parte di cannabinoidi, mentre per le sigarette il rapporto è stato di 13:1 (in media), e per le pipe ad acqua di 27:1 (...). Perciò, il miglior vaporizzatore ha avuto un indice di efficienza superiore del 25% circa alla sigaretta di cannabis senza filtro, mentre le pipe ad acqua si confermano peggiori delle sigarette. L'uso di un filtro in una sigaretta di cannabis non risulta vantaggioso, in quanto non filtra solo i catrami, ma anche i cannabinoidi, cosicché l'indice di efficienza risulta del 30% inferiore alla sigaretta senza filtro.
In un nuovo studio, Gieringer ha potuto dimostrare che i prodotti della combustione erano sostanzialmente ridotti usando un altro vaporizzatore. Questo ha prodotto THC a una temperatura di 185°C eliminando completamente benzene, toluene e naftalene. Significative quantità di benzene cominciano ad apparire a una temperatura di 200°C, mentre la combustione avviene dai 230° in su. Tracce di THC si riscontrano già a 140°C. Il monossido di carbonio e i catrami furono entrambi significativamente ridotti da questo vaporizzatore e non sono stati quantificati in questo studio. Tuttavia, si presume una riduzione significativa degli idrocarburi policiclici aromatici perché la cannabis vaporizzata emette un vapore leggero e grigio, lasciando un residuo di materiale vegetale verde o verde-bruno di aspetto "tostato"; invece il campione bruciato produce un fumo spesso e lascia solo cenere (...)
- Combinare uso orale e inalazione. In molte indicazioni, un regime combinato di un farmaco contenente cannabis o THC per uso orale come base, più un farmaco da inalare al bisogno può essere utile per ridurre sia i rischi del fumo che quelli da sovradosaggio per bocca.
Grotenhermen F. Harm reduction associated with inhalation and oral administration of cannabis and THC. Journal of Cannabis Therapeutics 2001, in press.
 

Rivista

Members only

 Please click here to visit the Members Only Area with a film to honour Prof Raphael Mechoulam, 
Please click here to become a member.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.